Skip to content

Giochi d'identità - Il fu Mattia Pascal e Juegos de la edad tardia

Il ritorno all’identità rinnegata

La tanto agognata libertà non genera i frutti desiderati. Gregorio e Mattia si ritrovano in una nuova trappola, quella che hanno creato, ora, con le proprie mani. Entrambi non possono più sopportare il peso delle bugie. D’altronde, gli eventi iniziano a complicarsi.
La morte di Mattia, ad esempio, è solo una morte anagrafica, ma la morte anagrafica diventa una morte storica. Mattia scopre di non aver diritto nemmeno a possedere un cagnolino, per compagnia. Non può permettersi alcun legame, pena l’identificazione. Mattia è vivo per la morte, ma è morto per la vita. È escluso. Adriano Meis ha ottenuto l’opportunità di libertà a cui anelava Mattia, ma non è servito a nulla. Quella libertà non può essere usata, non le si può conferire nessun valore perché è inesistente per gli altri. Adriano salva una donna da un gruppo di malviventi ma non può presentarsi davanti ai poliziotti. Il suo nuovo stato è sì una maniera di avere una vita diversa ma è anche un modo per non avere nulla poiché egli non appare in nessuna storia, non può partecipare a nulla perché lui non esiste. E così Mattia si sente terribilmente solo, anche se la solitudine è la condanna che deve pagare per non essere scoperto, per continuare a vivere la sua seconda vita. Vive solo con se stesso e non c’è testimone della sua vita. È un turista eterno, viaggiatore solitario, incapace di andare più in là della superficialità delle cose. È solo perché non è da nessuna parte. Adriano Meis si converte, quindi, nel desiderio di essere qualcuno (diverso da Mattia Pascal) e il terrore di essere qualcuno.
Dopo che scopre il furto di dodici mila lire, Mattia, che non può denunciare il furto, cammina per le vie di Roma e pensa:
gli occhi mi s’affisarono su l’ombra del mio corpo, e rimasi un tratto a contemplar-la;[…] Chi era più ombra di noi due? Io o lei? Due ombre! Là, là per terra; e ciascuno poteva passarci sopra: schiacciarmi la testa, schiacciarmi il cuore: e io, zitto; l’ombra zitta. L’ombra di un morto: ecco la mia vita. […] Il simbolo, lo spettro della mia vita era quell’ombra: ero io, là per terra, esposto alla mercé dei piedi altrui. Ecco quello che resta-va di Mattia Pascal, morto alla Stìa: la sua ombra per le vie di Roma. Ma aveva un cuore, quell’ombra, e non poteva amare; aveva denari, quell’ombra, e ciascuno poteva rubarglieli; aveva una testa, ma per pensare e comprendere ch’era la testa di un’ombra e non l’ombra d’una testa. Proprio così!

L’ultima parte de Juegos mette in scena la nuova crisi di Gregorio. La repentina notizia dell’arrivo di Gil alla città fa tremare l’intera finzione giullaresca che Gregorio aveva costruito. Finora spettatore lontano, Gil non rappresentava nessun pericolo ma ora che diventa spettatore reale e vicino tutto cambia. Il pusillanime impiegato di una mediocre azienda di vini e olive, di statura anonima, quarantenne che non ha mai viaggiato, non conosce le lingue, non ha finito gli studi, che sua suocera chiama “cataplasma” e l’accusa di non essere in grado nemmeno di avere figli, aveva creato a un Augusto Faraoni, poeta ventenne, romantico, bohème, celebre in tutto il mondo, il membro più importante del fittizio Café de los Ensayistas. Nove anni di conversazione telefonica permettono a Gregorio di costruire un intero mondo fatto di bugie e falsità. Alla fine, però, bisogna fare i conti con la realtà. Gil annuncia il suo arrivo alla tanto desiderata città. La finzione è a punto di sgretolarsi. Allora, Gregorio scappa dalla sua casa, dalla famiglia, dal lavoro e si nasconde in una stanza di un’anonima pensione affinché Gil non lo trovi. Ma la non-vita che ora deve affrontare ben presto non ha più quel fascino che aveva nella sua mente:
la visión de un futuro solitario y mísero lo llenó de espanto. Recordó su casa, la brocha de afeitar, el arroz en su punto, las zapatillas serviciales, el olor de la franela recién planchada [...] Ahora no tenía nada. [...]Palabras, esto es lo que poseía. Solo algunas palabras de uso íntimo, algunos nombres proprio de quitar y poner. Eso era todo. Recordó los tiempos en que el amor y la poesía lo conviertieron en señor del mundo, la época feliz o inverosímil en que bastaba llamar a las cosas por sus nombres secretos, o rimarlas, para adueñarse de ellas. Con un palito trazó unos signos en la arena. Luego los borró. Así era su vida, breve e ilusoria

Gregorio continua nella sua meditazione:
No, la vida vagabunda no era para él, se repitió mientras comía. Había que terminar con aquella pesadilla, al precio que fuera, empeñando en ello si era preciso el oro del orgullo: cualquier cosa antes de precipitarse para siempre en el infierno de la necesidad
Di conseguenza, intrappolati in una via senza uscita, le uniche soluzioni possibili sono due: o il suicidio di se stessi o l’omicidio del proprio doppio. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Giochi d'identità - Il fu Mattia Pascal e Juegos de la edad tardia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Capasso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Francesco De Cristofaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pirandello il fu mattia pascal
luis landero juegos de la edad tardia
la maschera pirandello spagna
pirandello in spagna
pirandello y los autores espanoles
luis landero y poetica pirandello
giochi d'identità
letterature comparate tesi
tesi online pirandello
pirandellou namuno spagna

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi