Skip to content

L'infermiere in farmacia: un'opportunità per i cittadini, per le istituzioni e per i professionisti

L'infermiere di domani

Cosa riservi il futuro per la professione infermieristica non è semplice da prevedere. Esistono, infatti, le premesse per un ulteriore riconoscimento e un'ulteriore valorizzazione della figura dell'Infermiere, ma forse ciò sarà possibile solo in caso di una nuova ed illuminata riforma del sistema sanitario nazionale e di un relativo adeguamento dei Contratti di Lavoro.
La crisi economica non favorisce, di certo, investimenti, ma è un dato di fatto, ormai, che in Italia non esista più un unico SSN in grado di offrire gli stessi servizi a tutti i cittadini, bensì una miriade di realtà locali diversificate, determinate da politiche regionali diverse condizionate da bilanci, quasi sempre in rosso, dalla minore o maggiore sensibilità verso determinate tematiche legate al concetto di welfare e dalle dinamiche trasformazioni sia demografiche che dei bisogni sanitari e sociali dei cittadini.
La diversificazione non è affatto un concetto negativo in quanto garantisce, in teoria, un'offerta adeguata alle esigenze di un particolare territorio. Diventa, però, causa di malcontento quando i servizi fondamentali (identificati nei L.E.A.) diventano difficilmente accessibili e fruibili da parte dei cittadini non solo a causa di una mancata razionalizzazione delle risorse che rende la gestione inefficace ed inefficiente, ma anche a causa di una scarsa attenzione e sensibilità verso la lettura e l'interpretazione degli scenari futuri in una società, come detto, così dinamica e complessa.
Si è già avviata una politica che prevede la riduzione dei posti letto e la chiusura degli ospedali di piccole dimensioni (meno di 100 pl). Tutto ciò, tuttavia, non è stato preceduto da un opportuno potenziamento ed una appropriata riorganizzazione dei servizi territoriali. Non esistono figure di raccordo che garantiscano la continuità assistenziale nel passaggio dalla degenza ospedaliera, al territorio e al domicilio. Non esiste un sistema di assistenza socio-sanitaria domiciliare efficiente. In molte Regioni, specie del sud Italia, non esistono sufficienti strutture in grado di rappresentare una valida alternativa agli ospedali. A questo si aggiunga una carenza culturale ed educativa da parte dei cittadini-utenti sull'appropriato ricorso ai servizi sanitari di emergenza e/o alle strutture ospedaliere in genere che dovrebbero essere riservate alle sole situazioni di acuzie.
Il territorio ê il luogo d'elezione per la gestione delle cure primarie. È il luogo in cui è possibile assicurare la prevenzione delle riacutizzazioni e l'erogazione di cure ed assistenza a bassa intensità che non necessitano del ricorso alle strutture ospedaliere, tanto meno ai dipartimenti di emergenza come oggi, purtroppo avviene. È il luogo in cui una intelligente e strutturata cooperazione tra i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e gli infermieri potrebbe soddisfare gran parte dei bisogni della popolazione. Pur tuttavia si stenta persino a definire il concetto stesso di cure primarie che invece è assolutamente nitido nelle società anglosassoni.
Figure nuove come l'Infermiere di Famiglia e di Comunità, attualmente solo figure mitologiche intrappolate negli ipotetici percorsi di master universitari post-base (attualmente frequentati dagli studenti, ma privi di valore giuridico), potrebbero davvero rappresentare un valore aggiunto e permettere interventi di medicina d'iniziativa in una ottica di multidisciplinarietà.
L'analisi approfondita del territorio di competenza e di
dati statistici ed epidemiologici permetterebbe di intervenire in maniera proattiva per la soluzione dei problemi latenti e sommersi. Il potenziale educativo del professionista Infermiere è assolutamente lontano dalla consapevolezza del bisogno stesso e delle implicazioni che potrebbe avere in termini di miglioramento dello stato di salute del singolo e della collettività e indirettamente sul sistema sanitario.
Si tratta di una rivoluzione di pensiero che, come sempre accade, scaturisce dalle trasformazioni del mondo in cui viviamo. Se, fino ad oggi, il sistema sanitario si è attivato – in molti casi, poco, male e in ritardo -in risposta ad una domanda, oggi è opportuno saper leggere i segnali, saper interpretare i dati e saper intercettare le opportunità di intervento prima ancora una domanda venga formulata.
La presenza dell'infermiere in farmacia, sebbene sia supportata da una legge e da decreti attuativi, resta, per il momento, nell'agenda delle iniziative da realizzare in futuro.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'infermiere in farmacia: un'opportunità per i cittadini, per le istituzioni e per i professionisti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Reali
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Gaetano Romigi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 198

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

farmacia
infermiere
infermiere in farmacia
sanità e territorio
modelli innovativi dell'assistenza
assistenza infermieristica sul territorio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi