Skip to content

Donne in cammino: l’immigrazione ucraina nel Comune di Chioggia

Il lavoro delle donne immigrate

Osservando la situazione lavorativa italiana dell'ultimo lustro, possiamo affermare che da parte degli stranieri è presente una partecipazione al mercato del lavoro maggiore di quella degli italiani, soprattutto per quanto riguarda le regioni meridionali.
Questo enorme divario tra i tassi di occupazione deriva soprattutto dalla differenza del livello occupazionale in cui si inseriscono; vale a dire che gli immigrati al giorno d'oggi sostituiscono la popolazione autoctona in attività faticose e dequalificate non più accettate dalla popolazione locale che, per il crescente tenore di vita, ambisce a trovare lavori con qualifiche superiori.

È possibile spiegare che il grado di partecipazione al mercato del lavoro per quanto riguarda la popolazione autoctona maschile nel nord Italia, corrisponde al 75,1% , mentre per quanto riguarda la popolazione straniera possiamo parlare del 85,7%.
Osservando invece il fenomeno dell'occupazione femminile nel nord Italia, possiamo notare che quella autoctona corrisponde al 56,9% della popolazione femminile totale, mentre quella straniera corrisponde invece al 50,3%.

Soffermandoci sul centro Italia possiamo notare che l'occupazione per quanto riguarda la popolazione autoctona maschile corrisponde al 72,1%, mentre per la popolazione straniera possiamo parlare di un tasso di occupazione pari all'84,3%.
Per quanto riguarda l'occupazione femminile, la popolazione immigrata è maggiormente presente nel mercato del lavoro ammontando al 53% mentre la popolazione autoctona è presente all'interno del mercato del lavoro con una percentuale pari al 51,2% della popolazione femminile totale.

Infine anche nel Sud Italia, il fenomeno segue la scia della situazione presente nel centro del paese; qui la popolazione autoctona maschile è presente all'interno del
mercato del lavoro con una percentuale pari 62,1% mentre la popolazione immigrata maschile possiamo parlare di un tasso di occupazione pari al 75,4% .
Come nel caso della migrazione maschile, anche il tasso dell'occupazione femminile è maggiore rispetto a quella autoctona che è presente nel mercato del lavoro con un tasso pari al 30,8%, mentre quella immigrata è presente con un tasso pari al 48,4%.

Ricordiamo che oggi la manodopera locale italiana non è più sufficiente per adempiere ai bisogni di cura ed assistenza della popolazione autoctona, e proprio per questo motivo si avverte la necessità di una presenza di lavoratrici immigrate che eseguono a basso costo “le analoghe funzioni di cura che le donne italiane progressivamente meno di un tempo svolgono [3] “.

Il problema della carenza di manodopera nel settore dei servizi, è nato dopo gli anni '70 dello scorso secolo, con il progressivo smantellamento del nostro welfare state ed il conseguente taglio di molti servizi che alcuni anni prima venivano garantiti.
Le responsabilità di cura verso anziani, bambini e persone con handicap sono state quindi scaricate direttamente sulle famiglie, senza che queste avessero realmente la possibilità di sostituire il ruolo svolto dallo Stato negli anni precedenti.
Nemmeno la situazione lavorativa locale era stabile; anche gli italiani infatti cominciarono a risentire dei primi effetti della crisi del welfare, essendo costretti ad accettare posizioni lavorative con condizioni ed orari pesanti e non avendo così la possibilità di adempiere ai loro doveri familiari .

Un altro importante fattore, che ha comportato l'aumento dell'immigrazione femminile, è stata la massiccia entrata delle donne autoctone nel mercato del lavoro; quelle donne che erano in precedenza le principali responsabili dell'assistenza e della cura dei loro familiari sono diventate con il tempo lavoratrici a tempo pieno.
In questo modo, la possibilità di svolgere il ruolo di figlie, mogli e madri è stato vanificato per la mancanza del tempo materiale.
Per questa serie di motivi, è stata sempre più richiesta la presenza di lavoratrici immigrate che, con il compito di assistere bambini, anziani o persone con handicap hanno abbandonato a loro volta la propria famiglia nel paese di origine.

"Il ricorso al lavoro delle collaboratrici domestiche è una necessità dettata dalle carenze di servizi sociali nel nostro paese: famiglie con un solo genitore o con ambedue i genitori che lavorano sono costrette ad un massiccio ricorso a questo tipo di servizio.
La disponibilità della domestica per l'intero arco del giorno esprime anche un certo tipo di mentalità o la volontà di riaffermare abitudini antiche che sembravano superate, riuscendo anche a soddisfare la ricerca di simboli di status per la piccola e media borghesia
".

Senza dubbio, il principale settore di attrazione per le immigrate, quindi è il settore dei servizi alla persona che include la cura e l'assistenza all'interno delle famiglie.
Le immigrate rispondono volentieri a queste domande di lavoro essendo ben accette dai datori di lavoro italiani convinti del fatto che esse siano in grado di svolgere questo lavoro meglio delle autoctone in quanto l'amore e la cura verso anziani e bambini vengono giudicati valori tradizionali delle loro culture originarie.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Donne in cammino: l’immigrazione ucraina nel Comune di Chioggia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Bozzato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Giuliana Chiaretti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 237

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

integrazione
storie di vita
assistenti familiari
immigrazione femminile
immigrazione ucraina
donne
matrimonio
cittadinanza
salute
maternità
diritti sociali
lavoro di cura
assimilazione
ricongiungimento familiare
reti migratorie
identità femminile
lavoro delle donne immigrate
necessità di immigrare
declassamento sociale
servizi sociosanitari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi