Skip to content

NATO's out-of-area operations, Just War and game theory

The motivations that make war ''just'' today: the pillar of NATO's actions, collective defence and cooperative security

The evolution of just war has had an undeniable impact on NATO.s strategic thinking and this is reflected in the need of updating and contextualizing its Strategic Concept according to the new mission statements the Organization intends to issue. As it will be more clearly shown in the next session, the North Atlantic Alliance has been updating its tasks and responsibility and, whether this might be interpreted as an incongruence with the original mission it assumed in 1949, it is certainly coherent with and adapted to the environment in which it operates. As expressed in the latest Strategic Concept, NATO intents to operate within the framework of and in accordance with the international law and it legitimates its actions through its core principles and tasks. Among those, the most conspicuous are the collective defence and the cooperative security.

The first is strictly related to Art. 5 of the North Atlantic Treaty, evoked for the first time after the events of September 11th and that legitimated the member states to provide with security an ally of the Organization whenever it might be victim of a clear armed aggression; this implies that an attack to one member state is conceived as an attack to the whole Alliance. Thus, in NATO's terminology, collective defence is a synonym of mutual assistance as a response to an attack launched to any of its members. As it will be better explained in the following pages, this kind of military counter-reaction finds partial coherence within the international law and, to be more specific, in accordance to article 2 of the UN Charter which introduced the concept of self-defence in modern international law.
Furthermore, the Lisbon Summit of October 2010 has represented an occasion also to re-establish a second core task: cooperative security. Such label encapsulates the willingness of the alliances to operate successfully even beyond the borders of its constituting members. The idea of employing its political and military capabilities in order to ensure a secure environment around the globe can be considered as a sub-product of the end of the Cold War disputes. As a matter of fact the responsibility of stretching the intervention of the North Atlantic Alliance world-wide is a consequence of the fact that the organization is facing new kinds of threats and disputes which are no more situated in an indentified part of the globe.
The latest Strategic Concept has introduced both core tasks and principles as rights and duties of the Organization; as not only represent they the actions undertaken by the Alliance but also because they constitute the legitimate motivations such actions. It is therefore possible to infer that both coincide with the political justification of waging a war, however the latter – the cooperative security – can be interpreted as a first step toward the moral argument sustained by NATO in order to provide lawful explanation to its interventions. The difference between the political and moral arguments employed by the Organization will become clearer throughout the present and the following chapter.

Questo brano è tratto dalla tesi:

NATO's out-of-area operations, Just War and game theory

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Mecca
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in International Relations (Master in Relazioni Internazionali)
Anno: 2011
Docente/Relatore: Daniel Kselman
Istituito da: IE Instituto de Impresa Business School, Madrid
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi