Skip to content

Nuovi orientamenti interpretativi e modelli di intervento per il Disturbo Borderline

The borderline type

Dopo aver effettuato questo necessario approfondimento della struttura, della metodologia di indagine diagnostica e del loro rispettivo razionale, arriviamo nel campo di interesse più congruente con il presente lavoro, ovvero il disturbo borderline: Il gruppo di lavoro raccomanda che questo disturbo sia riformulato come Borderline Type, ovvero tipologia Borderline, e ne danno un’accurata descrizione che tenterò di riassumere nelle righe che seguono, provando a restare più fedele possibile, nella forma e nei contenuti, al modo in cui il manuale ne riporta le caratteristiche principali.

Gli autori (DSM-V Agenda, “The Borderline Type”) ci spiegano che gli individui a cui viene diagnosticato questo disturbo di personalità possiedono un concetto di sé estremamente fragile, che può essere facilmente distrutto o frammentato in condizioni di stress e che determina l'esperienza di una mancanza di identità o di sentimenti cronici di vuoto. Di conseguenza, hanno un’impoverita e / o instabile struttura del Sé e difficoltà nel mantenere durevoli rapporti intimi; i sentimenti di auto-valutazione prevalenti sono spesso associati con il disgusto, la rabbia verso se stessi e lo sconforto; possono dunque diventare estremamente ansiosi o depressi.

Possono anche diventare arrabbiati o ostili, se si sentono incompresi o maltrattati, e possono impegnarsi in atti verbali o fisici di aggressione; queste estreme reazioni emotive sono in genere in risposta ad eventi negativi interpersonali, di smarrimento o di delusione. Le relazioni sono basate sulla fantasia della necessità degli altri per la propria sopravvivenza, la dipendenza eccessiva, la schiacciante paura del rifiuto e/o dell’abbandono. Sono caratterizzati da uno stile di attaccamento insicuro, espresso in difficoltà a tollerare la solitudine, paure intense di perdita, abbandono, o rifiuto da parte degli altri significativi e urgente bisogno di contatto con essi quando stressati o in difficoltà. Allo stesso tempo, l’intenso o intimo coinvolgimento con un'altra persona, spesso porta alla paura di perdita o di diffusione della propria identità; così, le relazioni interpersonali sono altamente instabili e si alternano tra eccessiva dipendenza e la fuga dal coinvolgimento.

L’empatia per gli altri è severamente compromessa. Vi può essere la presenza di alterazioni cognitive, vale a dire, le funzioni cognitive possono divenire insufficienti nei momenti di stress, operando quindi in maniera riduttiva e semplicistica ad esempio tramite pensiero concreto e la tipica visione e interpretazione della realtà in modalità bianco-nero o tutto/nulla. Reazioni quasi- psicotiche, comprese paranoia e dissociazione, possono evolvere in psicosi transitoria. Gli individui con questo disturbo sono tipicamente impulsivi, agiscono sotto l'impeto del momento e spesso si impegnano in attività con conseguenze potenzialmente negative; presenti pure deliberati atti di autolesionismo, ideazione suicidaria, tentativi di suicidio che di solito si verificano nel contesto di una sofferenza intensa o di disforia, in particolare nel contesto di sentimenti di abbandono, quando, ad esempio, viene a mancare un rapporto importante. Lo stress intenso può condurre anche ad altri comportamenti a rischio, tra cui abuso di sostanze, guida spericolata, binge eating, o promiscuità sessuale.

Sicuramente la descrizione dell’identikit prototipico della personalità borderline appena delineato è molto diverso dallo sterile elenco di criteri precisi che ritroviamo nella precedente edizione del manuale; la visione del paziente che ne scaturisce è molto più completa, abbraccia più ambiti di disfunzionalità ed il formato narrativo utilizzato permette di estrapolarne un quadro più dettagliato ma al contempo più flessibile ed adattabile alle particolari ed uniche sfaccettature del soggetto, che, in aggiunta, dà ai clinici la possibilità di effettuare una diagnosi più accurata e attendibile, nonché meno schematica. Caratteristiche, queste, che sembrano (finalmente, si potrebbe aggiungere) far parte di tutta l’impostazione e la struttura concettuale e teorica del manuale.
Salvo improvvisi cambi di rotta o accidentali imprevisti, questo è ciò che il DSM V si propone di consegnare nelle mani dei clinici di tutto il mondo a partire da maggio 2013.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Nuovi orientamenti interpretativi e modelli di intervento per il Disturbo Borderline

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manfredi Toscano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Diego Sarracino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi