Skip to content

Sinergia tra ASL, Comuni e Cittadini nella Società della Salute:l’esperienza partecipativa del PIS zona Grossetana

Il pensiero della politica nei confronti della Società della Salute

Innanzi tutto vediamo come è andato il dibattito al momento del voto di approvazione della L.R.T. n.60/2008 che istituiva le Società della Salute. Il provvedimento fu adottato a maggioranza, con il voto contrario dell’opposizione di centrodestra.

Il Consigliere F.Fossati (PD) disse che “noi con questa legge scommettiamo sulla capacità del sistema di governare processi complessi; questa è una legge che si fonda sulla funzione del governo, e sulla capacità dei cittadini di rispondere e di aut organizzarsi per migliorare la qualità della vita”.

Un si convinto fu espresso anche da Alessia Petraglia (sinistra democratica) secondo la quale “ il testo della legge, dopo il lungo lavoro in commissione sanità, è stato capace di accogliere il dibattito che si è aperto nella società Toscana, è stata accolta la sfida di coinvolgere i comuni”. Monica Sgherri (rifondazione comunista) ha detto “i nostri dubbi espressi in passato sulla SdS sono stati superati dall’accoglimento di alcuni emendamenti, per cui adesso su tutti gli atti di programmazione sarà necessario il parere preventivo delle assemblee elettive”.

Mario Lupi (verdi) ha giudicato la proposta di legge “positiva e profondamente innovativa, perché i consigli comunali tornano in campo e si afferma il valore della democrazia diffusa”. Per paolo Marini (comunisti italiani) ci sono il coinvolgimento delle comunità locali, l’attenzione al processo di integrazione socio-sanitaria e la partecipazione dei cittadini alla gestione dei servizi. Pieraldo Ciucchi (PSI) ha spiegato che il nuovo assetto può portare ad un innalzamento del livello della qualità della vita ed ha detto “ siamo davanti ad un percorso nuovo che ha bisogno di grande capacità di governo da parte delle comunità locali”.

L’opposizione invece ha espresso un voto contrario, bocciando le Società della Salute prima della loro nascita giudicandole un nuovo costo non commisurato alle prestazioni erogate ed ha detto con Roberto Magnolfi (FI-PDL) “le società della salute sono una forma di intromissione della burocrazia politica nel corretto governo della sanità e dei servizi sociali”, stesso giudizio di Marco Cellai (AN-PDL) in quale ha detto “ errare è umano, perseverare è diabolico e certo logica avrebbe voluto che non si proseguisse sulla strada dell’istituzionalizzazione delle SdS in quanto si tratta di una scelta irrazionale”. In fine Marco Carraresi (UDC) ha detto “la sperimentazione non ha prodotto alcun risultato e dunque non c’era niente da valutare, con le SdS si introduce solo un ulteriore livello burocratico che rischia di peggiorare i livelli di assistenza”.

Vediamo adesso cosa pensava la politica locale il 23/02/2009 dopo l’approvazione dello statuto della Società della Salute Grossetana. L’ex presedente del COeSO ora, presedente del comitato di partecipazione ha detto che le cose cambieranno in meglio ed i servizi saranno più vicini ai cittadini e che i sindaci (di destra e sinistra) hanno lavorato in sinergia per la costituzione della SdS che mette la maremma all’avanguardia perché la SdS Grossetana sarà molto operativa ed un punto di riferimento per tutta la Toscana. Il presidente della provincia nell’incontro di presentazione esternò fortemente la sua soddisfazione personale, ringraziando sia tutti gli operatori che il volontariato. Ricordando che il COeSO nacque perché all’epoca non c’erano le condizioni per un confronto positivo con le ASL che ponesse le basi su una visione globale sul piano locale per quanto riguardava i servizi e l’assistenza andando ad investire sui diritti di chi ha un disagio. Con lo statuto della SdS si va a valorizzare l’esperienza del COeSO, il quale si rinnova per gestire meglio le risorse. La SdS garantirà un governo organico dei servizi e della domanda oltre al controllo della gestione ed i comuni hanno quindi l’obbligo morale di ultimare questo percorso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sinergia tra ASL, Comuni e Cittadini nella Società della Salute:l’esperienza partecipativa del PIS zona Grossetana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Paolucci
  Tipo: Tesi di Master
Master in Health Services Management
Anno: 2012
Docente/Relatore: Francesca Nisticò
Istituito da: Università degli Studi di Siena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi