Skip to content

Le misure alternative alla detenzione applicate ai minori

L’Iter processuale per il minore autore di reato

Un minore autore di reato, o sospettato di aver commesso un crimine entra nel circuito penale con la redazione da parte della Polizia Giudiziaria di un verbale contenente la notizia di reato. Una volta che il minore viene formalmente accusato, la Polizia ne da notizia immediata al Pubblico Ministero, ai genitori, o a chi detiene la potestà genitoriale, e informa i servizi sociali.

Il Pubblico Ministero, una volta acquisita la notizia di reato, può disporre l'accompagnamento del minore al Centro di Prima Accoglienza, la sua collocazione presso una comunità autorizzata dal Ministero, oppure stabilire che il ragazzo sia condotto nell'abitazione dei genitori ai quali sarà raccomandato di mantenerlo disposizione per lo svolgimento delle indagini.

Il Centro di Prima Accoglienza con il supporto di un’équipe multidisciplinare ospita i minori arrestati, fermati o accompagnati, e quelli per cui non è stato possibile l'accompagnamento presso l'abitazione familiare per un periodo massimo di novantasei ore e comunque fino all'udienza di convalida dell'arresto. L'équipe ha il compito di raccogliere le prime informazioni sulla condizione personale, familiare e sociale del minore, e di individuare le prime ipotesi d'intervento.

I dati e le altre informazioni raccolte sul minore confluiscono in una relazione che sarà trasmessa al giudice e al Pubblico Ministero all’udienza di convalida. Entro le prime quarantotto ore, il Pubblico Ministero, se ritiene che vi siano i presupposti, chiede al Giudice per le Indagini Preliminari (G.I.P.) la convalida dell'arresto. Il G.I.P. può convalidare o no l'arresto disponendo l'applicazione di una misura cautelare o la remissione in libertà.

Se l’arresto viene convalidato, il Pubblico Ministero avvia il procedimento penale e da inizio alle indagini preliminari che sono necessarie per l’accertamento del reato e del suo autore materiale. Le indagini preliminari possono terminare con la richiesta di archiviazione in tutti i casi previsti dagli articoli 408 e 411 c.p.p. o con il rinvio a giudizio. La richiesta di rinvio a giudizio viene trasmessa al Giudice dell’Udienza Preliminare (G.U.P.), ai fini della fissazione dell’udienza preliminare.

L’udienza preliminare è camerale, al fine di salvaguardare la riservatezza del minore. Può terminare con una sentenza di non luogo a procedere oppure, se emerge la necessità diiaccertare maggiormente l'evento delittuoso e la personalità del minore, con la richiesta di rinvio a giudizio all’udienza dibattimentale. Tale udienza viene svolta da un collegio composto da quattro giudici, di cui due onorari. Durante l’udienza preliminare o in dibattimento, può essere applicato l’istituto della messa alla prova (Art 28 DPR 448/’88). Tale istituto consiste nella sospensione dell’iter processuale per un periodo non superiore a un anno durante il quale il giudice affida il minore ai servizi della giustizia minorile che in collaborazione con i servizi locali, svolgono nei suoi confronti attività di osservazione, sostegno e controllo. Se il periodo di sospensione ha avuto esito positivo, il reato si estingue, se negativo si procede con la prosecuzione del processo penale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le misure alternative alla detenzione applicate ai minori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Guglieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze del servizio sociale
  Relatore: Anna Maria Peccioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi