Skip to content

Valore delle merci e diritti di licenza

I principi generali alla base del sistema internazionale di valutazione delle merci in dogana

La possibilità di applicare dazi non può considerarsi più scelta arbitraria di un singolo Stato, ma deve rispondere in egual misura a regole di diritto internazionale. Lo sviluppo del sistema economico mondiale presuppone anche l'esistenza e il rispetto di norme ed istituzioni che sovrintendono al corretto funzionamento dei mercati, e alle quali le imprese si devono uniformare. Espressione positiva di tale indirizzo è la possibilità di una forte e rapida intensificazione delle relazioni economiche internazionali tra i vari Paesi, soprattutto in favore di quelli in via di sviluppo. Si tratta di aspetti caratterizzati dall'interazione tra democrazia e economia.

In linea generale, è stato osservato che «nessun Paese si è potuto sviluppare con successo chiudendo le porte agli scambi internazionali e ai flussi di capitale di lungo termine» e che i Paesi che partecipano maggiormente agli scambi e agli investimenti internazionali tendono ad avere tassi di crescita più elevati, con effetti positivi sulla riduzione della povertà.Le dinamiche che sono alla base del buon funzionamento dei mercati presuppongono delle regole a tutela della leale concorrenza, di cui il rispetto dei sistema fiscali rappresenta un necessario corollario. Il tutto per giungere ad un sistema commerciale multilaterale regolamentato.

In tale prospettiva, il processo normativo internazionale che ha caratterizzato l'adozione di norme sul valore in dogana, è stato contraddistinto dalla volontà di adottare regole comuni ed eque, al fine di liberalizzare il commercio tra i vari Stati - cercando di uniformare quantomeno i sistemi protezionistici dei singoli Stati - e favorire, in tal modo, i Paesi in via di sviluppo. Relativamente a quest'ultimo aspetto è opportuno segnalare che l'importanza del rapporto tra sviluppo, commercio e integrazione dei Paesi in via di sviluppo nell'economia mondiale ha trovato conferma nei lavori di tre importanti conferenze internazionali.

I flussi commerciali internazionali hanno subito in questi ultimi decenni un forte aumento. Gli studi svolti in questo settore confermano come il commercio mondiale, in questo arco di tempo sia stato caratterizzato dalla crescente partecipazione dei Paesi in via di sviluppo, la cui quota di esportazioni di merci è passata da meno di un quarto a quasi un terzo tra il 1970 e il 1999; è, inoltre, cambiata la tipologia delle esportazioni dei Paesi in via di sviluppo: dai prodotti di base a prodotti manifatturieri.

Su questo tema, giova evidenziare come gli Organi istituzionali dell'Unione europea abbiano ribadito la necessità di far fronte ai propri impegni internazionali e di aiutare i Paesi in via di sviluppo, anche in relazione all'applicazione delle regole del valore in dogana.
Sul piano internazionale, il punto di partenza è rappresentato dall'applicazione dell’articolo VII dell'accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio del 1994, a cui ha fatto seguito l'Accordo sul valore in dogana dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Un ruolo importante nella materia è svolto anche dall'Organizzazione mondiale delle dogane (WCO), che ha veste di consulente tecnico in seno al Comitato della valutazione in dogana dell'OMC; a tal proposito, di rilievo sono le conclusioni sull'interpretazione dell'accordo GATT sul valore in dogana presentate attraverso il Comitato tecnico del valore dell'OMD, le quali, pur non avendo forza di legge, forniscono autorevoli orientamenti in merito alle modalità di applicazione dell'accordo sul valore in dogana in circostanze specifiche, descritte in un indice di conclusioni. L'art. 113 del Trattato di Roma, che conferisce all'Unione europea una competenza esclusiva in materia di politica commerciale, rappresenta nell’ambito del diritto comunitario il fondamento giuridico dei rapporti tra GATT e Comunità europea.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Valore delle merci e diritti di licenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Remigio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Enrico Perticone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dogana
royalties
dazi doganali
valore delle merci
importazione merci
diritti di licenza
dichiarazione in dogana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi