Skip to content

L'omogenitorialità in Italia: problemi e prospettive

Analisi sui figli di genitori omosessuali

“Alcuni mettono in dubbio, la qualità della maternità e della paternità delle persone omosessuali e questa convinzione in molti paesi contribuisce ad impedire le adozioni e gli affidamenti post- divorzio”. (American Association, “Lesbian & Gay parenting “)

Considerate le forti implicazioni politiche di questo corpus di ricerca, è facile comprendere che siano presenti tra i ricercatori delle posizioni difensive originate dalla realtà sociale. Finché l’orientamento sessuale può privare un genitore gay dell’affidamento di un figlio, dei servizi per l’assistenza all’impollinazione della facoltà di adottare, i ricercatori più sensibili tendono a muoversi con molta cautela sul piano delle differenze. La maggior parte degli omosessuali che oggi sono genitori hanno generato figli all’interno di matrimoni eterosessuali, da molti contratti con la speranza di evitare le conseguenze sociali ed emotive dell’omofobia. Se l’omosessualità fosse legittimata, un numero sempre minore di omosessuali dovrebbe sentirsi obbligato a contrarre un matrimonio eterosessuale e perciò ancora meno a diventare genitori. Un secondo problema fondamentale nel campionamento coinvolge l’ambiguità, la mutevolezza e la complessità della definizione di orientamento sessuale; le identità sessuali sono categorie la cui definizione varia ampiamente: cosa possiamo dire di genitori bisessuali, transessuali, o trans- gender? Il desiderio sessuale, gli atteggiamenti, i significati e le identità non possono essere incasellati in standard. La visibilità dei genitori omosessuali è un fenomeno così recente che la maggior parte degli studi coinvolge necessariamente i figli di gay e lesbiche consapevoli divenuti genitori in un contesto di matrimonio o relazioni eterosessuali; si tratta di una generazione di transizione che, come tale, andrebbe tutelata. Infine, poiché mancano dati affidabili sul numero e la localizzazione dei genitori omosessuali all’interno della popolazione generale, non esistono studi sullo sviluppo dei bambini che siano basati su campioni casuali e rappresentativi di tali famiglie. La maggior parte delle ricerche sono su piccola scala, con campioni scelti per opportunità, in primo luogo tramite reti o agenzie.
Dei risultati presi in esame, diciotto ricerche concludono che “non vi è alcuna differenza tra genitori omosessuali ed eterosessuali, per ciò che concerne lo stile genitoriale, l’equilibrio emozionale e l’orientamento sessuale dei figli”. L’analisi accurata compiuta da Stacey e Biblarz sui risultati delle ricerche porta invece a evidenziare (riguardo ad alcune dimensioni, e principalmente quelle correlate al genere e alla sessualità) che l’orientamento sessuale dei genitori influisce sui figli in misura più rilevante di quanto affermino i ricercatori. Più nello specifico i risultati evidenziano che, per quanto riguarda il genere, vi sono differenze in direzioni predicibili: le figlie di donne lesbiche aspirano a tradizioni non tipiche del loro genere e mostrano un maggior interesse per attività associate a qualità sia maschili che femminili; ciò porta a pensare, secondo Stacey e Biblarz, che l’orientamento sessuale materno interferisca secondo modalità complesse con l’identità di genere dei figli.
Per quanto concerne l’orientamento sessuale, è maggiore il numero di giovani allevati in famiglie lesbiche che dichiarano di aver avuto una relazione omosessuale, o che hanno pensato di poterne avere. Questi stessi giovani che mostrano una maggiore apertura nei confronti delle diverse possibilità di relazioni sessuali, non risultano però disponibili a riconoscersi un’identità gay o lesbica o bisessuale. I dati non provano con sufficiente sicurezza che l’orientamento sessuale dei genitori sia correlato in modo forte con le loro preferenze riguardo all’orientamento sessuale o di genere dei figli, si rileva anzi come le madri lesbiche, a differenza di quelle eterosessuali, non abbiano interesse nel fatto che i loro figli si impegnino in attività “maschili” e le figlie in attività“femminili”. Le ricerche non mostrano significative differenze per ciò che concerne ansia, depressione, livello di autostima e molte altre dimensioni prese in esame; nessuna differenza è stata rilevata neppure per le abilità cognitive. Un altro dato interessante che emerge è il seguente: le competenze delle partner lesbiche come madri appaiono essere particolarmente alte. I figli di madri lesbiche dichiarano di sentirsi in grado di discutere
il loro sviluppo sessuale con la madre e la sua partner in misura molto maggiore di quelli di coppie eterosessuali; “Stacey e Biblarz ritengono che questi punti di forza esibiti dalle co- madri abbiano più a che fare con il genere, con l’essere donna, che con l’orientamento sessuale: la ricerca suggerisce infatti che in media le madri tendono a un maggiore investimento nella cura dei figli rispetto ai padri; non dimentichiamo anche che le madri lesbiche in effetti presentano livelli più alti di risorse psicologiche positive (vi sono comunque fattori etnici che possono modificare questi dati)”.
Più di 25 anni di ricerche documentano che l’orientamento sessuale delle figure genitoriali non influiscono sulle dimensioni psico- socio - comportamentali del bambino: nessuna rilevanza particolare per sintomi depressivi, autostima, rendimento scolastico, socialità o relazioni affettive è stato rilevato. Sarebbe quindi la qualità delle relazioni instauratesi all’interno della famiglia ad influenzare positivamente lo sviluppo dei figli tramite la sussistenza di traumi, trascuratezza emotiva e fisica, modalità di attaccamento con la figura significativa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'omogenitorialità in Italia: problemi e prospettive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Cellie
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze pedagogiche
  Relatore: Alessandra Gigli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

omosessualità
transgender
omogenitorialità
famiglia omogenitoriale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi