Skip to content

Oltre il sipario. L'offerta di lavoro di un attore di teatro

Il mercato del lavoro artistico

Molti studi sostengono che gli artisti si comportino come qualsiasi altro lavoratore e che le caratteristiche degli impieghi culturali siano simili a quelle dei lavori generali. Tuttavia, anche se gli assunti di base e i meccanismi di funzionamento sono quelli dell'economia politica, il mercato del lavoro artistico possiede delle peculiarità che devono essere evidenziate. Anche se riduttivo, il termine mercato del lavoro artistico definisce il con.testo nel quale operano artisti ed imprese artistiche: è in questo ambito che avviene l'incontro tra domanda e o.erta, creando una serie di scambi con le stesse caratteristiche di qualsiasi altro mercato, alla ricerca del punto di equilibrio. Vi sono oggi alcuni milioni di aspiranti artisti (offerta) che mirano ad entrare nel sistema arte e ad ottenerne riconoscimento ed utilità, ma a fronte di questa enorme o.erta potenziale, le risorse e le opportunità si rivelano troppo limitate (domanda di lavoro artistico): il numero di artisti che riescono ad ottenere un lavoro e a riuscire a sostenersi economicamente grazie a questo sono una frazione estremamente limitata dell'offerta totale. Tuttavia, nonostante le probabilità di successo siano minime, il numero di persone che tentano l'ingresso nel settore rimane elevatissimo. Partendo da una visione molto generale, possiamo dire che il settore dell'arte e il lavoro artistico si inseriscono in un contesto altamente instabile ed in rapida evoluzione. Innanzitutto il mercato del lavoro artistico è caratterizzato da una forte flessibilità al suo interno: rispetto ad altri settori lavorativi, in esso sono molto più frequenti i contratti di lavoro part-time o a tempo determinato, che lo rendono un lavoro cosiddetto non standar. Ciò è dovuto principalmente a due fenomeni presenti in questo settore del mercato del lavoro: in primo luogo la flessibilità del mercato del lavoro artistico è una conseguenza delle specifiche capacità richieste per ciascun progetto. Il settore culturale, infatti, è estremamente vasto, soprattutto in seguito all'interazione tra diverse branche artistiche e lo spettacolo è connesso ad esigenze particolari e temporanee, strettamente legate ai gusti e alla domanda del pubblico. Così, ad esempio, anche un prodotto teatrale può richiedere competenze di.verse da un altro prodotto teatrale. Questa situazione di instabilità è dovuta, inoltre, al fenomeno estremamente consistente del doppio lavoro, già analizzato nel Paragrafo 2.2.2: gli artisti intraprendono spesso lavori diversi nello stesso momento o passano da un impiego all'altro. I progetti sono quasi sempre limitati nel tempo, terminano con la chiusura della stagione e non permettono quindi un salario fisso o quanto meno prevedibile o stabile. Negli anni '80 e '90, per esempio, anche se il numero degli artisti occupati risultava numericamente superiore e in rapido aumento rispetto ad altre categorie lavorative nei principali paesi europei, la durata dei contratti diminuiva drasticamente e ancor oggi i lavori artistici appaiono instabili e precari. Nel settore dello spettacolo, la funzione produttiva raggruppa tutte le fasi che, dalla scelta dell'autore, del regista e degli attori alla realizzazione delle scene e dei costumi, portano alla complessiva messa in scena dello spettacolo. I lavoratori sono dunque coloro che prestano la loro attività inserendosi in un complesso aziendale, sotto la direzione di un datore di lavoro nel caso di un contratto di lavoro subordinato, oppure parti di un contratto di lavoro autonomo se prestano la loro opera senza l'organizzazione e la direzione altrui.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Oltre il sipario. L'offerta di lavoro di un attore di teatro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Campagnaro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia e Gestione delle Arti e delle Attivita culturali
  Corso: Scienze economiche per l'ambiente e la cultura
  Relatore: Laura Onofri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia
teatro
arte
teoria economica
cultura
attore
mercato lavoro
artisti
offerta lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi