Skip to content

La questione del segno linguistico in Derrida con riferimento a Hegel

Derrida a confronto con de Saussure

In un colloquio con la semiologa russa, Julia Kristeva, contenuto nel secondo capitolo di Posizioni, Derrida esplicita le sue critiche alla semiologia di de Saussure. Si parte subito con una domanda molto congeniale a tutta l'opera di Derrida, ovvero: quali sono i limiti logocentrici ed etnocentrici della semiologia che si fonda sul modello saussuriano di segno linguistico? La questione si potrebbe porre anche in termini filosofici, in ultima analisi: come può la semiologia sfuggire alla metafisica? Derrida non crede, ovviamente, che ci si possa liberare completamente dalla metafisica e questo fatto è ben dimostrato dai progressi della riflessione sul concetto di segno linguistico. Il segno, infatti, è al tempo stesso un freno e un progresso per la liberazione dalla metafisica: da un lato esso é completamente metafisico, dall'altro il lavoro portato avanti da de Saussure sul segno ha permesso di criticare ( ma non di strappare definitivamente) la sua appartenenza alla metafisica. Dando uno sguardo d'insieme al Corso di linguistica generale, Derrida afferma :

"si può mostrare come la semiologia di tipo saussuriano abbia svolto un duplice ruolo: da un lato, un ruolo critico assolutamente decisivo (…) e tuttavia, Saussure non ha potuto non confermare quella medesima tradizione nella misura in cui ha continuato a servirsi del concetto di segno; di questo, infatti, come di ogni altro concetto non si può fare un uso assolutamente nuovo e assolutamente convenzionale."

Prima di tutto, com'é giusto, Derrida riconosce i meriti della linguistica di de Saussure: il primo è quello di aver riconosciuto, contro la tradizione, nel significato e nel significante due lati inseparabili del processo di significazione. De Saussure, infatti, si é rifiutato di paragonare l'unità inseparabile di significante e significato a quella, nella persona umana, di anima e corpo. Si può qui aggiungere che de Saussure ha messo fine alla tradizione che faceva della lingua una semplice nomenclatura, una unione tra parole e cose, come se sulle cose il nome utilizzato vi apparisse come un'etichetta. Invece, per de Saussure, il segno linguistico unisce non una cosa e un nome, ma un concetto e un'immagine acustica.
Il secondo merito della linguistica saussuriana è quella di aver determinato come differenziale e formale il funzionamento e il concetto di segno linguistico. In questo senso, il suono non è l'elemento materiale che da solo appartiene alla lingua, anzi l'essenza del significante linguistico non è fonica, esso piuttosto è:

"incorporeo, costituito non dalla sua sostanza materiale, ma unicamente dalle differenze che separano la sua immagine acustica da tutte le altre".

Inoltre, de Saussure ha avuto il merito, per lo meno nelle intenzioni, di fare della linguistica una parte della più generale scienza dei segni, la semiologia. Le critiche di Derrida si appuntano su due passaggi dell'opera di de Saussure: la scelta del termine "segno", così come circolante nella lingua ordinaria, e il privilegio della parola su altri modi d'espressione, privilegio che riporta in auge il fonologocentrismo che lega il segno alla voce, nonostante de Saussure abbia già riconosciuto che l'essenza del segno non é fonica. Tutto questo porterà a vedere nella linguistica il modello di ogni ricerca semiologica futura, nonostante la linguistica sia solo una parte della semiologia. Ritorniamo sulla prima critica che Derrida muove alla linguistica di de Saussure: la scelta del termine "segno" in mancanza d'altri termini che indichino meglio l'unità di significante e significato. Questa scelta che de Saussure ha operato non è per niente innocente, anzi sarebbe funzionale alla prima opposizione che si adopera nella linguistica: quella tra significante e significato; solo che questa opposizione porta con sé tutta la catena dei pregiudizi fonologocentrici:

"la lingua "usuale" non é innocente o neutra. Essa é la lingua della metafisica occidentale e porta con sé non soltanto un numero considerevole di presupposti di ogni genere, ma dei presupposti, anche, che sono inseparabili e che s'intrecciano in sistema (…). È per questo che, dall'altro lato: il mantenimento della distinzione fra signans e signatum, e l'equazione fra signatum e concetto, lasciano aperta di diritto la possibilità di pensare un concetto significato in se stesso, nella sua semplice presenza al pensiero, nella sua indipendenza rispetto alla lingua, e cioè rispetto ad un sistema di significanti."

In nota, Derrida ci dice, in maniera icastica, che l'opposizione significante/significato ha riprodotto quella metafisica tra sensibile e intelligibile; da qui il sospetto preliminare sul privilegio che l'intelligibile acquisirà a spese del sensibile. Abbiamo già visto nell'introduzione come questa semplice possibilità acquisti per Derrida il valore di trascendentalità: condizione di possibilità di un intero sistema che porterà inevitabilmente e insensibilmente all'esistenza di un "significato trascendentale". Questo significato trascendentale é tale che non rinvia più ad un altro significante ma solo a se stesso, in modo da eccedere la catena dei segni e perdere il carattere di rimando proprio ad ogni segno. Il significato trascendentale, come una sostanza, può sussistere per se stesso, se ne sta quieto nella sua semplice identità con se stesso, la sua pienezza sopporta ogni contraddizione. Una volta riconosciuta anche in de Saussure la classica esigenza della posizione di un significato trascendentale affinché tutto il sistema si regga, per Derrida si deve passare a riconoscere, al fine di non ricadere sempre di nuovo nella chiusura metafisica, che "ogni significato é anche in posizione di significante". La negazione dell'esistenza di un significato trascendentale deve seguire due rotte: quella di una lenta e laboriosa decostruzione di tutta la storia della metafisica, che non smetterà mai d'imporre alla semiologia la necessità di un significato trascendentale come concetto assolutamente indipendente dalla lingua. Seguendo questa prima rotta ne verrà fuori anche la seconda: non dobbiamo confondere a tutti i livelli significante e significato, perché, nonostante tutto, è grazie a questa opposizione che è possibile qualcosa come la traduzione. Il filosofo algerino, consapevole di questa aporia, vuole solo negare che grazie alla presenza di un significato trascendentale sia possibile una traduzione di una lingua da un'altra completamente perspicua e trasparente. Quindi, se non esiste una differenza pura tra significante e significato, allora anche la traduzione dovrà rassegnarsi a rimanere impura. Cosa che, sia detto tra le righe, risulta alquanto ovvia, dato che ogni traduttore sa benissimo di non poter mai rendere trasparenti o assolutamente speculari due lingue naturali. Si dovrà, quindi, parlare di:

"trasformazione regolata di una lingua da parte di un'altra lingua, di un testo da parte di un altro testo. Noi non avremo, né abbiamo mai avuto a che fare con un "trasporto" di puri significati che lo strumento – o "veicolo" – significante lasci vergine e incontaminato da una lingua all'altra."

A questo punto dell'intervista, Derrida tira le fila del suo ragionamento e assume una posizione essenzialmente critica nei riguardi del concetto di segno così come inteso da de Saussure, fino ad arrivare al motivo portante della sua critica: il rifiuto che anche de Saussure oppone alla scrittura e il privilegio della parola parlata e della scrittura fonetica rispetto ad altri sistemi di segni. Molti linguisti moderni hanno apertamente criticato lo psicologismo saussuriano, ma lo psicologismo non è il cattivo uso di un concetto buono, ossia quello di segno, piuttosto è già nel concetto di segno che troviamo la propensione a privilegiare la coscienza parlante piuttosto che il significante e la scrittura. Nella lunga citazione che segue, Derrida sembra condensare le critiche che più spesso rivolge ai filosofi che privilegiano l'elemento spirituale della conoscenza a discapito di quello materiale: il fatto è che tutto il pensiero occidentale sarebbe ossessionato dalla metafisica della presenza, questo costituirebbe il particolare etnocentrismo di cui da sempre soffre la filosofia, che lascia inevitabilmente ai margini ciò che non ha a che fare con il logos e con il discorso razionale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La questione del segno linguistico in Derrida con riferimento a Hegel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Evelina Leonardo Cucci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Marino Rosso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi