Skip to content

La regolamentazione del lavoro nei paesi in via di sviluppo

Effetti del salario minimo nei PVS: Indonesia e Brasile

Data l’ambiguità delle previsioni teoriche, non è sorprendente che esista una vasta letteratura che cerca di valutare empiricamente gli effetti dei salari minimi. La maggior parte di essa ha analizzato il salario minimo negli Stati Uniti, ma molti studi sono stati condotti anche nel contesto dei Paesi in via di sviluppo. Infatti, in tale contesto, nessun altro tipo di regolamentazione del mercato del lavoro ha ricevuto più attenzione rispetto al salario minimo. Di solito gli studi empirici sugli effetti dei salari minimi si sono concentrati in particolare su due variabili: i salari, in genere per coloro che sono occupati nel settore formale, e l’occupazione, considerando stavolta sia il settore formale che quello informale. La maggior parte delle prove sulle nazioni in via di sviluppo proviene dall’America latina (in particolare Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica e Messico) e dall’Indonesia. La fissazione del salario minimo introdotta per la prima volta nel l956 in Indonesia, occupa un posto centrale nella politica nazionale per il settore della manodopera. Il Consiglio sul salario nazionale è stato costituito nel l969, ed ad ogni provincia ne viene assegnato uno regionale o provinciale le cui funzioni riguardano principalmente il calcolo del livello dei bisogni di base dei lavoratori e delle loro famiglie. I salari minimi regionali e i salari minimi settoriali sono considerati come strumenti per migliorare i salari dei lavoratori. Norme internazionali del lavoro sul salario minimo hanno avuto una notevole influenza sulle istituzioni chiamate a impostare un salario minimo nazionale. La prima convenzione dell’ILO (organizzazione internazionale del lavoro) è stata elaborata nel l928, mentre la seconda stata adottata nel l970. La prima convenzione incoraggia la creazione di salari minimi nei mercati in cui non esistono tali disposizioni, per una regolazione efficace dei salari nei contratti collettivi e per i salari sono eccezionalmente bassi. La seconda Convenzione si riferisce a tutti i gruppi di lavoratori dipendenti le cui condizioni di lavoro richiedono una opportuna copertura, e cita due serie di elementi da prendere in considerazione per fissare i salari minimi: le esigenze dei lavoratori e i fattori economici. La fissazione dei salari minimi di lavoro è rimasta una questione nazionale in Indonesia, in cui ogni provincia ha una propria esperienza particolare e un proprio dilemma nel trattare e conciliare ciò che è spesso visto come una questione di considerazione dei bisogni di base dei lavoratori, e delle esigenze delle imprese e dell’economia di crescere, essere produttive e competitive. L’Indonesia è un luogo ideale per uno studio di questo genere. E’ un paese a reddito relativamente basso (PIL pro capite di $ 980 nel 1995), ma ha un grande settore manifatturiero cresciuto a seguito del boom della produzione avvenuto a partire dalla metà degli anni ‘80). Gran parte di questo settore è a bassa tecnologia e bassi salari, per esempio, l’abbigliamento, il tessile, le calzature e il cuoio. Limitiamo la nostra attenzione a questo settore, perché queste industrie hanno un elevato numero di lavoratori dipendenti a basso reddito, prevalentemente di tipo femminile. Anche se l’Indonesia ha anche una lunga storia di legislativa riguardo al salario minimo, l’inosservanza delle leggi sul salario minimo è un problema ben più grave nei Paesi in via di sviluppo rispetto ai paesi sviluppati, a causa della debolezza dei Governi nell’imporne il rispetto. Inoltre troviamo differenze nel salario minimo legale tra imprese geograficamente vicine, ma localizzate su diversi lati dei confini provinciali. Una differenza particolarmente evidente nei salari minimi avviene entro i confini della Greater Jakarta (che è il centro di produzione dell’Indonesia) parte della quale è in provincia di Jakarta e in parte nella vicina provincia di West Java. Nel 1990 il salario minimo era del 36% superiore a Jakarta rispetto al West Java. Ma già nel 1994 non c’era più alcuna differenza tra i salari minimi nelle due regioni. Infine, prima della crisi, l’Indonesia ha registrato un notevole afflusso di capitali internazionali. Il settore manifatturiero è costituito da imprese nazionali e multinazionali. Ad esempio, sia la Nike che la Reebok producono nella zona di Jakarta. Anche se l’Indonesia è il quarto paese più popoloso del mondo, infatti le sue isole coprono una superficie superiore a quella dell’Europa, la sua media relativamente bassa di reddito pro capite la sua economia è considerata di dimensioni ridotte in termini internazionali, solo il 3% circa di quello degli Stati Uniti. Tuttavia, prima della crisi finanziaria del 1997 l’Indonesia visse un boom di produzione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La regolamentazione del lavoro nei paesi in via di sviluppo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio De Gregorio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Riccardo Marselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercato del lavoro
paesi in via di sviluppo
salario minimo
regolamentazione del lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi