Skip to content

La Turchia verso l'Europa: il processo d'integrazione dell'eterno candidato. La tutela dei diritti umani in ambito europeo. Identità turca ed europea a confronto

La libertà d’espressione in Turchia

La situazione dei diritti umani in Turchia è ancora piuttosto critica, come risulta dagli ultimi rapporti di Amnesty International e della Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI). A preoccupare è, in modo particolare, l’abuso delle disposizioni del codice penale in materia di libertà di espressione e la situazione delle minoranze presenti nel paese.
Ma non mancano violazioni all’art. 3 della Cedu in riferimento alla Proibizione della tortura, all’art. 6, rubricato Diritto a un equo processo, e all’art. 9, Libertà di pensiero, coscienza e di religione.
Secondo quanto si legge nel Rapporto 2011 di Amnesty International, con le modifiche approvate dal Parlamento nel maggio 2010, “il governo si è impegnato a rispettare molte delle raccomandazioni, ma è da sottolineare il fatto che abbia respinto quelle che chiedevano un maggiore riconoscimento dei diritti delle minoranze e la modifica o l’abolizione degli articoli del codice penale che limitano la libertà di espressione”. Se da una parte non si può negare che qualche progresso c’è stato, come nel caso dell’abolizione della pena di morte e del divieto che colpiva le lingue non turche, dall’altra parte è anche vero che la riforma del codice penale prevede la reclusione per chi faccia riferimento al genocidio armeno o alla situazione dei curdi o chi ammetta l’esistenza della questione di Cipro. Le riforme del codice sono piuttosto vaghe, tanto che permettono ai giudici di “promuovere azioni giudiziarie arbitrariamente e di reintrodurre le pene detentive per i giornalisti, anche se abolite”.
L’art. 10 della CEDU afferma che “Ogni persona ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà d’opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera”. Ed è proprio questo uno dei principi più violati dalla Turchia. Per fare solo alcuni esempi citati nell’opera di Del Valle, ai sensi dell’art. 125, il fatto di umiliare, disonorare o attentare alla dignità di una persona è passibile di detenzione da tre mesi a due anni, ma la condanna può essere aumentata di un terzo se commessa a mezzo stampa. L’art. 305 punisce da tre a dieci anni di reclusione chi esprime un’opinione in contrasto con gli interessi nazionali della Turchia. La pena può essere aumentata fino a quindici anni se commessa a mezzo stampa. I lavori preparatori fanno riferimento anche al riconoscimento del genocidio armeno e alla questione di Cipro.
A marzo 2011 Goksel Yildirim, capo della sezione di Ankara del sindacato nazionale dei giornalisti, ha parlato di 61 giornalisti in stato di arresto, 39 in carcere in attesa di giudizio e più di 4mila in attesa di conoscere come finirà il loro processo. La libertà di espressione in Turchia è davvero lontana dai canoni richiesti a una democrazia. Uno degli articoli più controversi è il 301 del codice penale che, come modificato nel 2008, punisce chi offende la nazione turca (prima invece si parlava d’identità turca). Questo articolo è stato utilizzato per esempio contro lo scrittore premio Nobel Orhan Pamuk, dopo che aveva affermato che “30mila curdi e un milione di armeni sono stati uccisi in Turchia”. Altro caso emblematico legato all’art. 301 è quello del direttore della rivista armeno turca Agos, Hrant Dink, ucciso nel 2007 dopo essere stato processato per aver definito genocidio il massacro armeno.
L’Unione Europea ha espresso più volte la necessità di eliminare l’art. 301, ma Erdogan ha affermato che la “Turchia necessita di questo articolo perché la sua mancanza condurrebbe all’uso illimitato delle libertà, cosa che non è concessa in nessuna parte del mondo. La vostra libertà finisce ove inizia quella del prossimo. In nessun Paese si può liberamente commettere vilipendio contro lo Stato, il Popolo, la Nazione o la bandiera senza essere puniti”. In un rapporto dell’Istanbul Bilgi University, si è riscontrato che se in passato erano i militari ad avere un’influenza sul controllo delle notizie, ora il potere sembra essersi spostato verso la polizia. Secondo l’89% dei giornalisti intervistati per compilare il rapporto, sono insufficienti le normative di legge per la tutela della libertà dei media. Nella Risoluzione del Parlamento europeo sulla relazione 2010 sui progressi compiuti dalla Turchia, il Parlamento ha espresso preoccupazione “per il deterioramento
della libertà di stampa, per alcuni atti di censura e per il diffondersi di una crescente autocensura tra i mezzi di comunicazione”. Dubbi sono stati espressi anche per il fatto “che le trasmissioni possono essere interrotte per motivi di sicurezza nazionale, senza un’ordinanza del tribunale o la decisione di un giudice; rileva con preoccupazione la prassi di avviare procedimenti penali – in particolare ai sensi dell’art. 285, Violazione della riservatezza di un’indagine penale, e dell’art. 288, Tentativo di influenzare gli organi giudiziari – contro i giornalisti che diffondono le prove di violazioni dei diritti umani e altre questioni di interesse pubblico”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Turchia verso l'Europa: il processo d'integrazione dell'eterno candidato. La tutela dei diritti umani in ambito europeo. Identità turca ed europea a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia De Blasis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi Link Campus University
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Franco Ciufo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi