Skip to content

Il Mobbing in Area Sanitaria

Tipologie di danno causato dal mobbing

Oggi disponiamo di vari strumenti per la tutela delle vittime di Mobbing, anche se manca una specifica normativa nazionale. Ci si può avvalere tuttavia, della legislazione già esistente sulla protezione della salute (con norme costituzionali, civili, penali, disciplinari), quella a tutela della donna lavoratrice e in tema di sicurezza e salubrità del lavoro e la giurisprudenza inerente ai danni biologico ed esistenziale.
La condotta del mobber può essere considerata plurioffensiva, potendo ledere o mettere in pericolo l'integrità psicofisica del lavoratore ovvero la sua dignità morale, la vita di relazione, la professionalità, oltre che il patrimonio presente e futuro. Le tipologie di danno possono variare, a seconda della fattispecie concreta.
E' risarcibile il danno patrimoniale, come fatto illecito inferto alla sfera patrimoniale della vittima, nella forma del danno emergente (per esempio le spese mediche o farmaceutiche sostenute dal mobbizzato) e del lucro cessante (incapacità di produrre reddito per il futuro, perdita di possibilità di carriera causata dalla dequalificazione professionale).
Il danno alla professionalità viene ricompreso, usualmente in quest'ambito, come voce autonoma, secondo l'Artt. 1226 CCxxv, e si manifesta attraverso la dequalificazione, vale a dire l'attribuzione di mansioni inferiori a quelle di assunzione o la sottrazione o riduzione di mansioni senza conferimento di altre. Si configura come un inadempimento contrattuale da parte del datore di lavoro, e viene risarcito sulla base della violazione delle prescrizioni previste dall'Art. 2103 CCxxvi
La tutela risarcitoria deve confrontarsi con il danno non patrimoniale riconosciuto dall'ordinamento: il danno biologico, il danno morale soggettivo e il danno esistenziale.
Per danno biologico s'intende, al senso del D.Lgs. 38/2000 qualsiasi lesione all'Integrità psico-fisica, suscettibile di valutazione medico-legale, della persona e si fonda sugli Art. 32 Cost. e 2043 CC.
Le prestazioni per il ristoro sono determinate in misura indipendente dalla capacità di produzione del reddito, con riguardo alla sfera spirituale, culturale, affettiva, sociale, sportiva e a tutte le attività realizzatrici della persona, in dipendenza della lesione dell'integrità psico.fisica.
Nella categoria del danno biologico sono state ricondotte tutta una serie di voci risarcitorie autonome elaborate in precedenza, tra le quali:

• il danno estetico: la menomazione dei caratteri morfologici della persona

• il danno alla vita di relazione: la riduzione della capacità sociale e di affermazione nel consorzio umano mediante la vita di relazione

• il danno alla vita sessuale: la perdita o riduzione della capacità ad avere rapporti sessuali

• l'incapacità lavorativa generica: l'attitudine dell'uomo al lavoro in generale Requisito indispensabile è la modificazione peggiorativa dello stato di salute della vittima come ad esempio una patologia ansioso depressiva che frequentemente si manifesta a carico del mobbizzato.

Il danno morale, nel caso di Mobbing, consiste nella lesione della personalità morale. In base agli Artt. 2059 CC e 185 CP, la nozione di danno morale allude al dolore, alle sofferenze spirituali, ai turbamenti dello stato d'animo del soggetto, cagionati da un fatto materialmente idoneo a costituire un illecito penale lesivo degli interessi della vittima.
Il danno morale viene inteso in più modi, tra cui:

• la sofferenza collegata alle lesioni dell'integrità psico-fisica

• il dolore e patimento connessi ai vari trattamenti cui viene sottoposta la vittima in seguito all'evento lesivo

• l'offesa che il danneggiato subisce nell'avere lesa la propria dignità, la propria salute o altri beni immateriali in quanto vittima di una determinata aggressione della sua sfera, quale ad esempio il Mobbing

• il turbamento dell'esistenza

• la pena privata

Per essere risarcita del danno morale, la vittima, non deve necessariamente provare la sussistenza di una malattia psichica, ma è sufficiente dare dimostrazione, anche tramite criteri presuntivi, del turbamento e delle sofferenze dell'animo.
La dottrina, rilevando nel nostro ordinamento una lacuna nella tutela della persona, ha elaborato la fattispecie del danno esistenziale, sul presupposto che anche al di fuori dei casi di malattia fisica o psichica possono verificarsi aggravamenti oggettivi e verificabili delle condizioni esistenziali della persona.
Usualmente, si definisce il danno esistenziale come una modificazione peggiorativa dell'insieme delle attività realizzatrici della persona, nell'alterazione di quell'universo di azioni, consuetudini, affezioni, attraverso cui l'individuo costruisce la propria identità, la propria esistenza.
Sono lesi diritti primari e costituzionalmente tutelati della persona come la dignità e la vita famigliare, risarcibili, allora, in quanto "danno ingiusto" ai sensi di vari articoli della Costituzione quali il 2 e il 41 e del Codice Civile in particolare il 2043, 2049 e 2087.

La vittima di Mobbing quindi, ricorrendone i presupposti, può ottenere il risarcimento di una o più delle seguenti fattispecie:

• danno patrimoniale, di cui dovrà essere dimostrato il quantum

• danno biologico, fisico o psichico, per il quale generalmente sono usati criteri tabellari

• danno morale, in genere liquidato con una percentuale aggiuntiva rispetto all'intero danno

• danno esistenziale, facendo ricorso ai criteri equitativi di cui agli Artt. 1226 CC e 2056 CC.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Mobbing in Area Sanitaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Umberto Billo
  Tipo: Tesi di Master
Master in Funzioni Specialistiche e Gestione del Coordinamento nelle Professioni Socio-Sanitarie
Anno: 2010
Docente/Relatore: Massimiliano Ruzzeddu
Istituito da: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mobbing
bullismo
depressione
suicidio
medici
istigazione
infermieri
clima lavorativo
whistleblower
danno psicofisico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi