Skip to content

La capacità di carico turistica per le aree protette: un' analisi del territorio del Parco Adamello

Definizione e componenti della capacità di carico turistica

In generale la capacità di carico turistica viene definita dall’Organizzazione Mondiale del Turismo come “il massimo numero di persone che possono visitare una destinazione turistica, nello stesso periodo, senza causare una distruzione dell’ambiente fisico, economico e socioculturale e un’inaccettabile riduzione della qualità dell’esperienza del visitatore” (Mexa, Coccossis, 2004, p. 38). Tale concetto può assumere connotati differenti a seconda del contesto considerato, poiché per esempio l’intensità d’uso e la soddisfazione del visitatore variano notevolmente in una riserva naturale, rispetto ad una zona fortemente urbanizzata.
La definizione dell’Organizzazione Mondiale del Turismo pone in evidenza le tre componenti fondamentali della capacità di carico turistica:

• Capacità di carico fisico-ecologica: riguarda la disponibilità delle risorse naturali presenti nella destinazione in relazione alla fruizione antropica, riferendosi alla capacità dei sistemi naturali di assorbire un certo impatto senza causare la perdita delle proprie caratteristiche essenziali o delle funzioni ecologiche (Ambiente Italia, 2005; Coccossis, Mexa, 2004). Essa definisce il limite fisico, che corrisponde al livello oltre il quale la risorsa risulta degradata in modo irreversibile, o recuperabile solo a fronte di costi tanto elevati da poter essere considerati infiniti (Costa, Manente, 2000, p. 250). I livelli di capacità per la componente fisico-ecologica possono essere espressi in termini di: livello accettabile di congestione o di densità in aree chiave come parchi e musei; massima perdita accettabile di risorse naturali (per esempio acqua o suolo) senza significativo degrado delle funzioni dell’ecosistema o della biodiversità o perdita di specie; livello accettabile di inquinamento di aria, acqua e rumore sulla base della tolleranza o della capacità di assimilazione degli ecosistemi locali (l’esistenza di standard può aiutare a determinare i livelli accettabili); uso e congestione di strutture e servizi di offerta di acqua ed energia elettrica; adeguata disponibilità di altre strutture e servizi comunitari, per esempio relativi alla salute pubblica (Coccossis, Mexa, 2004).

• Capacità di carico socioculturale: include i livelli di tolleranza della popolazione locale e la qualità dell’esperienza dei visitatori dell’area. Essa definisce il limite sociale, che corrisponde al livello oltre il quale le funzioni sociali e/o economiche dell’area risultano danneggiate e/o ostacolate (i costi sociali percepiti dai residenti superano i benefici), con conseguente degrado nella qualità della vita della popolazione ospitante (Costa, Manente, 2000, p. 249). I livelli di capacità per la componente socioculturale possono essere espressi in termini di: numero di turisti e tipi di attività ricreativa turistica che possono essere assorbiti senza influire sull’identità, lo stile di vita, i modelli sociali e le attività svolte dalle comunità ospitanti; livello e tipo di turismo che non altera significativamente la cultura locale in modo diretto o indiretto in termini di costumi e tradizioni; livello di turismo al quale la popolazione locale è favorevole; livello di turismo (numero di visitatori e compatibilità dei tipi di attività) in un’area senza un declino inaccettabile dell’esperienza dei visitatori (Coccossis, Mexa, 2004).

• Capacità di carico politico-economica: si riferisce all’impatto del turismo sulle strutture economiche locali, inclusa la competizione con altri settori. Rappresenta l’abilità ad assorbire le varie funzioni turistiche senza compromettere le attività locali. Essa definisce il limite economico, che corrisponde al livello oltre il quale la qualità della vita si riduce drasticamente al punto da determinare una contrazione della domanda (Costa, Manente, 2000, p. 249). I livelli di capacità per la componente politico-economica possono essere espresse in termini di: livello di specializzazione nel turismo; perdita del lavoro umano in altri settori dovuta all’attrattività del turismo; distribuzione del reddito a livello locale proveniente dal turismo; livello di impiego del turismo in relazione alle risorse umane locali (Coccossis, Mexa, 2004).

La capacità di carico dunque, non è un unico numero ma un vettore di indici, determinato in funzione della tipologia di territorio analizzato, degli obiettivi di management, della resilienza dei sistemi e dei tipi di attività presenti (Satta, 2003; Saveriades, 2000, citato in Mexa, Coccossis, 2004).
Essa inoltre non è necessariamente fissata nel tempo, ma può essere alterata da azioni di management, come la fornitura di strutture ricreative, e da cambiamenti ambientali più ampi, quali le conseguenze derivanti dai cambiamenti climatici o un cambiamento nelle attitudini sociali (MacLeod, Cooper, 2005). La massima capacità di carico di una destinazione turistica è poi definita dal vincolo più stringente, ovvero quello che per primo si attiva tra quello sociale, economico e fisico (Costa, Manente, 2000).
Quanto appena descritto mette in luce che nella valutazione della capacità di carico turistica si fondono variabili oggettive, che riguardano la determinazione di dati fisici (esternalità fisiche o irrilevanti), e soggettive, che riguardano il processo di trasformazione dei dati fisici in variazione di benessere (esternalità economica o potenzialmente rilevante) (Bimonte, Franzini, 1999). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La capacità di carico turistica per le aree protette: un' analisi del territorio del Parco Adamello

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simona Ghidini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche per l'ambiente e la cultura
  Relatore: Roberta Raffaelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 219

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
turismo
parchi naturali
aree protette
turismo sostenibile
valle camonica
capacità di carico turistica
parco adamello
indicatori sociali
indicatori ambientali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi