Skip to content

Albright, Rice e Clinton: retorica e gender nel discorso del segretario di stato americano

Donne e Politica: dal Movimento femminista ad oggi

Dopo avere esaminato il ruolo che le strategie discorsive e la retorica in generale rivestono nel linguaggio politico, vorrei concentrarmi su un argomento ancora più specifico e poco trattato dalla letteratura scientifica ovvero quello della retorica politica di genere. Il gender è definito dalle studiose Sonja K. Foss e Cindy L.Griffin “as a culture’s conception of the qualities considered desiderable for women and men, a construction created and mantained through various form of rhetoric”. Prima di considerare l’influenza del genere nella politica delle donne è necessario partire da una considerazione, ovvero il fatto che le donne siano entrate in politica solo di recente; la donna ha dovuto costruire la propria identità politica, la cui evoluzione è tuttora in corso, in un campo da secoli dominato dall’uomo. Nell’immaginario collettivo degli Stati Uniti la mistica della leadership ad esempio è ancora legata alla virilità anche perché connessa alla dimensione della guerra.

Ciononostante l’interesse per la retorica politica delle donne assume oggi un’importanza crescente considerati lo sviluppo e il nuovo stato dei diritti delle donne e il processo di empowerment in atto nei loro confronti; nell’era della globalizzazione e dei diritti di uguaglianza infatti la retorica delle donne in politica cerca di migliorare la vita delle donne nella società sia all’interno del Paese di provenienza che all’estero. Negli Stati Uniti in particolare è possibile riscontrare delle contraddizioni in questo campo, se da un lato l’America è infatti un paese all’avanguardia, dall’altro è estremamente riluttante nell’accettare alcuni semplici presupposti per un’effettiva uguaglianza di genere, come un sistema efficace di protezione delle donne lavoratrici. Uno sguardo al passato femminista dell’America mostra inoltre come quest’ultimo abbia delle radici totalmente diverse da quelle del nostro Paese; Esso nasce in ambito prevalentemente cristiano e vede tra le sue fondatrici Elizabeth Cady Stanton, Lucretia Mott, Susan B. Anthony le quali condividono tutte un retroterra protestante. La Convention di Seneca Falls del 1848 fu la prima Convenzione sui Diritti delle Donne nella storia americana che diede come risultato la Declaration of Rights and Sentiments abilmente modellata sugli argomenti della Dichiarazione di Indipendenza.

Dopo settant’anni di lotte le donne riuscirono finalmente ad ottenere il diritto di voto nel 1920; da quel momento in poi aumentarono la loro presenza in politica e furono formalmente incoraggiate ad entrare nella sfera pubblica soprattutto durante la seconda guerra mondiale. Il Presidente Franklin D. Roosevelt nominò Segretario del Lavoro nel 1933 Frances Perkins, la quale divenne la prima donna ad avere un incarico a livello del governo presidenziale. Negli anni sessanta e settanta “the women’s liberation movement developed because women continued to be marked as lesser in society” secondo Beasley; la studiosa sostiene infatti che in quegli anni “women remained confined to domestic sphere and were still subject to many legal and customary constraints which significantly hindered their ability to access public life and opportunities”. La vittoria di Bill Clinton nel 1992 passò alla storia come “Year of the Women”, grazie ai voti che il Presidente ottenne proprio dalle donne. La presenza di queste ultime nella politica nazionale americana crebbe soprattutto nel 2000, anno in cui sette donne si presentarono al Senato, 122 alla House of Representatives e 65 furono elette complessivamente al Congresso degli Stati Uniti. Nonostante questi successi solo trenta donne hanno ricoperto incarichi di gabinetto presidenziale e solo il 15% è rappresentata al Congresso.

Hardisty riassume le sfide che le donne devono fronteggiare nella società politica attuale: “The women’s movement has not, after all, resulted in dramatic increases in the number of women holding political office. Nor has ended sexist discrimination and harassment in many settings. The discrepancy in salaries and wages between women and men has not changed significantly. The glass ceiling still blocks most women from promotion to top position within the corporate world. And with very few exceptions women still have primary responsibility for housework and child rearing, despite the veneer of the more caring husband and father”. In altre parole dunque le aspettative di genere per le donne che operano in politica negli Stati Uniti hanno condizionato il loro coinvolgimento nella sfera pubblica e influenzato le loro scelte retoriche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Albright, Rice e Clinton: retorica e gender nel discorso del segretario di stato americano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Pafumi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Traduzione letteraria e traduzione tecnico-scientifica
  Relatore: Donatella Montini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione politica
femminismo
genere
retorica
analisi linguistica
studi di genere
hillary clinton
segretario di stato
madeleine albright
condoleeza rice

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi