Skip to content

L'Accordo di libero scambio tra Serbia e Russia: opportunità per le imprese italiane

Effetti indiretti degli IDE sulla crescita economica

Per il paese ricevitore degli investimenti, gli IDE rappresentano un pacchetto composto da capitale, know-how e tecnologia. L’effetto positivo indiretto che gli IDE esercitano sul paese ricevitore consiste nel trasferimento di conoscenze, innovazioni e capacità tecnologiche. Le aziende straniere provenienti dai paesi industrializzati possono contribuire alla crescita economica delle aziende locali attraverso la diffusione delle conoscenze tecnologiche, know-how, esperienza, prassi manageriali e organizzative alternative. Tuttavia, la dimensione degli effetti positivi degli IDE dipende dalle riserve del capitale umano disponibile nel paese ospitante e dalle sue capacità assorbenti delle tecnologie disponibili. In sostanza, la logica è che solo i paesi con livelli sufficientemente alti di capitale umano possano sfruttare gli effetti diffusivi tecnologici associate agli IDE.I paesi del sud-est Europeo, tra cui la Serbia, si caratterizzano per un alto livello di formazione, e una forza lavoro relativamente abile, per cui hanno già ottenuto (il minimo/sufficiente) livello di “capacità assorbente” necessarie per lo sfruttamento dei benefici connessi agli IDE. Le cosiddette “capacità assorbenti” dipendono anche dal livello dello sviluppo istituzionale del paese ospitante, come già discusso in precedenza nel presente capitolo.
Inoltre, un altro fattore cruciale per l’ottenimento degli effetti positivi che esercitano gli IDE è l’apertura al commercio internazionale. Questo vale specialmente per gli investitori che delocalizzano la produzione e che poi rimpatriano una buona parte di essa (se non la totalità, come verrà illustrato nel caso aziendale del gruppo Calzedonia nel capitolo 3).

Gli IDE in Serbia

Gli investimenti diretti esteri in Serbia hanno una lunga tradizione, ma è solo di recente che essi hanno avuto una vera e propria esplosione. L’influenza del capitale straniero sull’economia serba iniziò dopo la Prima Guerra Mondiale. In quel periodo gli IDE non erano regolati dal punto di vista normativo. È solo nell’ultimo decennio del ventesimo secolo e nel primo del ventunesimo secolo, che attraverso il processo di trasformazione dell’economia e di privatizzazione, viene regolato l’afflusso degli investimenti diretti esteri. In particolare, nel gennaio 2002 viene emanata la legge che regola gli investimenti diretti esteri insieme ad altre leggi volte alla creazione di un ambiente economico-legislativo favorevole per l’investitore straniero (come per esempio la legge sulle zone franche).
La ragione della tarda apertura della Serbia verso gli IDE va cercata nella politica estera del paese. La guerra nei territori dell’ex Federazione Jugoslava ha rallentato il processo di transizione dell’economia dei suoi stati membri e le sanzioni applicate alla Serbia, da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, hanno portato il paese nell’isolamento economico e politico. Le conseguenze dell’embargo economico sono state la forte disoccupazione e l’iperinflazione. L’economia del paese, sfinita da sanzioni e da altri tipi di restrizioni e con un grande ritardo nello sviluppo tecnologico, trova difficoltà ad inserirsi nel contesto moderno dell’economia mondiale.
Dal 2000 in poi, dopo cambiamenti politici messi in atto dal governo serbo e dopo l’abolizione delle sanzioni da parte delle Nazioni Unite, la Serbia comincia il suo percorso di inserimento nell’economia mondiale. L’economia del paese non ha mezzi propri per uscire dalla crisi e la sua unica salvezza è l’attrazione degli investimenti diretti esteri. A questo proposito, il Governo serbo si è impegnato al massimo a creare un ambiente economico positivo per gli investitori stranieri. I risultati del suo impegno sono evidenti, giacché dal 2000 la Serbia ha attratto più di 20 miliardi di euro di IDE. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Accordo di libero scambio tra Serbia e Russia: opportunità per le imprese italiane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nevena Jelic
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Fabio Cassia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo libero scambio serbia russia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi