Skip to content

Eleonora Duse epistolografa: le lettere alla famiglia Orvieto (1901-1908)

Una scrittura da palcoscenico

In una lettera a Giovanni Papini, Eleonora Duse confessa che la sua vocazione alla scrittura è un'eredità della madre Angelica, coltivata fin dai primi anni d'infanzia:

Questo di parlare, così, o con la matita che va o col pensiero, è, anche questa, una antica ricchezza (per me!) lasciatami da Mamma mia, che, in me, vedeva chissà quali doni di magia, povera cara e … s'estasiava quando vedeva, me, bambina, che bastavo a me stessa, e parlavo, con la seggiola, o con altri oggetti.

Quella vocazione si esprime innanzitutto nella scrittura epistolare, mentre rifugge la consuetudine degli attori e delle attrici dell'epoca di affidare all'autobiografia il ricordo delle proprie esperienze teatrali. Questa idea non sfiorò mai la Duse, che ribadisce il proprio rifiuto in una lettera ad Adolfo Orvieto:

Io so che quando uno s'illude di scrivere le sue "memorie"; ebbene "memorie" vuol dire: salvare dall'oblio "dunque: teniamole a mente, quel tanto che basta, per non accettare più una falsa ospitalità.

E poco più oltre aggiunge: "Le giuro caro amico di Borca e Cortina, che io non scriverò mai le mie memorie! glielo giuro!".

Ma la scrittura della Duse è in realtà difficilmente inscrivibile all'interno di un genere preciso. Anche nelle lettere il suo stile rivela un'assoluta originalità, e allo stesso tempo una debolezza sintattica e strutturale che lo rende del tutto inadeguato a qualsiasi tipo di scritto destinato alla pubblicazione.
L'arte scenica dell'attrice "contamina" anche lo stile dell'epistolografa. Eleonora scrive come se stesse recitando, utilizzando lo spazio della lettera quasi come se fosse un palcoscenico, ma comunicando spesso con una platea inesistente: il destinatario delle sue lettere è formalmente dichiarato, ma in realtà esse diventano il luogo di frequenti e angoscianti monologhi sul suo dolore di vivere. Tali monologhi sono scanditi dall'uso insistito di puntini di sospensione, simbolo di frequenti silenzi e di omissioni reiterate, dall'uso dei trattini, dai grandi spazi bianchi collocati tra le parole, dagli a capo continui; ne deriva una scrittura emotiva e recitata, che non deve essere esclusivamente letta ma alla quale è necessario prestare ascolto. Si vedano, a conferma di ciò, alcuni esempi tratti dalle lettere agli Orvieto:

Stasera undecima recita … - Un foglietto di carta da lettera per dire la Vita e la morte, - un atlantico da traghettare - e un'arte, da portar per il mondo!! - Da che parte cominciare? Dire la Vita? - Dire la pena?


-Per quanti, mai anni dovrò trascinare l'angoscia di un prestito,
- con l'età che declina, e con la impossibilità d'una illusione" nel mio lavoro????
? ? -
Ora - io domando -
Se non era possibile attendere a lasciarmi andar via.
Come io -
e darmi un po' di tempo e pace per lavorare -?


Benozzo -
stamane, bisogna mandarmi una paroletta …
("sorrisa e breve")
ma bona -
Stamane mi sveglio. e devo rispondere a dei telegrammi che mi porteranno lontano … - è la mia sorte -
- vorrei essere pari alla sorte e andarmene … senza soffrire.


Tanto, tanto Bene,
anch'io
anch'io - mi creda mi creda!
Ho tanta sete
di Bene e d'amore, che il darmene quanto me è come sogno.



Emerge una scrittura caratterizzata dall'oralità, dall'inclinazione al parlato, in cui i segni di interpunzione assumono la funzione di mutamenti di tono. Questo comporta, all'interno della prosa dusiana, una tensione continua tra silenzi e sfoghi improvvisi, tra detto e non detto, confermata anche dalle continue sottolineature, da alcune parole scritte con caratteri più grandi e dall'uso abnorme di punti esclamativi e interrogativi.
Sembra quasi che la Duse, oltre a sovvertire la tradizione teatrale del suo tempo, faccia lo stesso con le regole convenzionali della scrittura. Le lettere agli Orvieto, in questo senso, si rivelano una fonte ricca e preziosa di elementi che contraddistinguono la sua scrittura. Prendendole in esame emerge innanzitutto una personalità di scrittrice estrosa, dai forti accenti emotivi ed egocentrici.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Eleonora Duse epistolografa: le lettere alla famiglia Orvieto (1901-1908)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanna Sansone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Letteratura, Filologia e Linguistica italiana
  Relatore: Beatrice Manetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scrittura
amicizia
lettere
palcoscenico
epistolare
eleonora duse
famiglia orvieto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi