Skip to content

Quando l'amore uccide - ''Morte interiore e ri-nascita di donne e uomini vittime di violenze nella coppia''

I reati di molestie e i reati di minacce

I reati posti dal legislatore a fondamento degli atti persecutori sono quelli di molestie e quelli di minacce, disciplinati rispettivamente dagli artt. 660 e 612 C.P.
Prima dell'entrata in vigore della L. 38/2009, era ad essi che ci rivolgeva per punire comportamenti oggi ricondotti alla fattispecie di atti persecutori. È perciò importante esaminarli brevemente, cercando di evidenziare i punti di contatto e di differenza con l'attuale normativa.

Art.660
Molestia o disturbo alle persone

Chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a 516 euro.


Elementi caratterizzanti il reato di molestia sono la petulanza e il biasimevole motivo. La petulanza è ravvisabile ove si riscontri un modo d'agire pressante, ripetitivo, insistente, indiscreto ed impertinente, che finisce per condizionare le abitudini e, più in generale, la sfera psichica del soggetto passivo. Il reato in questione di solito si estrinseca con corteggiamenti non graditi, telefonate o espressioni volgari, nelle quali lo sfondo sessuale costituisce solo il motivo dell'agire e non fa parte della condotta del soggetto molestatore. Una delle forme più comuni in cui si concretizza il reato di molestia è costituita sicuramente dalla molestia telefonica: continue telefonate ad ogni ora del giorno e della notte, spesso mute e talvolta effettuate con l'unica finalità di alterare la tranquillità e il riposo della persona presa di mira.
Così come il reato di stalking, la molestia presuppone la reiterazione dei comportamenti di disturbo, nonché la precisa e consapevole volontà dell'autore di arrecare fastidio e vessazioni alla vittima. A differenza del reato ex art. 612-bis, il reato di molestia non è per sua natura necessariamente abituale, essendo sufficiente anche una sola azione di disturbo o molestia, così come precisato dalla Suprema Corte di Cassazione; ed è perseguibile d'ufficio. Rientrano nell'espressione “col mezzo del telefono” anche gli SMS. Il reato in questione è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a 516 euro.

Ai fini della configurabilità del reato di minaccia, invece, si richiede la prospettazione di un male futuro ed ingiusto. Non è richiesto che il bene tutelato sia realmente leso, bastando che il male prospettato possa incutere timore nel soggetto passivo, menomandone la sfera della libertà morale.

Art.612
Minaccia


1. Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a 51 euro.
2. Se la minaccia è grave, o è fatta in uno dei modi indicati nell'articolo 339, la pena è della reclusione fino a un anno e si procede d'ufficio.


La minaccia può rappresentare uno degli elementi caratterizzanti il reato di stalking; da quest'ultimo, tuttavia, si differenzia poiché si limita alla sola raffigurazione di un possibile evento malevolo, senza la compressione della libertà morale della vittima, che è invece presupposto per la prima fattispecie di reato. Non occorre che la minaccia, così come lo stalking, sia proferita alla presenza del destinatario, sussistendo anche nel caso di affermazioni rivolte a persone di famiglia o a persone legate da un vincolo coniugale, o sentimentale, con lo scopo che queste siano riferite alla persona interessata (minacce trasversali). La minaccia non aggravata (art.612,comma1), perseguibile solo a querela della persona offesa, risulta oggi di competenza del giudice di pace e, prevedendo una pena pecuniaria sino ad un massimo di euro 51, non sembra poter esercitare un'effettiva pretesa punitiva nei confronti del colpevole. Viceversa, la minaccia grave (art.612/comma2; determinata dalla particolare gravità della minaccia o dall'utilizzo di armi) è perseguibile d'ufficio, risulta di competenza del Tribunale monocratico (cioè di un solo giudice giudicante) ed è punita con la reclusione fino ad un anno.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Quando l'amore uccide - ''Morte interiore e ri-nascita di donne e uomini vittime di violenze nella coppia''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariantonietta Rosa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Francesca Pacitti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 277

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza
disturbi
stalking
vittime
vittimologia
l.154/2001
d.l. 23 febbraio 2009,n.11
s.i.l.v.i.a

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi