Skip to content

Donne e lavoro: l'altra metà dell'economia. Influenza del capitale umano sulle discriminazioni di genere

“Part-Women”: questione di tempo

Per quanto riguarda il problema delle competenze e quindi di una scarsa formazione delle lavoratrici italiane, è stato interessante l’intervento di Roberta Cocco (Direttore Responsabilità sociale Microsoft Italia), secondo la quale, per cambiare le cose, bisogna tenere presenti e agire su due aspetti fondamentali: Empowerment e Education. Con il termine Empowerment, Roberta Cocco ha indicato la necessità di facilitare l’accesso delle donne alle informazioni per poter aggiornare più velocemente le proprie competenze. Grazie alle tecnologie avanzate che abbiamo a disposizione al giorno d’oggi, è assurdo che una donna debba trovarsi di fronte ad un bivio e scegliere se interrompere o meno la sua carriera in caso di maternità. Per questo si parla anche di Education, cioè di un aumento e miglioramento dei corsi di formazione per le donne in ambito lavorativo, di modo che possano ampliare le loro conoscenze in campo tecnologico ed informatico, utili e fondamentali durante tutta la loro carriera. La tecnologia, infatti, è considerata ormai trasversale e per questo può essere utile per recuperare le risorse perse durante il periodo di maternità oppure evitare che ci sia questo calo nelle esperienze e nelle competenze delle madri. A questo proposito, uno degli argomenti più dibattuti negli ultimi mesi in Italia, sia a livello politico che sociale, è la questione dell’Agenda digitale, tema trattato all’interno del Decreto Legge Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, approvato il 13 dicembre 2012. Le disposizioni riguardano l’attuazione dell’agenda digitale per le attività imprenditoriali, nei settori della pubblica amministrazione, della sanità, dell’istruzione e della giustizia per cercare di semplificare e snellire i pesanti iter burocratici italiani rendendo le pratiche più facili e veloci da gestire per via telematica. Quest’innovazione, come propone Roberta Cocco, può rappresentare un valido strumento per le donne lavoratrici che, grazie alle tecnologie a disposizione, potrebbero continuare a svolgere il loro lavoro da casa durante il periodo di congedo per maternità, rimanendo in contatto con la propria azienda tramite il computer, senza dovere interrompere l’attività per lunghi periodi con conseguenti perdite di competenze e quindi abbassamenti salariali. Per le professioni che lo consentono, la possibilità di poter gestire il proprio lavoro anche da casa, è un’ottima soluzione per riuscire a ridurre l’asimmetria dei tempi di vita tra i generi senza costringere le donne se scegliere tra famiglia e lavoro. Nell’ambito della conoscenza, l’utilizzo delle nuove tecnologie diventa inoltre un fattore chiave anche per lo sviluppo della competitività, invece nel nostro paese, l’uso di internet da parte delle donne tra i 16 e i 74 anni per servizi di e-governement è ancora solo del 13% contro il 32,7% della media europea. Così anche nella formazione, il nostro Paese presenta un divario non indifferente con solo il 6,6% di donne che partecipano ad attività di training sul lavoro in confronto al’12,4% della media europea. Queste mancanze pongono le donne italiane in una situazione di svantaggio e arretratezza rispetto alla controparte europea, contribuendo a rafforzare lo stereotipo della donna come principale responsabile nella cura della casa e della famiglia, che quindi tende a rinunciare alle sue aspirazioni lavorative e a sacrificare parte del tempo che potrebbe investire nella propria formazione, per adempiere ai propri doveri di moglie e madre. Secondo dati provenienti da Eurostat, Ocse e il Programma per lo Sviluppo delle nazioni Unite (UNDP, United Nations Development Programme), infatti, per quanto riguarda le lavoratrici in proprio e le imprenditrici, si è registrata una percentuale del 43,6% di ore dedicate settimanalmente al lavoro contro il 46,9% della media europea.
Attualmente, in Italia, l’apparente soluzione femminile ai problemi di conciliazione è rappresentata dal part-time. Lo considero un rimedio “apparente”, poiché, a lungo termine, include costi e rischi squilibrati all’interno della coppia che non portano a vantaggi significativi per la donna. Se una donna lavora part-time, infatti, avrà un reddito minore rispetto a chi lavora full-time e quindi accumulerà meno ricchezza pensionistica, rendendola ancora più dipendente economicamente dal partner. Le occupazioni part-time, spesso riducono le possibilità di carriera e le chance di migliorare le proprie competenze, indebolendo così le risorse negoziali delle donne. Come nei paesi scandinavi, soprattutto Svezia e Danimarca, il part-time è sempre più utilizzato dalle donne come meccanismo temporaneo per reinserirsi nel mercato del lavoro dopo la maternità, mentre in Italia, è uno strumento inflazionato dalle imprese per le loro esigenze, ma spesso non risponde ai bisogni delle lavoratrici, poiché il part-time non sempre gode delle stesse forme di protezione per quanto riguarda l’indennità di disoccupazione o i congedi di maternità. Il part-time dovrebbe rappresentare un’opzione possibile in alcune fasi della vita della donna, ma spesso rischia di diventare una strada senza uscita se non è prevista la reversibilità: se le donne rimangono ingabbiate in questo meccanismo per l’interruzione più o meno temporanea del lavoro, si crea uno squilibrio salariale e discriminazioni dirette che hanno un effetto di intensificazione del lavoro remunerato degli uomini poiché continua ad essere affidata loro la responsabilità principale di procacciare reddito. Le difficoltà incontrate nel mercato del lavoro, quindi, sono legate anche ad una scarsa diffusione dei rapporti di lavoro che facilitano la conciliazione tra lavoro e famiglia: infatti, le donne italiane impiegate a part-time, nella fase di rientro al lavoro dopo il congedo per maternità, sono il 27,9% delle occupate contro il 37,1% della media europea e si registra inoltre, sul totale della forza lavoro femminile, un tasso di disoccupazione di lunga durata pari al 4,1% contro il 2,6% in Europa. Secondo il “Rapporto Ombra CEDAW 2011 sui Diritti delle Donne in Italia”, al part-time, si affianca una grande diffusione di lavori precari con contratti atipici per i quali non sono assicurati ammortizzatori sociali e spesso caratterizzati da bassi livelli retributivi o discontinuità lavorativa. Per questi tipi di impieghi la maternità non è tutelata e spesso le donne che chiedono periodi di congedo, si trovano poi senza lavoro al momento in cui, dopo il parto, decidono di riprendere la propria professione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Donne e lavoro: l'altra metà dell'economia. Influenza del capitale umano sulle discriminazioni di genere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giada Marraghini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue e istituzioni economiche e giuridiche dell'Asia orientale
  Corso: Lingue e istituzioni economiche e giuridiche dell'Asia orientale e dell'Africa mediterranea
  Relatore: Valeria Zanier
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
donne
capitale umano
cina
imprenditoria femminile
discriminazione salariale
segregazione sul lavoro
capitale finanziario

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi