Skip to content

Il valore strategico dei processi di innovazione aperta per le PMI italiane. La valutazione delle performance nel settore dell’arredamento

R&S: fattore chiave per i leader dell’innovazione

I Paesi al vertice della classifica stilata in base all’Innovation Summary Index condividono una serie di punti di forza nei sistemi nazionali di ricerca e innovazione.
Pur esistendo molti modi per raggiungere alte prestazioni nell’innovazione, la maggior parte dei Paesi con le migliori performance presenta ottimi risultati negli indicatori che misurano le spese in ricerca e sviluppo e le attività delle imprese. Tutti i Paesi leader dell’innovazione, inoltre, raggiungono punteggi più alti della media negli indicatori che misurano co-pubblicazioni pubblico/privato: ciò sta a significare buoni legami tra scienza e impresa. I top innovator eccellono anche nella commercializzazione della propria conoscenza tecnologica, come dimostrato dalle buone performance per l’indicatore che tiene conto dei ricavi dall’estero derivanti da licenze e brevetti.
Le prestazioni complessivamente positive dei leader dell'innovazione nel campo R&S riflettono, quindi, un sistema nazionale di ricerca e innovazione equilibrato.
Una delle tre priorità della strategia Europa 2020 prevede come obiettivo principale l’impiego del 3% del Prodotto Interno Lordo dell’Unione Europea in attività di ricerca e sviluppo, al fine di perseguire una crescita intelligente.
L’investimento dell'UE-27 in tale settore è stato pari al 2% nel 2009, in lieve crescita rispetto all'anno precedente. Il trend, in moderato progresso, è sostenuto dai Paesi nordici Finlandia, Danimarca e Svezia, che, specializzati in settori a forte intensità tecnologica, hanno già raggiunto la soglia del 3% fissata come obiettivo per il 2020.
Per l’Italia nel 2009 la spesa in ricerca e sviluppo in rapporto al Prodotto Interno Lordo risultava pari all’1,27%, e, in ragione di questo dato, il target da raggiungere per il 2020, fissato nel Programma Nazionale di Riforma, è dell’1,53% .
Nel complesso, gli investimenti europei in R&S restano inferiori sia a quelli del Giappone che a quelli USA, rispettivamente pari al 3,4% e 2,8% del loro PIL.
La Cina, che investe l’1,4% del proprio PIL in ricerca e sviluppo, secondo le previsioni del Georgia Institute of Technology, nei prossimi dieci anni supererà le prestazioni innovative statunitensi. A motivare tale proiezione sono l’elevato numero di pubblicazioni scientifiche e di ricercatori, e il più alto numero di studenti (venticinque milioni) iscritti a istituti e università di qualsiasi altro Paese. Nel Paese asiatico, inoltre, l’impiego di risorse nella ricerca ha registrato un aumento medio annuo del 18% negli ultimi dieci anni.
Dai risultati finora esposti emerge un quadro d’insieme che vede il sistema innovativo europeo soffrire uno svantaggio relativo soprattutto nella categoria Attività delle imprese: il deficit di innovazione deriva, innanzitutto, dagli scarsi investimenti del settore privato.
Sembrerebbe, quindi, opportuno migliorare le condizioni idonee allo sviluppo di relazioni più solide tra il settore privato e il sistema di ricerca scientifica, per incoraggiare maggiori investimenti da parte delle imprese e, d’altra parte, rendere più immediato l’impiego dei risultati della ricerca nell’industria. Ciò sta a significare che i meccanismi del mercato europeo della conoscenza devono essere migliorati, per mezzo di un sistema di tutela brevettuale più efficiente e meno costoso.
I dati relativi ai ricavi dall’estero per licenze e brevetti dimostrano, a ulteriore riprova, che l'Unione genera una quantità inferiore di brevetti ad alto impatto rispetto a Stati Uniti e Giappone, e che non raggiunge una posizione di rilievo nei settori ad elevata crescita globale. D’altra parte, è da tempo che la Commissione Europea sta studiando una soluzione adatta ad incentivare la ricerca, lo sviluppo e gli investimenti nell’innovazione, mediante dei criteri di tutela brevettuale che possano semplificare il sistema attualmente in uso, mettendo fine ai complessi requisiti di convalida e riducendo gli oneri per inventori e Stati membri.
La proposta di un simile sistema di tutela è stata presentata il 13 aprile 2011, e coinvolgerà venticinque dei ventisette Stati membri, che hanno aderito all’obiettivo principale di garantire maggior protezione alle invenzioni. Oggi, infatti, a causa dei costi proibitivi che comportano i brevetti europei, spesso le invenzioni sono registrate soltanto in pochi Paesi, con il rischio di essere copiate facilmente e perdere parte del loro valore. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il valore strategico dei processi di innovazione aperta per le PMI italiane. La valutazione delle performance nel settore dell’arredamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentino Gallo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Mario Volpe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi