Skip to content

La lingua come lente, uno sguardo sul rapporto lingua-pensiero nella ricerca contemporanea

La lingua come specchio

La lingua è uno specchio, spiega Deutscher, perché ci riflette qualcosa legato ai parlanti di quella determinata lingua.
Cosa può riflettere la lingua? Aspetti culturali o naturali? La natura, continua il linguista, fa delle nette e ovvie distinzioni tra oggetti che ci appaiono in tutta la loro chiarezza, la stessa indubbia chiarezza che viene riflessa nella lingua; ogni lingua, infatti, contiene una parola specifica per designare un gatto, un cane, la luna, la porta, un uccello, il cielo ecc Stando a questo assunto, potremmo dire che la lingua esprime ciò che c’é di più naturale nel mondo in cui viviamo e nessun parlante confonderà mai i concetti di gatto e sole, né alcuna lingua li fonderà mai insieme.
Le lingue, in qualche modo, devono sottostare a una legge che viene "dall’alto": il simile va con il simile che differisce e si allontana dal dissimile. Si deve innanzi tutto seguire questa linea naturale prima di parlare di cultura.

Deutscher, riesce così a trovare un "accordo" con Chomsky affermando che anche il nostro cervello é naturalmente dotato di "algoritmi" capaci di raggruppare intuitivamente ciò che é simile e ciò che non lo é (attitudine tra l’altro che appare nei bambini nella loro prima scoperta del mondo); in breve, abbiamo un’attitudine in parte innata nel categorizzare il mondo che poi esprimiamo linguisticamente. Se le lingue possono scegliere arbitrariamente le loro etichette (gatto, chat, cat, gato), non possono scegliere arbitrariamente i concetti dietro le etichette (felino domestico). Dunque le "etichette" rifletterebbero le scelte culturali, i "concetti" sotto le etichette, invece obbedirebbero ai dettami della natura, e alla categorizzazione innata.

Anche Aristotele nel IV secolo disse che sebbene i suoni del linguaggio variano da un’etnia all’altra, i concetti sono gli stessi per tutti i popoli. La lingua però non è solo un mezzo per esprimere fatti naturali. Laddove le linee di demarcazione che la natura ha tracciato risultano più deboli e più sfumate, ecco subito che la cultura ne approfitta intrufolandosi e prendendo in mano la situazione, decidendo. La cultura spesso varca il confine naturale imponendosi anche nel dominio dei concetti, non solo in quello delle etichette. E’ proprio in questi casi che la lingua riflette anche la cultura.

Generalmente, ciò accade per i concetti astratti (come vittoria, orgoglio, sacrificio, amore) che non sono così marcatamente distinti dalla natura come cane e gatto. Per tradurre in italiano la parola inglese mind per esempio, il dizionario bilingue ci fornirà un elenco delle diverse "etichette" che la lingua italiana ha dato a quello che viene raccolto in una sola parola inglese.

L’italiano, in questo caso, offre più parole da attribuire a ogni sfumatura di significato che tale concetto presenta. Mind, così come in parte la parola francese esprit, può essere tradotto come mente, animo, intelligenza, opinione, ragione in base ai contesti in cui viene utilizzata. La stessa cosa se prendiamo la parola italiana animo che in inglese avrà tante espressioni linguistiche tante quante le sfumature di significato di tale parola: animo può significare soul oppure heart o anche mind e ancora conscience, spirit. Per non parlare dei famoso I love you, che condensa in un’unica espressione le tante sfaccettature di questo sentimento, non a caso così complesso, che vanno dall’affetto, alla passione, all’amore e che gli anglosassoni hanno visto bene di raccoglierlo in una parola sola per "non sbagliare".

Prendendo le distanze da Whorf, i neorelativisti tengono a sottolineare che benché gli anglosassoni e gli italiani usino diverse parole per indicare uno stesso concetto, è assolutamente falso dedurre che i primi disconoscano la differenza tra un sentimento di affetto e uno d’amore, perché, come abbiamo più volte ripetuto, la lingua che parliamo non ci limita nella comprensione di termini e concetti che non appartengono al nostro vocabolario, allo stesso modo, il vocabolario, anche se "sintetico", non ci limita nella conoscenza delle sfaccettature di significato che tale termine può avere. I love you è semplicemente l’esempio più noto di come la lingua inglese usi una forma di directness, ovvero schiettezza, concisione, che è raramente manifesta nei parlanti italiani, che amano adoperare, soprattutto allo scritto (letteratura a parte) una folta gamma di sinonimi, sfumature, e ghiri ghiri.

Se ne "lamenta" la traduttrice inglese Miriam Hurley, quando imbattendosi nelle traduzioni dall’italiano all’inglese, dice che per lei, madrelingua anglofona, la più grande sfida é "semplificare" il testo italiano ai fini di una corretta traduzione in lingua inglese: infiniti sinonimi per evitare le ripetizioni, periodi troppo lunghi, un’elaborazione delle idee troppo fluida e dispersiva che per il lettore anglofono (e aggiungerei francofono), troppo preoccupato alla struttura rigida del testo, è un vero problema. La lingua semplicemente sceglie un modo proprio di organizzare linguisticamente l’esperienza ed "etichettare" il mondo, orientando i parlanti verso un determinata abitudine linguistico-cognitiva e a lungo andare percettiva.

Che succede quando la cultura va ancora più oltre? Quando arriva a stabilire qualcosa che istintivamente ci appare naturale e quindi universale?

Questo brano è tratto dalla tesi:

La lingua come lente, uno sguardo sul rapporto lingua-pensiero nella ricerca contemporanea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Di Grande
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Alessandro Lutri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi