Skip to content

Pedofilia: malattia o delitto?

L'identikit del pedofilo

Il pedofilo è un adulto che abusa sessualmente di un bambino prepubere. Nella maggior parte dei casi, l'abusante è una persona appartenente alla famiglia stretta o allargata o ad amici della stessa.
Diverse ricerche, finalizzate all'identificazione di un pedofilo tipo, hanno dimostrato che è possibile individuare un profilo ciclico:

- nella maggior parte dei casi, si tratta di soggetti di sesso maschile;
- l'attrazione sessuale verso i bambini inizia a manifestarsi nel corso dell'adolescenza e della prima età adulta;
- nella metà dei casi, fa abuso di sostanze;
- la pedofilia è quasi sempre collegata ad altra parafilia, intesa come disturbo della sfera sessuale;
- ha un'età compresa tra i 40 e i 70 anni;
- in generale, non presenta deficit cognitivi ma mostra buone capacità di pianificazione dei propri comportamenti, conducendo una vita apparentemente normale130;
- ricorre a forme sottili per adescare bambini, evitando azioni violente;
- molesta soggetti di entrambi i sessi;
- importuna principalmente vittime conosciute;
- tende a giustificare il suo comportamento una volta scoperto;
- preferisce minimizzare il suo atteggiamento.

La psichiatria, partendo dalle caratteristiche della personalità e dalla frequenza del comportamento dei pedofili, ha delineato diverse categorie di persone affette da pedofilia:

- il pedofilo latente è colui che, pur manifestando un morboso interesse nei confronti dei bambini, accompagnato da ricorrenti fantasie erotiche, non giunge mai al contatto, comprendendo l'inaccettabilità sociale dei propri impulsi e seguendo sempre rigide norme morali;

- il pedofilo occasionale è colui che non manifesta gravi alterazioni psicologiche, ma che si abbandona ad esperienze sessuali con minori in particolari occasioni, approfittando di vacanze in paesi che offrono una grossa offerta di turismo sessuale come la Thailandia, lo Sri Lanka, il Brasile, la Cambogia ed Medio Oriente. L'atmosfera esotica, il clima di distensione ed i prezzi modici favoriscono la trasgressione di quelle norme morali che vengono scrupolosamente osservate nel paese d'origine. L'esperienza sessuale con un minore gli serve momentaneamente per rivivere la propria mascolinità perduta. Alla base della sua patologia c'è il bisogno di fare una esperienza nuova e fino a quel momento ritenuta un tabù.
-
il pedofilo della personalità immatura è colui che, deficitario di un sufficiente sviluppo nella sfera affettiva ed emotiva, non è riuscito a sviluppare un rapporto interpersonale appropriato con gli adulti; pertanto, si sente padrone della situazione ed a suo agio solo in compagnia di bambini, che non lo intimoriscono e non possono competere con lui. Non ha o non può avere rapporti sessuali con persone adulte poiché, in un rapporto alla pari, non riuscirebbe a sottometterli alla sua volontà;

-il pedofilo occasionale si definisce un "amante dei bambini" ed idealizza le sue relazioni fino a sostenere che sono l'espressione di un amore autentico. Quando l'oggetto dell'amore perde le caratteristiche infantili, è costretto a rivolgere le sue attenzioni ad un nuovo amante, mostrando una personalità vulnerabile.

- il pedofilo regressivo è colui che, nonostante sia riuscito a stabilire, con grosse difficoltà, legami affettivi con persone adulte a un certo punto, a causa dello stress quotidiano, inizia ad avvertire un senso di inadeguatezza. Non riuscendo a controllare gli stimoli causati dallo stress, inizia a rivolgere il proprio interesse sessuale verso i bambini. Tale interesse diviene un atto istintivo, inatteso ed irrefrenabile, rivolto soprattutto a soggetti sconosciuti;

- il pedofilo aggressivo è colui che manifesta spesso un comportamento antisociale e antifemminista, trae piacere nell'assalire la sua vittima e farle del male, fino a procurarne la morte. Alla base della propria violenza c'è sempre un fondo di frustrazione ed inadeguatezza, un sentimento di svalutazione di sé e degli altri. Abusando di un bambino, non fa altro che aggredire la parte vulnerabile di se stesso, sperando di allontanare l'ossessione delle sue debolezze;

- il pedofilo omosessuale è colui che vede nel bambino se stesso da piccolo e lo ama così come avrebbe voluto essere amato dalla propria madre. Con l'abuso sopperisce alle carenze affettive subite.

Le tecniche che i pedofili usano per adescare i bambini sono le più svariate. Nelle violenze extrafamiliari, il pedofilo corteggia un genitore per poi ammaliare i figli, convive o sposa una donna con prole, cerca di stringere una forte amicizia con i genitori dei bambini per ottenerne la fiducia, avvicina ragazzi con carenze affettive, frequenta quei luoghi che offrono maggiori opportunità di incontro con i minori: parchi, aree attrezzate, campi sportivi, campeggi, spiagge e tutte quelle manifestazioni che, per diversi motivi, attirano un gran numero di potenziali vittime; ovunque insomma ci siano bambini che, in un contesto pubblico, possano essere avvicinati senza che questo desti sospetti in chi ne ha cura. Nelle violenze intrafamiliari, sovente, si assiste a comportamenti in cui il nonno o lo zio mettono sulle ginocchia la nipotina o il nipotino per farlo sfregare su di lui, o sfruttano occasioni come il momento del bagnetto, del cambio di pannolino o della buonanotte. Nel 70 % dei casi, le denunce di abuso su minori sono a carico di patrigni e padri, ma ci sono anche zii, cugini, fratelli, sorelle maggiori e qualche volta la madre. Sia i pedofili intrafamiliari che extrafamiliari, per indurre il bambino a tacere le violenze subite, sono soliti avanzare intimidazioni come minacce di abbandono, di separazione e di colpevolizzazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Pedofilia: malattia o delitto?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Luisa Fasulo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianluca d'Aiuto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

minori
pedofilia
violenza sessuale
pedofilo
pornografia minorile
prostituzione minorile
cura
sadismo
parafilie
terapie
feticismo
masochismo
corruzione di minorenne
esibizionismo
terapia farmacologica
froutterismo
trattamento psicoterapeutico
violenza carnale
atti sessuali con minorenne

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi