Skip to content

Il difficile compito del medico: La comunicazione della diagnosi di malattia terminale

Comunicare una diagnosi infausta: sì, ma come?

Il titolo del terzo e ultimo capitolo si apre con una domanda diretta. Nei precedenti studi analizzati, si è voluto indagare sul canale di comunicazione della diagnosi infausta (telefono, di persona, e mail), sulle reazioni che potrebbe scatenare (la ricerca di un secondo parere medico), sulle modalità di comunicazione della prognosi e sui trattamenti di cura in fase avanzata di malattia. Una cattiva notizia rimane una cattiva notizia, ma l'esperienza clinica suggerisce che ascoltare il paziente, percepire le sue emozioni, essere chiari nel fornire informazioni può rendere la transazione meno traumatica e imbarazzante, sia per il paziente sia per il medico. In un piccolo articolo Robert Buckman afferma che, la difficoltà maggiore per un oncologo è la gestione delle emozioni in situazioni di comunicazione di una diagnosi infausta o nella comunicazione delle cure avanzate. Ignorare le proprie emozioni corrisponde a ignorare le emozioni di chi ci sta di fronte. Le conseguenze possono essere catastrofiche per la relazione medico -paziente, poiché "…la percezione che i nostri pazienti hanno sulle cure dipende dalle nostre abilità di comunicazione" (Buckman 2006). Il motivo di tale difficoltà nell'ascolto delle proprie emozioni può essere dovuto semplicemente al fatto che i medici non sono abituati a farlo, e cioè che nel loro percorso di studi non hanno avuto una formazione adeguata sulle abilità di comunicazione. Per ovviare a questo problema l'autore consiglia una tecnica che chiama risposta empatica; la risposta empatica consiste di tre punti:

1. Identificare l'emozione appena si presenta (es. paura, rabbia, frustrazione, shock, ecc.);

2. Identificare la causa, l'evento che ha scatenato quella determinata emozione (es. gli ultrasuoni hanno rivelato metastasi peritoneali o la radiografia toracica mostra la malattia in fase avanzata);

3. Rispondere in base alla direzione che il paziente mostra, collegando il punto uno con il punto due.

Questo permette di comprendere lo stato emotivo del paziente in quel preciso istante. Per esempio, se il medico comunica il peggioramento della radiografia al petto, e il paziente sotto shock esclama "Oh mio Dio! Non ci posso credere!" una risposta empatica potrebbe essere: "Deve essere un grande trauma per te", o "Questo è chiaramente difficile da accettare" o ancora "Questo è veramente sconvolgente, non è vero?". In queste circostanze non è raro che il medico provi profondo disagio; per via del contenuto delle informazioni, anche il professionista (essendo anzi tutto uomo e quindi vulnerabile tanto quanto il paziente) può provare intense emozioni, inclusa ansia, malinconia, senso di colpa. Una risposta empatica che riconosce tali emozioni potrebbe allentare la tensione durante il colloquio: rispondere con accettazione al fatto che "Questo argomento è difficile da trattare" mette sullo stesso piano medico e paziente; due esseri umani che provano emozioni, una risonanza emotiva che diminuisce l'intensità della stessa, proprio perché si muove da un corpo all'altro, non rimane chiusa e inespressa. Dire "Riconosco che non è facile" o "Vorrei che andasse diversamente" può cambiare le sorti del colloquio, e probabilmente alleviare la sensazione di disagio degli interlocutori. Queste risposte sono accomunate dal fatto che tutte rendono conto delle emozioni del paziente, che a sua volta si sentirà preso in considerazione e ascoltato. Se invece si risponde immediatamente con un intervento di tipo tecnico (senza lasciare spazio all'angoscia espressa poco prima dal paziente), come ad esempio "Ok. Dobbiamo cominciare con il topotecan questo pomeriggio" o "Questo accade spesso nel cancro ai polmoni. Faremo il possibile per risolvere il problema", molto probabilmente il paziente si sentirà mortificato e forse la prossima volta eviterà di esprimere un'emozione di fronte ad una persona che si è dimostrata insensibile. Probabilmente la gestione della malattia è corretta, ma la componente emotiva del colloquio è stata totalmente ignorata. Se invece si usa una risposta empatica come prima risposta e il piano prettamente medico è discusso qualche momento dopo, c'è una grossa probabilità che il paziente si senta sollevato perché le sue emozioni sono state "ascoltate". Secondo Buckman, l'importanza della risposta empatica s'individua in tre punti:

1. Si tratta di una tecnica, che va appresa ed esercitata, non di una facoltà innata (non è richiesto da parte del medico di sentire le stesse emozioni del paziente con la medesima intensità; si richiede invece di riconoscere tali emozioni);

2. Si parte prima dalle emozioni (poi il piano clinico);

3. È una tecnica che tutti possono imparare.

La risposta empatica fa parte di un metodo molto più ampio che comprende la "cura" di altri aspetti che comportano il comunicare una diagnosi infausta senza ignorare l'aspetto umano della relazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il difficile compito del medico: La comunicazione della diagnosi di malattia terminale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cesare Gurrado
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze Psicologiche
  Relatore: Mario Fulcheri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

relationship
oncology
quality of life
acute disease
breaking bad news
diagnosis communication
physician-patient
truth disclosure
serious ilness

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi