Skip to content

Made in Italy: promozione e tutela del marchio dell'Italia nel mondo

Made in Italy sinonimo di qualità

Il successo del made in Italy è oggi come non mai indissolubilmente legato alla capacità di generare prodotti di qualità e di mantenere alta l’immagine dell’Italia all’estero.
Sembrano parole scontate, ma il saper puntare sull’innovazione, sul design, ma soprattutto sulla qualità è, e dovrà essere, il punto di forza e la peculiarità di tutte le produzioni made in Italy.
Negli ultimi dieci anni si è verificato un processo di integrazione internazionale mai avvenuto in passato, grazie al quale sono aumentate notevolmente le esportazioni e gli investimenti.
L’Italia ha chiaramente beneficiato di questo contesto economico, pur non riuscendo a mantenere il passo di alcuni Paesi, infatti le esportazioni italiane sono cresciute ma non ai livelli di altre nazioni europee.
Altro elemento caratterizzante la nuova situazione economica mondiale è lo sviluppo del commercio internazionale, stimolato dalla crescita di nuovi settori, soprattutto quelli della nuova economia e della information and communication technology, che purtroppo hanno visto l’Italia scarsamente protagonista.
Aspetto sicuramente da non sottovalutare è la comparsa nell’arena economica mondiale di nuovi competitors, sempre più forti, con una eccezionale capacità di concorrere proprio in quei settori in cui da sempre l’Italia è avvantaggiata.
La Cina, beneficiando della nuova situazione economica globale, ha sviluppato fortemente la sua potenza economica e in circa dieci anni è divenuta la quarta esportatrice al mondo superando Paesi come: Italia, Francia, Gran Bretagna e Canada.
Come ricorda Beniamino Quintieri, Presidente dell’ICE (Istituto per il commercio estero), in questo contesto per nulla esaltante l’Italia ha saputo conservare posizioni di preminenza nei settori tradizionali del made in Italy.
Infatti da una più agguerrita concorrenza in termini di costi di produzione, alla quale in ogni caso era impossibile far fronte, le aziende italiane sono riuscite a reagire investendo in qualità, tecnologia e design che hanno prodotto inevitabilmente dei miglioramenti qualitativi, collocando la produzione italiana nella fascia alta del mercato, in posizione di nicchia tali da metterle al riparo, almeno in parte, dalla forte concorrenza dei Paesi emergenti.
Nei settori tipici del made in Italy, sistema moda, arredocasa, alimentazione mediterranea e comparti della meccanica collegata, l’Italia è diventata sempre di più un esportatore di prodotti di alta qualità.
Proprio la capacità di generare qualità nei settori di specializzazione del made in Italy ha consentito all’Italia di restare abbastanza competitiva, pur in una situazione economica globale in cui il Sistema-Paese non raggiunge posizioni di preminenza.
L’Italia, come ricordato in precedenza, non possiede una leadership in campo tecnologico e in quello della ricerca ed è facile chiedersi dove risieda la capacità per generare prodotti nuovi e di alta qualità. La risposta è da ricercare nel più importante bene immateriale di cui dispone l’Italia: il capitale umano alimentato da quell’immensa riserva culturale che è la vera ricchezza italiana.
La globalizzazione, possibile causa di uniformazione e standardizzazione dei consumi, sta in realtà favorendo anche una crescente domanda di prodotti diversificati e sempre più personalizzati. L’Italia, possedendo una forte identità, può giovarsi di questa apertura dei mercati giocando un ruolo di rilievo nel nuovo panorama economico.
Infatti la qualità, lo stile, il design rendono sempre più appetibili i prodotti del made in Italy all’estero, tanto che oggi si può parlare di uno stile di vita italiano che molti Paesi vorrebbero importare ed imitare. Il made in Italy si sta trasformando in un life in italian style.
La popolarità dell’Italia all’estero è in aumento grazie soprattutto alla qualità dei prodotti che esporta, è quindi necessaria la valorizzazione di un marchio di qualità che aiuti a mantenere le posizioni di nicchia ma che funga da traino anche per le aziende italiane che realizzano prodotti di fascia media, essenziale per generare volumi, fatturato ed occupazione.
Il marchio made in Italy esercita tutto il suo fascino in termini di design, di qualità e di capacità di imporre con i suoi innumerevoli prodotti la moda del momento.
Non stupisce pertanto il posizionamento di mercato in fascia medio alta che occupano molti prodotti italiani all’estero.
Addirittura nel campo della moda, in alcuni Paesi emergenti soprattutto del Sud Est Asiatico e dell’Europa dell’Est, vestire italiano significa ancora oggi indossare un vero e proprio status symbol.
Le azioni di promozione del made in Italy nel mondo devono svilupparsi partendo dall’unico vero vantaggio competitivo che possiedono le imprese italiane, cioè la capacità di creare prodotti con un design unico ed una qualità indiscutibilmente superiore e puntare sull’immagine che questi trasmettono ai consumatori finali.
Novità interessanti in termini di qualità provengono in particolare da un settore del made in Italy che non conosce crisi, il comparto alimentare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Made in Italy: promozione e tutela del marchio dell'Italia nel mondo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: William Stacchiotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione di massa
  Relatore: Giuseppina Bonerba
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi