Skip to content

Le nuove frontiere delle organizzazioni criminali: un profilo socio-politico.

La mafia in Lombardia

La Lombardia rappresenta, sul piano economico, la macchina motrice di tutta l’Italia. È l’area più ricca della nazione ed è considerata tale anche dalle mafie, che la vedono come il luogo centrale in cui stabilirsi per i loro grandi affari e i traffici illegali che sono col tempo cresciuti in maniera vertiginosa:

“E così, con il passare degli anni, il morbo della criminalità organizzata ha talmente attecchito che ora la Lombardia è considerata da molti addetti ai lavori la quarta regione ad alta densità mafiosa dopo Sicilia, Calabria e Campania. Ma stupirsi oggi per quanto la situazione sia degenerata negli ultimi anni sarebbe da ipocriti. E, diciamolo, a questo punto correre ai ripari comincia a essere complicato.”

De Stefano, giornalista napoletano esperto di criminalità organizzata e autore di molte pubblicazioni su questo argomento, così prosegue: “Il quadro attuale è sconfortante perché è ormai evidente che anche a centinaia di chilometri dalle tradizioni capitali del crimine (da Palermo a Napoli, fino a Reggio Calabria) le cosche si comportano esattamente come fanno nelle regioni di origine. Minacciano, uccidono, si infiltrano nella politica, praticano estorsioni, spacciano droga. E, come è già accaduto nel Sud, lo Stato non sempre dà l’impressione di saper arginare un’avanzata che, nonostante le periodiche frenate imposte da indagini e arresti, sembra non conoscere ostacoli.”

Oggi sappiamo per certo che l’economia delle mafie non controlla soltanto le consuete attività illegali ma i boss gestiscono, sempre come spiega De Stefano,“una parte delle autorimesse e del commercio di automobili, dei bar, delle panetterie, dei pub e dei ristoranti, delle sale giochi, delle sale scommesse, delle società finanziarie. E poi gestiscono lo stoccaggio e lo smaltimento dei rifiuti, le discoteche, i locali da ballo e i night club (che danno la possibilità di far circolare la droga), le sale bingo, le società di trasporti e le pompe di benzina,i servizi di facchinaggio e di pulizia, i servizi alberghieri, i centri commerciali e le imprese edili”.

È Milano, con il suo hinterland abitato prevalentemente da operai e da immigrati meridionali di seconda e terza generazione, il luogo di maggior interesse per le cosche siciliane e calabresi e per i clan camorristici campani che, negli Anni Settanta, si saldano con le bande della mala meneghina cresciute all’ombra dei Marsigliesi (ai quali faceva riferimento Albert Bergamelli) e delle gesta di Renato Vallanzasca. Sono i tempi della Milano violenta descritta nelle decine di film di genere che proliferano nelle sale cinematografiche di terz’ordine dell’intera Italia. Sono i tempi del traffico di droga industrializzato, che corre parallelo alla nascita della “Milano da bere” protagonista - quindici anni dopo - delle inchieste di tangentopoli. Si fa strada Francis Turatello, che molte fonti indicano come figlio naturale del boss mafioso italo-americano Frank Coppola, noto come Frank “tre dita”. Di rapina in rapina, di sequestro in sequestro, cresce d’importanza e si mette alla testa di una banda composta in prevalenza da catanesi. Ha un obiettivo: controllare le bische e i locali notturni della capitale lombarda. Obiettivo che raggiunge, affidando parte dell’attività al suo vice, Angelo Epaminonda. Ha rapporti con tutte le organizzazioni criminali italiane, compresa la Banda della Magliana. Conosce anche Raffaele Cutolo, che durante la latitanza soggiorna spesso a Milano e che avrà anche un figlio Roberto, che in Lombardia (a Tradate) è vissuto fino al suo omicidio, dopo aver creato una sorta di filiale della Nco (la Nuova Camorra Organizzata). Turatello viene ucciso in carcere da uno dei fedelissimi di Cutolo, Pasquale Barra, e da altri detenuti. Un omicidio feroce: viene accoltellato e sventrato, i suoi organi interni presi a morsi dagli assassini.
A Milano soggiornano i più importanti esponenti di Cosa Nostra siciliana, da Gaetano Fidanzati a Luciano Liggio, che vivono praticamente indisturbati finanziando importanti opere edilizie, così riciclando i proventi del traffico di droga e delle estorsioni.
Una decina di anni dopo l’arresto di Turatello (1977), un’inchiesta della Procura della Repubblica di Milano svela i retroscena dell’infiltrazione mafiosa in Lombardia. Inchiesta che è conosciuta come “Duomo connection” e che porta la firma del pm Ilda Boccassini, oggi esponente di punta del pool antimafia della Procura milanese. Viene arrestato un geometra, Antonio Carollo, figlio di Gaetano Carollo, esponente della famiglia mafiosa siciliana della Resuttana ucciso a Liscate, piccolo comune della cintura industriale. Si scoprono anche i primi collegamenti tra mafiosi e politici, anche di primo piano, milanesi. L’obiettivo è quello di ottenere concessioni edilizie e appalti. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le nuove frontiere delle organizzazioni criminali: un profilo socio-politico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Onelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Fedele Cuculo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guerra
storia moderna
brigantaggio
unità d'italia
questione meridionale
zingari
banda della magliana
regioni italiane
mafia camorra n'drangheta
beati paoli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi