Skip to content

Il puzzle assistenziale dinamico: assistenza infermieristica al malato di Alzheimer

Obiettivi del nursing per il paziente affetto da Alzheimer

Alla fase di accertamento segue la fase di pianificazione, nella quale si stabiliscono le priorità sulla base dei problemi della persona, si fissano gli obiettivi e si stabiliscono i risultati che si vogliono raggiungere, tenendo conto dello stadio della malattia.

Per il paziente alzheimeriano gli obiettivi sono i seguenti:

Garantire una comunicazione efficace:
La comunicazione verbale è un grave problema, visto che molti pazienti affetti dal morbo di Alzheimer si presentano disfasici, quindi non in grado di relazionarsi con chi gli sta accanto.
È importante parlar loro con chiarezza e molto lentamente, usare parole semplici e frasi molto brevi, accompagnando il linguaggio verbale con una gestualità coerente.
Anche quando il malato di demenza comincia ad usare uno stile di linguaggio più semplice e frasi più corte, è importante non trattarlo come un bambino, o in maniera troppo condiscendente o, peggio ancora, parlare di lui come se fosse assente.
Man mano che la comunicazione verbale diventa più difficile, si fa maggior affidamento sulla comunicazione non verbale, ricordando che difficoltà di comunicazione non è sinonimo di incapacità di comunicare. E’ importante quindi utilizzare la mimica, il tono della voce e la gestualità per trasferire al paziente senso di sicurezza, fiducia e tranquillità, senza ignorare ciò che egli intende comunicare, sia pure in un modo diverso dall'usuale. Perciò è necessario che tutti coloro che si occupano di una persona con questa malattia sappiano comunicare in modo più efficace, evitando ambiguità, fraintendimenti e confusione.
Ricordo che i componenti della comunicazione non verbale sono:
-Volto.
-Sguardo e comportamento visivo.
-Gesti.
-Contatto corporeo.
-Postura e orientamento del corpo.
-Aspetti non verbali del parlato ( tono, volume, ritmo).
-Aspetto esteriore.

Fondamentale è la comunicazione tra l’equipe assistenziale, la famiglia e il paziente.
Per dare beneficio, il piano assistenziale deve essere improntato su un rapporto di fiducia reciproca tra l’ infermiere e il paziente.

Ottimizzare lo stato funzionale:
La persona affetta da demenza presenta una progressiva perdita delle abilità funzionali.
L’obiettivo assistenziale è di mantenere il più a lungo possibile l’autosufficienza del paziente nelle attività di vita quotidiana, nella cura dell’aspetto esteriore e nell’igiene personale, importanti per la dignità del malato, usando la lode come incoraggiamento.
Infatti procrastinare anche di soli sei mesi il momento di perdita dell’autosufficienza è un significativo successo etico, economico e sociale per il soggetto e per la famiglia.

Compensare la perdita di memoria e il disorientamento:
È importante creare un ambiente ristretto, dove il paziente possa orientarsi il più facilmente possibile autonomamente, e limitare al massimo gli spostamenti, che aumentano il suo disorientamento.
Per questo motivo, se l’assistenza è suddivisa tra più familiari residenti in luoghi diversi, è meglio che siano loro a muoversi, piuttosto che spostare il malato da una casa all’altra a rotazione.
La stessa cosa vale per i tempi e per gli eventi della giornata: è bene che tutto avvenga sempre alla medesima ora e con un rituale costante, nell’intento di imporre la massima routine quotidiana.
Nei centri che ospitano i pazienti affetti da Alzheimer, è importante creare il più possibile un ambiente familiare, in grado di favorire l’orientamento nello spazio e nel tempo e il riconoscimento di luoghi e persone.
È fondamentale mantenere il più a lungo possibile legami con la famiglia e con il proprio passato attraverso l’uso di oggetti personali, come quadri e fotografie.
Nella malattia di Alzheimer, la memoria dei fatti recenti tende ad essere la più colpita, mentre la memoria a lungo termine resiste per molti anni dall’inizio della malattia. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il puzzle assistenziale dinamico: assistenza infermieristica al malato di Alzheimer

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Leporati
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Emanuela Landini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi