Skip to content

La delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale

Il processo di nullità del matrimonio canonico; i soggetti processuali

Il processo di nullità del matrimonio canonico, come tutti gli altri processi contenziosi, è disciplinato da due fondamentali principi: dal principio della domanda secondo il quale il giudice non può emettere provvedimenti d'ufficio, salvo casi eccezionali e il principio del contraddittorio in virtù del quale è nullo un processo nel quale anche solo una delle parti non sia stata posta in condizione di replicare all'altra. Il contraddittorio è il presupposto indispensabile per il diritto delle parti alla difesa che deve snodarsi attraverso la facoltà di contraddire alla domanda e quant'altro proposto dall'altra parte, e il diritto di essere ascoltati. Il processo canonico di nullità del matrimonio è qualificabile come processo speciale che si ispira al modello generale del processo contenzioso.
Il canone 1674 elenca le parti del processo che sono le seguenti: il coniuge che impugna il matrimonio, che riveste la funzione di attore del processo; il coniuge nei confronti del quale l'attore agisce, cioè il convenuto, chiedendo la nullità del matrimonio; il Promotor Iustitiae, figura particolare dell'ordinamento canonico, analoga a quella del pubblico ministero, incaricato di promuovere l'interesse pubblico. La sua legittimazione è limitata all'ipotesi che la nullità sia notoria e che non sia possibile o opportuno sanarla. Ciascuna delle parti ha diritto di nominare un procuratore, che lo rappresenta e un avvocato che la difenda. Nella cause matrimoniali non è necessaria comunque la costituzione di un difensore in conformità ad una prassi conforme. In linea di principio, per poter assumere l'incarico di procuratore o di avvocato è necessario un mandato che deve essere depositato presso il tribunale; tuttavia, al fine di impedire la perdita di diritti, è consentita l'attività di un procuratore sprovvisto di mandato, eventualmente previa prestazione di cauzione e con l'onere di esibire il mandato entro un termine perentorio fissato dal giudice. Inoltre, si può introdurre una causa di scioglimento matrimoniale dopo la morte di uno o di entrambi i coniugi, solo se la decisione sulla nullità sia pregiudiziale rispetto ad un'altra controversia sia in un foro canonico che civile.
La competenza nei processi di nullità matrimoniale spetta ai tribunali ecclesiastici che configurano l'ordinamento giudiziario della Chiesa cattolica. La struttura a base diocesana nella quale il Vescovo nomina un vicario giudiziale con potestà ordinaria a giudicare che presiede il tribunale diocesano di prima istanza, è stata superata per le cause matrimoniali. In quell'anno sono stati istituiti diciotto tribunali regionali, otto dei quali sono anche tribunali d'appello. Tribunale di terzo grado, invece, per tutta la Chiesa è il Tribunale Apostolico della Rota Romana. Questo tribunale è composto da un numero, variabile, di giudici di nomina pontificia, appartenenti a varie nazionalità, detti prelati uditori, presieduti dal decano, che usualmente è il più anziano. Il Tribunale della Rota Romana giudica normalmente in collegio a turni, di tre uditori, con una rotazione, in virtù della quale, a iniziare dal decano, ogni uditore, compone un turno con i due uditori che lo seguono per anzianità di nomina. Attraverso questo meccanismo di turnazione la Rota Romana è in grado di esercitare al proprio interno la giurisdizione in più gradi di processo.
Alla sommità dell'ordinamento giudiziario della Chiesa Cattolica, invece, si colloca il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, che assume rilevanza fondamentale. Il Supremo Tribunale è composto da Cardinali e Vescovi, particolarmente esperti di diritto, nominati dal sommo Pontefice, con compiti amministrativi di vigilanza, direzione e controllo sull'amministrazione della giustizia ecclesiastica e giurisdizionali. Per quanto riguarda le cause di nullità matrimoniale, esso esercita il controllo di legittimità sulle sentenze, quando alcuni dei concordati, fra i quali quello della Santa Sede con l'Italia, prevedono la trasmissione delle predette sentenze dell'autorità statale per ottenere efficacia nell'ordinamento civile. Le cause di nullità del matrimonio vengono trattate da un collegio del tribunale regionale competente, composto da tre giudici. Solo quando tale composizione risulti impossibile, la Conferenza Episcopale può consentire, limitatamente al primo grado di giudizio, la trattazione da parte di un solo giudice.
La competenza per territorio è fissata dal can. 1673, alternativamente tra: tribunale del luogo nel quale è stato celebrato il matrimonio; tribunale del luogo nel quale la parte convenuta ha il domicilio o il quasi domicilio (territorio nel quale si intende restare per tre mesi o nel quale si è dimorato per tre mesi); tribunale del luogo nel quale domicilia la parte attrice, purché entrambe le parti risiedano nel territorio della stessa Conferenza Episcopale nazionale e con il consenso del vicario del domicilio della parte convenuta, sentita costei; tribunale del luogo nel quale si deve raccogliere la maggior parte delle prove, sempre previo consenso del vicario giudiziale del domicilio della parte convenuta e sentita quest'ultima.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La delibazione delle sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rita Barbieri
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maria D'Arienzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corte d'appello
delibazione
matrimonio concordatario
matrimonio canonico
sentenze ecclesiastiche di nullità matrimoniale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi