Skip to content

Dalla cessione alla cartolarizzazione dei crediti. Struttura delle operazioni e profili di vigilanza

Il contratto di factoring

Il rischio in cui si può incorrere nel dare una definizione del factoring, è che questa venga condizionata da quegli aspetti che vengono considerati, a ragione o a torto, fondamentali. Nella sua definizione "essenziale" il contratto di factoring è un negozio di scambio, basato sul trasferimento di crediti commerciali dal loro titolare ad un Factor, il quale si incarica della riscossione e ne garantisce il buon fine.
La "rudimentale" nozione appena enunciata ignora palesemente, tuttavia, la circostanza che lo stesso strumento della cessione può essere usato, non ai fini di compravendita del credito, ma per consentire al Factor un'attività di servizio, quale l'incasso , la contabilizzazione, il finanziamento del cedente, l'assunzione del rischio dell'insolvenza finanziaria dei debitori ceduti.
In Italia si è posto per lungo tempo, prima dell'intervento legislativo cui tra poco si accennerà, il problema di una definizione unitaria dell'istituto.Un deciso passo avanti verso l'auspicata definizione unitaria è stata la Raccolta degli usi di factoring della Camera di Commercio di Milano, in cui gli usi in discorso sono presentati come “usi negoziali”.

Questa è la definizione ivi contenuta: "Si suole denominare factoring il contratto con il quale un imprenditore, detto cedente o fornitore, trasferisce o si obbliga a trasferire in esclusiva ed a titolo oneroso mediante cessione di crediti ad altro soggetto, detto cessionario o factor, la totalità o parte dei crediti, anche futuri, derivanti dall'esercizio dell'impresa,verso i propri clienti, detti debitori-ceduti, ottenendo la controprestazione in servizi e/o in denaro. Il factor suole anticipare in tutto o in parte l'importo dei crediti ceduti."

La loro particolare rilevanza consiste nel fatto che essi pongono una nozione e una prima disciplina del contratto, così contribuendo alla sua tipizzazione; che registrano le clausole contrattuali comuni ai vari formulari correnti, lasciando cadere le clausole peculiari presenti solo in alcuni contratti; che essi non riproducono le clausole contrattuali pur comuni ai formulari correnti, ma non rispondenti alla effettiva prassi operativa.

La diffusione del fenomeno nel nostro paese, sulla scia dell'esperienza inglese e americana, ha indotto il legislatore italiano ad adottare la legge 21 febbraio 1991, n. 52, con il dichiarato intento di dettare una disciplina di tale negozio finalizzata ad agevolarne l'utilizzo e la diffusione, attraverso un intervento volto a soddisfare le concrete esigenze degli operatori.
Va subito avvertito, però, che la legge 52/91 è ben lontana dal regolare il contratto di factoring e la semplice cessione di crediti all'interno di esso, perchè si limita a disciplinare una fattispecie particolare, consistente nella cessione verso corrispettivo, da parte di un imprenditore, di crediti pecuniari sorti da contratti stipulati nell'esercizio d'impresa, a favore di un cessionario, rappresentato da una società o ente munito di personalità giuridica, iscritto in apposito albo tenuto presso la Banca d'Italia, il cui oggetto sociale preveda anche l'acquisto di crediti d'impresa e il cui capitale sociale non sia inferiore a venti volte il capitale minimo stabilito per le società per azioni.
Si può notare, quindi, che l'ambito di operatività della normativa in esame è ristretto all'interno di uno spazio ben delimitato, oggettivamente e soggettivamente, al di fuori del quale si applicano le norme contenute negli artt. 1260 e ss c.c..
Non mancano, ad ogni modo, disposizioni di primaria importanza, in particolare con riferimento alla cedibilità di crediti futuri anche in massa, alla garanzia della solvenza e all'opponibilità della cessione ai terzi, norme che saranno oggetto di disamina nel prosieguo della trattazione. ( v. 2.6 ).
Constatata la difficoltà nel “fissare” una definizione generale e sintetica del fenomeno del factoring, la trattazione proseguirà seguendo un metodo che si può definire “tipologico”, e si rinvia quindi al paragrafo successivo per la sua dettagliata esposizione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dalla cessione alla cartolarizzazione dei crediti. Struttura delle operazioni e profili di vigilanza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Lutri
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppina Pisciotta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cessione del credito
cartolizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi