Skip to content

Nuove frontiere del turismo. Turismo sportivo, il caso del golf

Il turismo sportivo in Italia

La pervasività dello sport è molto evidente tra gli abitanti dello stivale, basti pensare che la pratica sportiva, sia agonistica sia amatoriale, coinvolge 34 milioni di persone. Il numero di praticanti tesserati, tra FSN e DSA risulta essere di 4 milioni e 860.000 operatori sportivi. Secondo una stima fornita dal Censis un italiano su quattro sceglie la meta della propria vacanza anche in virtù dell'offerta sportiva. È quindi evidente l'importanza di questo segmento di mercato nel nostro paese, con una spesa annua di 7,3 miliardi di euro e stime in continua crescita. In questo ambito di sviluppo è possibile scindere i viaggi intrapresi per praticare uno sport, che costituisce il 76% dei casi, ed i viaggi intrapresi per assistere a manifestazioni sportive, che invece costituisce il restante 24%. Proprio per rispondere alla percentuale maggiore della domanda, in Italia sono presenti 531 strutture alberghiere dotate sia di piscina coperta sia di campo da tennis, e cono circa 1.000 quelle dotate di centro fitness e sauna. La crisi economica non ha inciso pesantemente su questa tipologia di viaggi, che sono invece persino aumentati, né tantomeno sulla spesa media, diminuita solamente dell' 1,5%. Paradossalmente invece la situazione economica ha giovato sulla nostra economia, influenzando la scelta della destinazione: crolla infatti la quota dei viaggi all'estero e vengono molto spesso preferite mete nostrane. In virtù di questo Emilia-Romagna e Trentino crescono e si confermano al vertice delle preferenza, ma anche regioni come la Lombardia e Piemonte, stanno guadagnando quote importanti. Per spiegare questi risultati è doveroso effettuare una premessa: le attività sportive si differenziano tra il periodo invernale ed il periodo estivo. Per quanto riguarda il periodo invernale la formula della "settimana bianca" è senza dubbio l'usanza più radicata, che riceve consensi sia dalle famiglie sia dai gruppi di amici. Stilando una classifica delle attività sportive svolte nel periodo gennaio-giugno lo sci si aggiudica il 42% dei consensi, seguito da trekking con il 20,2%, ciclismo (15,8%), diving-snorkeling (4,9%), tennis (7,8%) equitazione (6,9%), alpinismo (4%), vela (3,9%), surf-windsurf (3,8%), nuoto (3,4%), corsa (2,6%), golf (2,5%) e altri sport che sommati raggiungono l'11,4%. Per quanto riguarda il periodo estivo invece, nei mesi da luglio a settembre, gli sport più praticati sono il trekking con il 18,8%, diving-snorkeling (14,6%), ciclismo (9,4%), surf-windsurf (9,4%), tennis (9%), vela (6,5%), golf (2,9%), equitazione (2,4%), alpinismo (1,4%) e altri sport (2%). Alla luce di questi dati risulta evidente che le regioni in possesso di montagne attrezzate per la pratica di queste attività siano avvantaggiate rispetto alle altre regioni italiane. Nel complesso i punti d'offerta dislocati sul territorio sono circa 95.000, ovvero un nucleo sportivo ogni 631 abitanti. Si tratta della è più ramificata ed ampia rete esistente in Italia, addirittura superiore a quella di ristoranti, alberghi ed altre realtà commerciali. Per quanto riguarda l'occupazione non è possibile stabilire con precisione gli occupati nello sport. Questo perché il settore è caratterizzato da condizioni di professionalizzazione e di carriera molto variabili, instabili, flessibili, precarie, stagionali e atipiche. È presente inoltre un significativo impatto del cosiddetto "lavoro nero", che per le attività sportive in senso stretto si attesta al 30%-35% . È infine difficile quantificare l'impatto dell'attività volontaria, in quanto gran parte delle attività e degli eventi sportivi è ancora operato da volontari. Gli occupati in senso stretto si attestano su circa 70.000 unità e l'intera filiera sport rappresenta un volume di manodopera stimabile tra le 270.000 e le 320.000 persone, per un totale di circa 340-390.000 operatori. L'indotto economico dello sport in totale costituisce circa il 2,4% del PIL nazionale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Nuove frontiere del turismo. Turismo sportivo, il caso del golf

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Pavani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Progettazione e gestione dei sistemi turistici
  Relatore: Alba Clara De Ruggiero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
turismo
golf
sport
puglia
strumenti di marketing
doubletree by hilton

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi