Skip to content

Analisi della Dinamica della Centralità Commerciale Italiana

Quanto è "internazionale" il commercio estero? Commercio intra ed extra-regionale

Altro aspetto caratteristico del commercio internazionale e del suo riflesso in termini geografici riguarda la presenza di dinamiche regionali, che la precedente indagine su flussi di breve e lunga distanza non era in grado di quantificare con esattezza. In precedenza è stata analizzata la portata del fenomeno osservando la prevalenza di flussi internazionali rispetto a quelli di tipo locale o regionale, ma senza differenziare in alcun modo tale segmentazione su scala mondiale. Se in precedenza l'elemento di analisi era incentrato sulla distanza geografica, in questo caso si osserva la segmentazione operata tra commercio intra-regionale ed internazionale in senso stretto. La regione geografica è un paradigma in grado di descrivere in maniera generica la distanza che intercorre nelle relazioni commerciali: considerare una singola area geografica ben definita permette di considerare ulteriori fattori storico-culturali che una mera analisi della distanza chilometrica non è in grado di cogliere. L'obiettivo finale sarà quello di verificare se il commercio si può considerare a tutti gli effetti come un fenomeno realmente internazionale o se al contrario prevalgono aspetti di tipo locale e caratteristiche di regionalità. La stessa Banca Mondiale si è espressa più volte circa la composizione dei flussi commerciali e delle dinamiche regionali. In passato prevaleva una generica dinamica commerciale di tipo Nord-Sud, laddove il Nord (in genere con questo termine si indicano le economie più evolute, come Europa e Stati Uniti) esportava beni manufatti nei Paesi del Sud, ed a sua volta riceveva da essi materie prime. Nella fase di globalizzazione più recente, essenzialmente dagli Anni'50, il commercio ha assunto connotati tipici delle relazioni intra-industriale e, in buona sostanza, coinvolge prevalentemente Paesi dotati di livello di sviluppo simili. La modalità scelta per osservare queste caratteristiche nel corso di questa trattazone è incentrata sulla classificazione delle varie regioni del mondo, andando a considerare sia la percentuale di flussi rivolti ai Paesi limitrofi contro quelli orientati in altre regioni, sia il numero effettivo di flussi aventi le stesse direzioni. La segmentazione dei Paesi del mondo in macro-regioni geografiche ricalca la classificazione stabilita dal'UN Statistic Division. Per ciascuna di queste aree si andrà ad osservare il valore ed il numero di relazioni commerciali stabilite con i Paesi della propria regione e con nazioni appartenenti ad altre aree.
Per ogni regione osservata si riscontrano degli elementi ricorrenti: in primo luogo, considerando il valore dei beni e dei servizi esportati, prevalgono in termini percentuali i flussi internazionali rispetto a quelli intrapresi con economie della stessa regione. Questo risultato non dovrebbe sorprendere, confermando i risultati ottenuti nel precedente paragrafo in termini di valore delle esporazioni: in termini di valore dell'export, la distanza non incide e prevalgono i flussi commerciali a lunga distanza. Dall'analisi dei dati emerge tuttavia che tale affermazione è tanto più evidente prendendo in considerazione regioni a basso sviluppo economico: in tal caso i flussi orientati a lunga distanza coprono la quasi totalità del valore delle merci esportate, mostrando l'elevata dipendenza delle regioni periferiche rispetto alle relazioni commerciali intraprese con le principali potenze economiche mondiali. Soltanto nel caso di alcune regioni dell'Europa, dell'Asia Orientale e del Nordamerica si avverte una sorta di convergenza, evidente dalla tendenza storica, tra le due tipologie di flusso commerciale, nonostante il commercio intra-regionale appaia di entità comunque inferiore: si tratta per l'appunto delle regioni a maggiore rilevanza strategica in ambito commerciale, composte dai principali Paesi partner. Quale spiegazione ipotizzabile per descrivere tale aspetto degli scambi internazionali? Per quale ragione le regioni meno sviluppate dipendono in modo preponderante da esportazioni effettuate con regioni diverse? Una delle spiegazioni possibili riprende le recenti teorie commerciali, che mostrano la prevalenza di legami intra-industriali tra Paesi dotati di livelli di sviluppo ed integrazione economica simili. L'elevata dipendenza delle regioni periferiche è dovuta dalla mancata capacità di integrazione locale dei rispettivi mercati, considerando in questa fase soltanto il valore dei beni e servizi scambiati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi della Dinamica della Centralità Commerciale Italiana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Accattoli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia del Commercio Internaz. e dei Mercati Valutari
  Relatore: Luca De Benedictis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 411

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi