Skip to content

Spesa militare: primato a ''stelle e strisce''

La situazione odierna e il piano Obama

Ci sono due tipi di spese militari in tempo di guerra: la spesa di base per il budget della Difesa e quelle supplementari d’emergenza per coprire i costi delle operazioni militari. È opportuno avere ben chiara questa differenza per capire quali sono le intenzioni di Obama. Il budget di base per la Difesa previsto dall’amministrazione Bush per il 2009 era di 513 miliardi di dollari. Quello annunciato da Obama per il 2010 è di 523 miliardi di dollari. Apparentemente un incremento, ma solo se teniamo fuori le spese straordinarie di guerra. Il bilancio della difesa degli Stati Uniti rappresenta oltre il 40 % del totale mondiale delle spese militari e questa spesa continuerà a crescere sotto l’amministrazione Obama, anche se ad un ritmo più lento che sotto l’ex presidente Bush. Bush aveva chiesto al Congresso 188 miliardi di dollari di spese supplementari nel 2008 e una prima tranche di 65 miliardi per il 2009.

Obama ne ha aggiunti altri 75 miliardi, sempre per il 2009, per un totale di 140 miliardi di “spese aggiuntive”. Circa 50 miliardi di dollari in meno rispetto al suo predecessore, quindi. Robert Gates, il segretario alla difesa passato dall’amministrazione Bush a quella Obama, ha annunciato una «profonda riforma» della spesa militare statunitense. Non si tratta di risparmiare: il presidente ha chiesto, per l’anno fiscale 2009, altri 83 miliardi di dollari per le guerre in Iraq e Afghanistan e, nel 2010, il budget del Pentagono supererà i 670 miliardi, con tagli di oltre il 10 % (circa 55 miliardi dollari). Si tratta di usare meglio questo colossale esborso di denaro pubblico che, con altre voci di carattere militare, ammonta a circa un quarto del bilancio federale. La riforma, spiega Gates, consiste nel ridimensionare i programmi dei maggiori sistemi d’arma e accrescere i fondi per la guerra «controinsurrezione».

Le «lezioni apprese in Iraq e Afghanistan» hanno dimostrato che occorrono veicoli militari più resistenti a mine e ordigni improvvisati. Verranno quindi destinati grossi fondi alla loro realizzazione. Ma questa è solo una parte del programma Future Combat Systems, destinato a potenziare le capacità delle brigate di combattimento: i soldati saranno sempre più integrati in una rete high – tech, con comunicazioni satellitari e veicoli telecomandati. Saranno invece ridimensionati programmi come quello del caccia F-22 Raptor della Lockheed Martin, pensato per scenari da guerra fredda. La Lockheed, in compenso, riceverà maggiori fondi per il caccia F-35 Lightning II, più adatto per la «controinsurrezione».

Il Pentagono punta soprattutto sugli UAV (veicoli aerei senza equipaggio), telecomandati: in particolare il Predator e il Reaper. Questi aerei, già impiegati in Iraq, Afghanistan e Pakistan, hanno cominciato a soppiantare, in alcune missioni, quelli con equipaggio a bordo. I vantaggi sono molteplici: maggiore raggio d'azione (3.500 miglia del Reaper in confronto a 500 dell’F-16), minor costo (una unità di 4 aerei, 55 milioni di dollari) e, soprattutto, nessun rischio per l’equipaggio (un pilota e un addetto ai sensori). Uccidere manovrando con un joystick un aereo a 12 mila chilometri di distanza è l’ultima frontiera delle tecnologie belliche, su cui si basa la riforma del Pentagono. Grossi investimenti permetteranno di potenziare non solo gli UAV dell'aeronautica, attualmente circa 200 Predator e 30 Reaper, ma l’intero sistema dei droni militari, compresi i veicoli terrestri teleguidati, passati da 170 nel 2001 a 5.500. Essi serviranno a condurre la guerra «controinsurrezione».

Questo brano è tratto dalla tesi:

Spesa militare: primato a ''stelle e strisce''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Fumaio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze aeronautiche
  Relatore: Marco Musella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stati uniti
spesa militare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi