Skip to content

Il Turismo in Italia Oggi - Analisi statistica con particolare riferimento alla regione Puglia

Turismo estero ed esterno

Come già menzionato nell’introduzione del capitolo per turismo estero si intende il flusso di turisti stranieri verso l’Italia, per turismo esterno si intende il flusso di turisti Italiani verso paesi esteri. Il turismo estero ed esterno formano il cosiddetta bilancia turistica.

È riconosciuta unanimemente l’assoluta rilevanza mondiale del settore turistico come fattore economico e di sviluppo. Si stima che il turismo rappresenti circa il 10% del PIL prodotto da tutti i paesi del mondo, al quale si deve aggiungere la quota attribuibile all’indotto che esso genera, un indotto che coinvolge un ampio insieme di settori produttivi. Il reddito da esportazione generato dal turismo internazionale è al 4° posto a livello mondiale, superato solo da settori “pesanti” come quello dei carburanti, della chimica e dell’automobile.

In relazione al turismo esterno le prime cinque destinazioni turistiche per arrivi internazionali sono nell’ordine: Francia, Spagna, Stati Uniti, Cina, Italia.
Come si può notare l’Italia occupa attualmente il quinto posto nella graduatoria di arrivi internazionali con 43,2 milioni nel 2010. A causa di un periodo di calo negli arrivi durato dal 2007 al 2009 è stata superata dalla Cina; solo nel 2010 il turismo estero ha ripreso a crescere.
Infatti dai dati della bilancia turistica Italiana registrati mensilmente dalla Banca d’Italia, ripropongono per il 2009 la situazione di criticità del turismo proveniente dall’estero, con entrate in calo del (-7,2%), ma consentono di estendere l’analisi anche al 2010 e ai primi mesi del 2011, mettendo in evidenza l’inversione di tendenza che con alcune eccezioni ha caratterizzato le dinamiche dell’anno scorso.
Nel 2010 le spese dei viaggiatori stranieri in Italia (cioè la somma delle spese effettuate dai turisti stranieri in Italia per l’acquisto di beni e servizi utilizzati per e durante la vacanza, ovvero nel viaggio e nel soggiorno turistico) pari a 29.250 milioni di euro sono aumentate dello 1,2% rispetto al 2009.

Il dato è la sintesi di andamenti differenziati, in calo per alcuni paesi e in crescita per altri. Tra quelle in calo sono state le entrate provenienti da Olanda, Germania e Australia a contrarsi maggiormente. Tra i valori in crescita invece si evidenzia in particolare, l’incremento del 36,1% della spesa dei viaggiatori russi e del 32,2% di quelli giapponesi.
La graduatoria dei mercati esteri che hanno generato le maggiori entrate turistiche nel nostro Paese e che vede ai primi posti Germania, Stati Uniti e Regno Unito, cambia notevolmente se si prende in considerazione la spesa media pro-capite giornaliera: sono stati i viaggiatori russi quelli che mediamente hanno speso di più durante il loro soggiorno in Italia (194 euro circa), seguiti da giapponesi (152,3 euro), australiani e svizzeri (126 euro circa). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Turismo in Italia Oggi - Analisi statistica con particolare riferimento alla regione Puglia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianni Tubito
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia, statistica e informatica per l'azienda
  Relatore: Saverio  Troiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

puglia
aziende turistiche
settore turistico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi