Skip to content

La riduzione del rischio di errore all'interno del blocco operatorio dell'ASL1 Imperiese, basato sulla conoscenza, sulla prevenzione, sulla gestione degli eventi. L'intervento tempestivo e l'analisi di gruppo per evitare che si ripresenti la circostanza

Le Responsabilità dell'infermiere nella gestione del rischio clinico

Il personale infermieristico, si ritrova spesso a dover gestire situazioni di eventuale rischio durante lo svolgersi della propria attività quotidiana ne reparti di degenza o nelle UU.OO. di appartenenza.
Ecco così nascere la necessità di descrivere un determinato contesto di responsabilità riferendosi al “codice deontologico” ed alla principale legislazione di interesse.
Per quanto concerne il codice deontologico della professione si evincono diversi punti ove la figura professionale si pone quale elemento attivo e protagonista, mai passivo, nei processi di identificazione e analisi dei possibili eventi avversi potenzialmente dannosi sia per gli stessi colleghi che per i pazienti.
Di seguito riporterò gli articoli più rilevanti dell'ormai “vecchio” codice del 1999, ma significativo in termini di questa materia:

Art. 3.4: “L’infermiere si attiva per l’analisi dei dilemmi etici vissuti nell’operatività quotidiana e ricorre, se necessario, alla consulenza professionale e istituzionale contribuendo così al continuo divenire della riflessione etica”.

Art 3.5: ”L'agire professionale non deve essere condizionato da pressioni o interessi personali provenienti da persone assistite, altri operatori, imprese, associazioni, organismi. In caso di conflitto devono prevalere gli interessi dell’assistito”.

Art 4.9: ”L'infermiere promuove in ogni contesto assistenziale le migliori condizioni possibili di sicurezza psicofisica dell'assistito e dei familiari”.

Art 6.3: ”L'infermiere, ai diversi livelli di responsabilità, di fronte a carenze o disservizi provvede a darne comunicazione e per quanto possibile, a ricreare la situazione più favorevole”.

Art 6.4: ”L'infermiere riferisce a persona competente e all'autorità professionale qualsiasi circostanza che possa pregiudicare l'assistenza infermieristica o la qualità delle cure, con particolare riguardo agli effetti sulla persona”.

Art 6.5: ”L'infermiere ha il diritto e il dovere di segnalare al Collegio le situazioni in cui sussistono circostanze o persistono condizioni che limitano la qualità delle cure o il decoro dell'esercizio professionale”.


Tale legislazione lascia spazio per qualche riflessione:
L'esercizio professionale infermieristico è fondato sul rispetto dei diritti fondamentali della persona (diritto alla vita, libertà e dignità), nonché deve attenersi alle conoscenze scientifiche (evidence based practice) e ai valori etici fondamentali (rispetto dell'autonomia della persona, non nuocere, bene dell'assistito).
In caso di dilemmi etici che scaturiscono nell'operatività quotidiana l'infermiere si attiva per l'analisi e la loro risoluzione, ricorrendo, se necessario, alla consulenza di colleghi esperti o delle istituzioni (Comitato etico, Ordine professionale).
L'esercizio professionale dell'infermiere non deve essere condizionato da pressioni derivanti da terzi (compresi i colleghi e gli altri operatori). In caso di conflitto all'interno dell'équipe devono prevalere sempre gli interessi del paziente. Una lettura più estensiva dell'Art. 3.5 del codice infermieristico fa rientrare tra "gli interessi" del paziente la tutela dei suoi diritti fondamentali, compreso quello di far valere, in sede giudiziale, il diritto ad essere risarcito in caso di danno alla propria salute causato da malpractice. L'infermiere ha l'obbligo di denunciare al proprio ordine professionale, all'autorità o persona competente fatti, condizioni, circostanze che pregiudicano la qualità delle cure erogate e che causano effetti sulle persone assistite.
I rapporti all'interno dell'équipe assistenziale, anche tra professionalità diverse, devono essere improntate al rispetto delle specifiche competenze, alla collaborazione reciproca, mantenendo sempre la centralità dell'interesse del paziente.

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Dibenedetto
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in management e funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie
Anno: 2010
Docente/Relatore: Antonio Buscemi
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prevenzione
rischio
riduzione
intervento
errore
blocco operatorio
circostanza
asl1 imperiese
gestione degli eventi
analisi di gruppo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi