Skip to content

Per una rilettura dell'Oedipus di Seneca

Pena e punizione: il sostantivo femminile poena

Nell'Oedipus senecano il più immediato tra i termini inerenti ai concetti di pena, punizione, espiazione è, naturalmente, poena, ricorrente innanzitutto al verso 529 (Ulline poena vocis expressae fuit?), in cui Edipo tenta di rassicurare Creonte sul fatto che non lo punirà per un discorso pronunciato sotto dura estorsione – sebbene, in seguito, la pena avrà comunque luogo –. Fare, quem poenae petant, viene poi esortato Tiresia, al verso 292, affinché riveli a Edipo chi possa essere passibile di punizione.

In questo momento, il re si mostra sussiegoso nei confronti dell'indovino, che vede ancora quale interlocutore privilegiato delle divinità: Sacrate divis, proximum Phoebo caput, lo appella infatti nel verso precedente (291), con un termine di valore sacrale – sacratus divis – e la sineddoche – parte per il tutto – caput. Troviamo poena, inoltre, al verso 222 (ut poenas luat), al 976 (iam iusta feci, debitas poenas tuli) e ai versi 936-7 (breves / poenas sceleribus solvis), con un enjambement tra aggettivo e sostantivo e il termine, già analizzato, scelus.

Se poenam ferre equivale a scontare una pena, così come poenam luere, poenam solvere indica invece un'espiazione, esattamente come il verbo expio, anch'esso presente nell'Oedipus (247: expietur, 217: expiari). Morte ed esilio, ben documentati nell'Oedipus, erano pene realmente trascritte nei codici giuridici sia in ambito greco che latino; in essi, manca però l'accecamento, presente tuttavia in svariate opere quale terribile punizione. Basti pensare all'Ecuba euripidea, in cui lo strisciante traditore Polimestore viene crudelmente accecato dalla devastata regina e dal suo seguito di schiave troiane.

Se per Edipo il pensiero di non scorgere più i familiari riesce, per quanto possibile, a mitigare vergogna e dolore, per Polimestore il non poter più osservare i figli è fonte di lancinanti sofferenze, tanto più pungenti in quanto l'ultima scena da lui visionata fu l'assassinio dei fanciulli da parte delle risolute schiave capitanate dalla regina decaduta. Riportiamo qui il passo in questione, in cui spiccano, in analogia con la vicenda di Edipo, oltre al desiderio di vendetta e alla cecità come punizione, il fatto che le colpe dei padri ricadano sulla prole, l'impossibilità di rivedere i propri familiari e il fatto che colui che è appena divenuto cieco, uscito da un edificio, venga visto da altri mentre barcolla sofferente (1035-55):

Polim: Ah, ah! Mi accecano, ah, la luce dei miei occhi.
Co: Avete sentito, l'uomo di Tracia, come grida?
Polim: Basta, basta, i miei figli, è orribile il massacro.
Co: Amiche, là dentro succede qualcosa di spaventoso.
Polim: Non riuscirete a sfuggirmi, per quanto corriate
Spacco tutto, qui dentro, con i miei colpi.
Co: Senti che colpi violenti? Non vogliamo intervenire?
È il momento di dare man forte a Ecuba e alle Troiane.
Ec: Spacca, distruggi tutto, butta già le porte!
Non l'avrai più, la bella luce degli occhi,
non potrai più vedere vivi i figli. Io li ho uccisi.
Co: Ti sei vendicata dello straniero, padrona, hai vinto
su di lui? Hai fatto davvero quello che dici?
Ec: Lo vedrai presto, qui davanti, brancolare cieco,
con passi da cieco: e vedrai anche i suoi figli, cadaveri.
Io li ho uccisi, io e le migliori fra le Troiane. Ha saldato
il suo debito, Polimestore. Eccolo, è là che viene fuori. Io mi
allontano, cerco un riparo dal furore straripante di quel disperato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Per una rilettura dell'Oedipus di Seneca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jennifer Bertasini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia e Storia dell'Antichità
  Relatore: Rossana Mugellesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 273

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pasolini
seneca
cocteau
sofocle
analisi lessicale
edipo re
commento continuo
oedipus, edipo
teatro antico, tragedia
letteratura classica, mitologia, mito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi