Skip to content

Gli studi sul Leggendario ms. I. II. 17 della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e sulle opere ad esso collegate

L'esposizione di Stoccolma e le ricerche degli specialisti

In occasione dell'ottantesimo anno del re di Svezia Gustavo VI Adolfo, nel 1962, a Stoccolma, si tenne una grande mostra sull'arte veneziana, dal XIII al XVIII secolo. Nella sezione dedicata alla miniatura fu esposta la Bibbia Glazier (New York, Pierpont Morgan Library, ms. G. 60), che nel catalogo venne datata alla fine del Duecento, attribuita alla scuola veneziana (che ne giustifica l'esposizione in quell'occasione) ma dubitativamente accostata anche alla scuola palermitana per le sue caratteristiche bizantine. In quell'occasione Carl Nordenfalk mise per primo in relazione la Bibbia con il Leggendario torinese e con il frammento raffigurante la Guarigione del paralitico del Museo Nazionale di Stoccolma.
L'accostamento tra la Bibbia Glazier e il Leggendario torinese è probabilmente basato sull'ipotesi dell'origine veneziana del manoscritto di Torino e sulle identità stilistiche rintracciabili nelle due opere, ma più importanti sono la proposta di attribuire a Palermo la Bibbia e la connessione di entrambi i manoscritti con il frammento di Stoccolma, attribuito alla Sicilia in occasione della mostra sull'Arte Bizantina di Atene del 1964. Tale relazione pose in crisi l'ipotesi dell'origine veneziana del Leggendario torinese, dando origine alla proposta d'esecuzione in Italia meridionale delle opere del gruppo al quale esso si collega.
Tre anni dopo l'esposizione di Stoccolma hanno inizio le pubblicazioni degli specialisti a partire dall'articolo dello studioso tedesco Hugo Buchthal del 1965 su due coppie di frammenti di manoscritti miniati. La prima coppia è costituita dal frammento di Stoccolma e da un frammento conservato al Gabinetto dei Disegni e Stampe degli Uffizi di Firenze, raffigurante la Guarigione della suocera di san Pietro. Le due miniature, identiche per dimensioni, stile e supporto, secondo Buchthal appartennero allo stesso manoscritto, probabilmente un Evangelistario, e vennero eseguite dalla stessa mano, sicuramente italiana "under very strong Byzantine influence". L'esecuzione, sulla base della cura e delle dimensioni molto ampie delle pieghe in cui ricade il panneggio delle figure e degli sfondi architettonici con tentativi di prospettiva scorciata, è posta alla fine del XIII secolo.
Va inoltre ricordata l'illuminante intuizione di Buchthal riguardante la straordinaria similarità dei frammenti con i mosaici della cattedrale di Monreale di fine XII secolo rappresentanti lo stesso soggetto. Le differenze principali tra miniature e mosaici sono nelle architetture retrostanti i personaggi, più simmetriche nei mosaici, più libere nelle miniature e nella spazialità delle scene che sulla pergamena sono più estese, tradendo a volte la narrazione evangelica. La conclusione dello studioso tedesco secondo questi e altri confronti più dettagliati, è che le miniature siano state eseguite ispirandosi direttamente ai mosaici di Monreale in uno scriptorium necessariamente nei pressi di questi ultimi, forse nella vicina città di Palermo.
E' importante ricordare che, annunciando una pubblicazione di Angela Daneu Lattanzi sull'Historia Scholastica di Palermo (Biblioteca Centrale della Regione Siciliana, già Biblioteca Nazionale di Palermo, ms. I. F. 10 ) e citando la Bibbia Glazier, il Leggendario torinese e "a similar manuscript in the Vatican", si cominci a delineare il gruppo di opere unite da strettissime affinità stilistiche qui descritto nell'introduzione.
Anche per la seconda coppia di frammenti (Los Angeles, J. Paul Getty Museum, ms. 35), è ipotizza la medesima origine siciliana, basandosi - oltre che sulle evidenti identità stilistiche con la prima coppia - anche sull'errata convinzione del supporto cartaceo, materiale diffuso in Occidente attraverso la Sicilia a partire dalla fine del XIII secolo8. I frammenti rappresentano scene dell'Antico Testamento riconducibili, secondo lo studioso tedesco, ai Libri dei Profeti: esse sono il Massacro degli Assiri e la Morte di Re Sennacherib (4 Re XIX, 35-37 e Is. XXXVII, 36-38) e la Visione di Zaccaria (Zacc. I, 8-11).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli studi sul Leggendario ms. I. II. 17 della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e sulle opere ad esso collegate

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Ranieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Fabrizio crivello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
torino
miniatura
medievale
uffizi
bizantina
leggendario
glazier
getty
pierpont

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi