Skip to content

Leadership etica, intangibili e vantaggio competitivo basato sulla CSR: gli ultimi sviluppi della ricerca

Criticità attuali di applicazione della CSR

L’applicazione e l’acquisizione di una “responsabilità sociale dell’impresa” è ormai diventata una priorità di ogni azienda, visto il crescente interesse che gravita intorno a questo argomento.
Un numero sempre crescente d’imprese si sforza di adottare delle linee socialmente responsabili attuando varie iniziative sociali e ambientali per migliorare il proprio impatto sulla comunità. Tutte queste iniziative difficilmente riescono a raggiungere gli obiettivi prefissati anzi, per la maggior parte dei casi, il ritorno conseguito è notevolmente inferiore agli sforzi profusi per attuare determinate politiche.

Questo insuccesso si può ricercare in due cause:
1. La motivazione principale è che la maggior parte delle imprese vede il business in contrapposizione alla società. In realtà esse sono in stretto rapporto d’interdipendenza. Continuando a considerare il successo aziendale e l’impegno sociale come un gioco a somma zero, quindi se si cerca di aumentare il profitto si ha la conseguenza diretta di diminuire le azioni sociali o viceversa, difficilmente si possono cogliere le grandi opportunità offerte da questo tipo di approccio.
2. La seconda motivazione è data dal fatto che le imprese si fermano generalmente a una visione molto superficiale della CSR, quasi non centrasse nulla con la propria strategia e il proprio business. Diventa invece fondamentale che le imprese facciano rientrare la politica di CSR nella programmazione e nelle scelte aziendali come se fosse una qualsiasi scelta economica dell’azienda.
Questi due modi di agire fanno pensare a come sia sbagliata l’interpretazione data alla “responsabilità sociale” e fanno riflettere sulla necessità di fornire alle imprese delle indicazioni efficienti che permettano ai managers di prendere le giuste scelte per la gestione aziendale.
Per anni i sostenitori della CSR hanno fondato la loro teoria su quattro filoni di pensiero: l’obbligo morale, la sostenibilità, la legittimazione e la reputazione.
Questi fondamenti non offrono degli spunti spendibili in pratica nelle scelte, ma indicano solo una giusta teoria.
Si analizzeranno ora questi principi per valutare cosa manca a queste quattro basi affinché le imprese possano realizzare effettivamente un vantaggio competitivo tramite una gestione etica aziendale.
- Obbligo morale: La CSR è basata sul fatto che le imprese dovrebbero comportarsi da “buoni cittadini” ovvero che dovrebbero cercare di raggiungere i loro fini tenendo fede a dei valori etici nel rispetto della comunità e dell’ambiente in cui l’azienda opera.

È bene che l’impresa agisca nella legalità e pubblichi dei rendiconti finanziari onesti che comunichino l’effettivo stato di salute dell’azienda senza ingannare gli stakeholder che ruotano intorno ad essa. Queste pratiche possono essere anche facili da applicare, diventa più difficile quando bisogna ragionare in termini di scelte tra un beneficio sociale ed un altro, dal momento che si tende sempre a bilanciare le scelte tra interessi valori e costi. Non è sufficiente fare del bene in maniera casuale ragionando tra costi e benefici ma è preferibile che si agisca secondo degli obiettivi mirati per non disperdere le risorse.
- Sostenibilità: Il concetto di “sostenibilità”, come già discusso in precedenza (capitolo 1.8.4), è legato al tema della tutela ambientale e all’attenzione nei confronti della comunità, non solo nel breve periodo ma con una visione nel lungo periodo, in modo da non compromettere la soddisfazione dei bisogni alle generazioni future. E’ importante che le aziende facciano delle scelte tenendo presente la società, il profitto aziendale e l’ambiente così come suggerito dalla teoria “triple bottom line” esposta in precedenza (capitolo 1.8.4). In questo ambito, le aziende in genere operano in quelle questioni correlate agli interessi economici dell’impresa. Ad esempio una riduzione del materiale utilizzato per imballare la merce comporta sicuramente un minor spreco di risorse e quindi garantisce benefici all’ambiente, ma è comunque una scelta strategica intelligente che porta alla riduzione dei costi dell’imballaggio.

Anche in questo caso è fondamentale effettuare delle scelte di CSR che non siano puramente casuali, ma è opportuno che siano calibrate secondo delle priorità che permettano di raggiungere determinati obiettivi, evitando il rischio di sprecare molte risorse.
- Legittimazione: Le imprese per poter svolgere le proprie attività e raggiungere una certa posizione nel mercato devono avere una sorta di permesso, tacito o scritto, da parte della comunità, dal governo e da molti stakeholder con cui devo relazionarsi per concludere degli affari. Per poter usufruire di questo permesso è opportuno che l’impresa compia delle scelte che siano in linea anche con gli interessi di quelle parti che possano influenzare il raggiungimento degli obiettivi d’impresa. Questo approccio risulta essere molto più pratico perché offre alle imprese dei modi molto concreti di operare, in quanto predilige il dialogo con gli stakeholder per capire i loro interessi. In tal modo l’impresa può compiere delle scelte coerenti con gli obiettivi anche degli stakeholder. Questo tipo di attività diventa fondamentale soprattutto per quelle imprese che, per esercitare la loro funzione, hanno bisogno della tolleranza della comunità. Sono un esempio le imprese che utilizzano sostanze nocive e le aziende sottoposte a numerosi vincoli legislativi da parte del governo. In questo caso il rischio maggiore è di essere sottomessi agli stakeholder più forti, perdendo di vista la vera essenza e la cultura aziendale. Il fatto che alcuni gruppi di stakeholder si facciano sentire con prepotenza e arroganza non significa che le loro proposte siano le più giuste. E’ opportuno tenere in considerazione i vari punti di vista ma solo l’impresa stessa è in grado di scegliere la cosa migliore per se stessa e per la comunità, in quanto, è l’unica a conoscere le proprie caratteristiche. La cosa peggiore è quella di considerare la CSR come un modo per dare un “contentino” agli stakeholder e per farli stare buoni in modo che non disturbino l’operato aziendale. La CSR deve essere un fattore che viene usato in maniera propositiva, non esclusivamente passiva e difensiva. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Leadership etica, intangibili e vantaggio competitivo basato sulla CSR: gli ultimi sviluppi della ricerca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Belingheri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Claudio Chiacchierini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi