Skip to content

L'analisi discriminante per la valutazione del rischio di credito

Il rischio di credito nel settore bancario

Con specifico riferimento alle istituzioni creditizie possiamo definire il rischio di credito (o rischio di insolvenza) secondo Andrea Resti quel rischio che una variazione inattesa del merito creditizio di una controparte nei confronti della quale esiste un’esposizione generi una corrispondente variazione inattesa del valore della posizione creditizia. Tale rischio è, a sua volta, configurabile all’interno della definizione generale di Dell’Amore: “Il rischio di un qualunque prestito è espresso dalla probabilità che l’operazione non dia alcun contributo positivo alla redditività dell’azienda finanziatrice o incida addirittura sfavorevolmente sui suoi risultati di esercizio”. Tale definizione è effettivamente legata alla capacità reddituale dell’impresa è sembra per il momento quasi esaustiva, ma presenta il limite di essere vista dal lato del prenditore di fondi mentre più coerentemente deve essere vista dal lato del datore di fondi.
A tale proposito, il rischio di credito, secondo Resti-Sironi, non è confinato alla sola possibilità dell’insolvenza di una controparte ma anche dalle altre componenti che di seguito riassumiamo:
- il rischio deve essere inteso come evento inatteso ossia aleatorio, probabile perché se fosse determinabile significherebbe che il deterioramento della qualità di prenditore verrebbe opportunamente considerato in sede di affidamento. Quindi, dovrebbe essere a priori, precisato il tasso attivo di remunerazione per la banca. Allora, in tale evenienza, il risultato ex post sarebbe identico a quello di accertamento ex ante; mentre correttamente il rischio di credito dovrebbe appalesarsi, con una probabilità, in termini percentuali, tra 0 ed 1;
- il grado di esposizione creditizia che non è limitata agli impieghi “classici” di una banca (titoli o prestiti in bilancio) e partite di bilancio ma si estende, come precisato dalla Vigilanza, alle posizioni fuori bilancio sempre imprevedibili e nascoste come quelle rappresentate da strumenti derivati negoziati in mercati over counter e dal regolamento delle transazioni nazionali ed internazionali in titoli, in valute o in strumenti finanziari derivati. Inoltre molte esposizioni creditizie di un’istituzione finanziaria vengono iscritte in bilancio al valore storico e non al valore corrente e, quindi diverso dal valore economico. Altra questione che è quella che il valore corrente si basa su attività quasi illiquide ne consegue che tale valore è solo, stimato, e quindi non effettivo;
- un ulteriore aspetto è rappresentato dalla potenziale variazione del merito creditizio meglio specificato nel paragrafo successivo e nella parte seconda riguardante il paragrafo della variazione dei rating.
Tipologie di rischio di credito
Precisata la natura del rischio di credito si possono distinguere cinque principali tipologie di rischio di credito:
a) Rischio di insolvenza. Anche se il rischio in questione è contenuto nella definizione di rischio di credito dobbiamo riferirci alla possibilità che una controparte affidata con una certa esposizioni creditizia diventa insolvente. In tale evenienza si tratta per il creditore di una perdita economica misurata dalla differenza dell'esposizione iniziale e dal recupero successivo eseguito dall'istituto creditizio;
b) Rischio migrazione. Si tratta del rischio di deterioramento del merito creditizio di una controparte. Tale deterioramento potrebbe generare un declassamento negativo rispetto alla valutazione del rating iniziale. Seppure non si abbia una immediata perdita economica della banca è sempre possibile un improvviso ed imprevedibile peggioramento del merito creditizio del cliente che in ogni caso ha mutato posizione rispetto al momento dell'affidamento;
c) Rischio di recupero. Significa che il tasso di recupero connesso alle esposizioni nei confronti delle controparti divenute insolventi si presenta inferiore a quanto originariamente stimato dalla banca;
d) Rischio di esposizione. La dimensione dell'esposizione potrebbe aumentare in modo inaspettato prima del verificarsi dell'insolvenza;
e) Rischio di spread. Rappresenta il rischio che a parità di merito creditizio o di rating aumenti il premio per il rischio e quindi lo spread richiesto dal mercato dei capitali.
d) rischio come evento inatteso. Secondo Resti Sironi, affinché si possa parlare di rischio occorre che la variazione del merito creditizio della controparte sia inattesa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'analisi discriminante per la valutazione del rischio di credito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Iacobellis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Bancaria, Finanziaria ed Assicurativa
  Relatore: Pasqualina Porretta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rating
finanziamento
rischio di credito
basilea ii
score
prestito alle imprese
pmi laziali
bilancio per indici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi