Skip to content

La scultura avanzata

Manualità: Michelangelo Buonarroti

Quasi contemporaneamente a Leonardo e proprio nello stesso luogo, la Firenze del Cinquecento, un'altra grande personalità chiede parola in questo contesto.
Il grande artista, pittore e scultore Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo,1475- Roma, 1564), fu il protagonista forse più illustre e tormentato dell'epoca d'oro dell'arte italiana: il Rinascimento.

Dotato di un talento eccezionale, fu accolto giovanissimo dalla potente famiglia dei Medici e presto arrivarono importantissime commissioni da personalità illustri anche oltre Firenze.
Per quanto riguarda il suo modo di lavorare, il grande artista fiorentino si ostinò a realizzare i suoi lavori confidando solo ed unicamente sulle proprie mani per tutta la vita, forse per questo motivo nel ritratto di Jacopino del Conte la sua nodosa e laboriosa mano spicca in primo piano.
Non tutti i suoi illustri colleghi si comportavano allo stesso modo. Il celebre Raffaello Sanzio usava invece circondarsi di numerosi allievi nello sviluppo dei vari lavori commissionati alla bottega del maestro. Egli apponeva solo l'ultimo ritocco e quindi la firma a conclusione e sigillo del lavoro svolto dagli allievi. Tuttavia questo bastava a rendere l'opera autografa del maestro in questione.
Michelangelo, all'opposto, lavorava solo.
Ad appena ventiquattro anni l'artista fiorentino aveva già realizzato il suo primo capolavoro La pietà (1499) in marmo di Carrara, la materia prima da cui non si separerà più per tutte le sue successive sculture, scegliendo personalmente i blocchi dalle cave della città toscana più importante al mondo per il famoso marmo bianco molto pregiato che viene estratto dalle vicine Alpi Apuane. In quest'opera Michelangelo sembra, osservando il volto giovane della madre terrena di Gesù, Maria, interpretare fedelmente il passo dantesco "Vergine Madre, Figlia di tuo Figlio".

E nel David le mani dell'eroe ebreo sono insolitamente grandi. È più probabile che questa anomalia sia volontaria piuttosto che attribuibile ad un errore nelle proporzioni del maestro. Michelangelo potrebbe voler così rimarcare la potenza del gesto che con la mano si va a compiere.

Il lavoro più impegnativo in termini temporali e fisici per il grande Michelangelo fu quasi sicuramente quello dell'affresco della volta della Cappella Sistina, su commissione del pontefice Giulio II.
Il tema generale degli affreschi della volta è il mistero della Creazione di Dio, che raggiunge il culmine nella realizzazione dell'uomo a sua immagine e somiglianza.
Soffermiamoci sull'affresco della Creazione di Adamo, il primo uomo e genitore di tutta l'umanità.

Citando Susan Sontang "Poiché un' immagine può mostrare soltanto un momento, il pittore o lo scultore devono scegliere il momento che offre quel che del soggetto chi guarda ha più bisogno di sapere e sentire". Si intuisce, osservando l'affresco, quale momento sia stato scelto dal maestro per descrivere la creazione.
Se l'uomo è creato ad "immagine e somiglianza di Dio" in quest'affresco Michelangelo sceglie di rappresentare quell'attimo cruciale con il contatto tra due mani: quella divina e quell'umana, così straordinariamente simili l'una all'altra nella rappresentazione. È come se da quest'attimo in poi anche l'uomo, creatura privilegiata rispetto alle altre, possa così essere davvero simile a Dio, e, a sua volta, possa ereditare dal Padre una straordinaria facoltà: quella di creare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La scultura avanzata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Libera Nasti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Scultura
  Relatore: Giuseppe capasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scultura, viaggio, spirale
scultura, viaggio, spirale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi