Skip to content

L’Overconfidence e i suoi effetti nelle PMI italiane: Un'analisi empirica.

Overconfidence e performance societaria

Il panorama inquadrato dalla letteratura fino a qui presente riguardante l'overconfidence, si focalizza per lo più su imprese di grandi dimensioni, prevalentemente quotate in borsa, con localizzazione oltreoceano.
Date queste premesse, ho ritenuto utile focalizzare la mia ricerca sul panorama italiano, inquadrandola nella realtà economica del paese, per lo più costituito da imprese di medie e piccole dimensioni. Data la particolarità del nostro contesto economico.culturale, trovo più che interessante l'ipotesi di studiare come cambi l'effetto dell'overconfidence in questo contesto.
Nel caso specifico, la mia trattazione si è occupata di evidenziare come l'effetto overconfidence colpisca imprenditori o amministratori delegati, analizzando il modo in cui essi formulano le proprie decisioni inerenti all'impresa. La ricerca descrive come l'overconfidence influenzi l'impresa, portando eventualmente l'imprenditore o amministratore delegato a prendere decisioni non razionali, spinto dall'eccessiva fiducia nei propri mezzi e nelle proprie competenze, e dalla conoscenza del mercato in cui opera.
Nella creazione di un criterio di misurazione per l'overconfidence, mi sono servito della teoria di Schaefer et al. (2004), che hanno evidenziato una correlazione positiva tra estroversione ed overconfidence, e delle ricerche di Niu (2010) e Adam et al. (2011), i quali hanno identificato relazioni positive significative tra avversione al rischio e overconfidence.
Secondo il criterio utilizzato, imprenditori e amministratori delegati intervistati risultano avere per il 68% un grado medio (3°), medio alto (4°) o alto (5°) di overconfidence. Interessante notare come solo 3 soggetti presentino il grado minimo (1°).
Non mi è stato possibile effettuare uno studio riguardante possibili mutamenti del grado di overconfidence tra i diversi generi sessuali, come teorizzato da Barber e Odean (2001), a causa del numero troppo esiguo di donne (4 su 50 soggetti) nel campione analizzato.
Ho invece analizzato possibili relazioni significative tra overconfidence ed età come rilevato da Agarwal et al. (2007), e tra overconfidence ed anzianità di ruolo oltre che societaria, non evidenziando però alcun livello significativo.
Per quanto riguarda l'effetto dell'overconfidence sulle performance aziendali, con riguardo alla struttura del capitale e alla sua relazione con l'overconfidence, mi aspettavo che senior manager overconfident utilizzassero più debito rispetto alle società guidate da manager meno overconfident, e che questo fosse di lungo termine, poiché l'overconfidence potrebbe infondere nei soggetti una maggior sicurezza in se stessi, che si riflette su una maggior sicurezza nel poter restituire il debito contratto in un più lungo periodo.
In seguito alle analisi della varianza (ANOVA) effettuate, risulta che le imprese guidate da chi si trova ad avere un grado di overconfidence più alto, tendono ad avere un maggior indice d'indebitamento a lungo e un indice di indebitamento a breve più basso. Questo risultato è in linea con le rilevazioni di Ben-David, Graham, Harvey (2007), i quali sostengono che manager overconfident preferiscano capitale a debito di lungo termine.
La ragione può essere individuata nella maggior sicurezza in se stessi da parte dei soggetti che si riflette su una maggior sicurezza nel poter restituire il debito contratto in un più lungo periodo. Probabilmente questi soggetti avranno una tendenza a effettuare investimenti o a spingersi in operazioni di M&A. Questo risultato potrebbe quindi supportare la tesi di Malmendier e Tate (2005) che CEO overconfident abbiano una maggior propensione ad effettuare attività di M&A.
Questi risultati confutano quindi la tesi di Landier e Thesmar (2006), i quali rinvenivano un più alto grado di indebitamento a breve termine di imprese guidate da soggetti ottimisti (caratteristica componente l'overconfidence).
Sempre per quanto riguarda la struttura del capitale non sono state evidenziate relazioni significative tra il grado di indebitamento e l'overconfidence nonostante ciò fosse tra le aspettative seguendo la ricerca di Malmendier e Tate (2005), i quali rilevarono come CEO overconfident preferiscano finanziamento per debito piuttosto che per equity.
E' inoltre stata evidenziata una significatività globale tra overconfidence e giacenza media delle scorte ma non sono state rinvenute particolari significatività infragruppo (tra vari gradi di overconfidence), probabilmente a causa della poca numerosità del campione analizzato. Si rimanda in questo caso a ulteriori indagini.
Con riferimento alla relazione tra overconfidence e potere, la mia analisi si proponeva di misurare l'effettivo grado di esercizio del potere decisionale, evidenziando inoltre ove vi siano influenze da parte di manager e imprenditori occupanti ruoli di potere, sulle performance societarie.
Dalle analisi della varianza è risultata una relazione significativa tra overconfidence e decisionismo in merito alle acquisizioni ed investimenti. Risulta che manager e imprenditori con il minimo grado di overconfidence tendano a demandare queste decisioni ad altri soggetti d'impresa. A causa della scarsa numerosità del campione statistico si rimanda a ulteriori ricerche in tal senso per evidenziare in maniera efficace plausibili relazioni significative di accentramento delle decisioni in merito alle acquisizioni e investimenti, per effetto dell'overconfidence.
Questi dati risultano comunque parzialmente in linea con la letteratura a riguardo, mostrando come effettivamente manager ed imprenditori tendano a non demandare decisioni societarie. Ciò avviene probabilmente aumentando l'effetto dell'overconfidence sulle performance aziendali, o viceversa potrebbe essere l'overconfidence a portare a un maggiore decisionismo a causa dell'aumento del livello percepito di conoscenza esposto precedentemente da Fast et al. (2011).
Non sono infine stati evidenziati livelli significativi di relazione tra overconfidence ed avversione alla perdita (Vedasi Appendice 5).
Infine, a puro scopo confermativo, dell'efficacia del criterio di overconfidence da me utilizzato, ho effettuato un'ANOVA tra overconfidence e 4 dei 5 fattori del Big Five model, la quale non rileva alcuna significatività inferiore a 0,05. Questo risultato si mostra così in linea con la precedente ricerca ad opera di P. Schaefer, C. Williams, A. Goodie e W. Campbell, risalente al 2003, i quali evidenziarono solamente una correlazione significativa tra estroversione ed overconfidence.
Mi sono astenuto dall'effettuare la suddetta analisi per il fattore di estroversione, siccome ho appunto utilizzato quest'ultimo tra le variabili per la creazione dell'attuale misura di overconfidence.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’Overconfidence e i suoi effetti nelle PMI italiane: Un'analisi empirica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Balzarini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Management per L'impresa
  Relatore: Giuseppe Scaratti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 172

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

statistica
overconfidence
tesi sperimentale
110 e lode
tesi economia
psicologia delle relazioni
universita cattolica
tesi laurea magistrale
analisi biivariata
psicolgia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi