Skip to content

Una piattaforma adattativa in ambiente cloud per la transcodifica e per la memorizzazione di file video

Lossy o Lossless?

L'obiettivo di ogni progettista di codec dovrebbe essere di mantenere la qualità audio e video e allo stesso tempo comprimere lo spazio il più possibile. Ma questi 2 fattori sono inversamente proporzionali, ovvero maggiore è la qualità maggiore è lo spazio occupato e viceversa, quindi lo scopo del progettista diventa trovare un algoritmo che abbia il miglior compromesso tra qualità, compressione e velocità di esecuzione. Le tecniche di compressione video (ma questo vale per gli algoritmi di compressione in generale) possono essere suddivise in due grandi categorie:
• Le tecniche cosiddette “lossless”, nelle quali la compressione è un processo perfettamente reversibile che avviene senza perdita di informazione e dove video originale e video decompresso sono identici in tutti i dettagli;
• Le tecniche “lossy” o tecniche di compressione non reversibile, nelle quali video compresso e decompresso non sono più identici in quanto al momento della compressione sono state volutamente eliminate alcune informazioni ritenute “sacrificabili”.
Le tecniche “lossy” sono le più diffuse per la compressione del multimediale, ed infatti appartengono a questa categoria le codifiche MPEG (1, 2 e 4), il Divx, l’Xvid, l’MP3. Invece generalmente le tecniche di compressione “lossless” vengono utilizzate nella compressione dei documenti (zip, rar, ecc. . . ) o nelmultimediale nella gestione di materiale sia per l’editing (audio e video) che per l’archiviazione sicura. Da un punto di vista teorico lamassima qualità si otterrebbe facendo uso di video non compresso,ma passando alla pratica ci si scontra subito con due problemi fondamentali: il video non compresso occupa troppo spazio ed inoltre richiede prestazioni elevate per il corretto funzionamento (soprattutto per quanto riguarda la velocità dell’Hard Disk).
Quando si parla di codec video si parla soprattutto di codec lossy. I metodi di compressione di dati di tipo lossy sono quelli in cui i dati prima compressi e poi decompressi sono diversi dagli originali, ma sono “abbastanza somiglianti” per essere utili a seconda dei casi. Il vantaggio dei metodi lossy è che producono file molto più piccoli rispetto ai metodi lossless, pur mantenendo i requisiti di qualità minima dell’applicazione.
Questo tipo di compressione è spesso usata in Internet e specialmente nello streaming di dati multimediali e nelle applicazioni di videotelefonia. Quando un utente acquisisce un file compresso lossy (per esempio per ridurre il tempo di download da Internet) il file ricevuto può essere molto diverso dall’originale a livello di bit ma può essere indistinguibile alle orecchie o agli occhi umani per la maggior parte degli utilizzi.
Ecco perché sugli scaffali dei negozi si trovano DVD (che è codificato con MPEG-2, lossy) e non cassetteMini-DV o DV-CAM (lossless). Eppure per i non addetti ai lavori il DVD è considerato video ad alta qualità. Su Internet vengono venduti MP3
(lossy) e non tracce audio CDA o file WAV (lossless). Anche i nuovi supporti di alta definizione (Blu-Ray e HD-DVD) fanno uso di codec lossy e in particolare del codec H.264/AVC, il codec video della specifica standard definita nell’MPEG-4 part-10.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Una piattaforma adattativa in ambiente cloud per la transcodifica e per la memorizzazione di file video

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Carullo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria informatica
  Relatore: Simon Pietro Romano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

web
amazon
cloud computing
paas
saas
aws
iaas
cloud

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi