Skip to content

La gestione dei rifiuti: il caso siciliano

Gli strumenti di politica economica per la gestione dei rifiuti

Per affrontare nel migliore dei modi le questioni ambientali l'intervento dell'autorità pubblica risulta indispensabile.
Tali interventi possono riguardare ambiti diversi, in particolare quello della definizione degli obiettivi e quello dell'individuazione degli strumenti da utilizzare per perseguire gli obiettivi prescelti.
Gli strumenti hanno il compito di prevenire eventuali comportamenti dannosi per l'ambiente, e possono farlo essenzialmente in due modi: ponendo vincoli alle azioni ammissibili oppure modificando le convenienze dalle quali dipendono le scelte degli individui.
La politica della gestione dei rifiuti è stata tradizionalmente applicata ricorrendo all'approccio degli standard normativi di "Comando e Controllo".
In questo approccio l'autorità legislativa fissa uno standard ambientale e chiede all'inquinatore di rispettare tale standard, sotto la minaccia di una sanzione.
Le politiche di "comando e controllo" si concretizzano in norme di legge, caratterizzate da un'elevata rigidità, e che impongono comportamenti uniformi ai vari destinatari.
Tuttavia questo processo di determinazione degli obiettivi potrebbe non rappresentare sempre un obiettivo politico raggiungibile a causa delle carenze informative.
Infatti una gestione dei rifiuti potrebbe condurre alla fissazione di standard ambientali che, anche se realizzabili, non indurrebbero riduzioni nette nei flussi di rifiuti complessivi.
Dalla parte opposta, l'elemento distintivo dei principali strumenti economici sono gli incentivi, i quali si prefissano di rendere conveniente ciò che le politiche di "comando e controllo" tendono ad imporre.
Gli strumenti economici cercano di modificare il comportamento degli individui mediante un meccanismo di prezzi, imponendo loro un prezzo per l'attività inquinante oppure corrispondendo loro un prezzo in caso di riduzione di tale attività.
Negli strumenti economici che impongono un prezzo rientrano i permessi negoziabili e le tasse pigouviane, mentre tra gli strumenti, che corrispondono agli individui un prezzo in caso di riduzione di un'attività inquinante, rientrano i sussidi.
Esistono varie forme di strumenti economici che possiamo ricondurre alla gestione dei rifiuti, ad esempio:

• gli oneri amministrativi, che possono riguardare la licenza per lo smaltimento in un determinato luogo;

• le imposte sullo smaltimento dei rifiuti, che potrebbero indurre un'intensa attività di riciclaggio, dato che rendono lo smaltimento più costoso. Tuttavia, tale strumento richiederebbe una notevole attività di monitoraggio e controllo, con la conseguenza di comportare costi di transazione molto elevati;

• i sistemi di rimborso dei depositi, un sistema misto di imposte e sussidi. In questo caso il consumatore di contenitori e di materiali da imballaggio riceve il diritto ad essere rimborsato se il prodotto di scarto viene restituito al venditore.

• i crediti al riciclaggio, ovvero somme versate alle agenzie responsabili del recupero di elementi dei RSU e pari ai costi di smaltimento risparmiati dalle autorità preposte allo scopo;

• un'imposta sui materiali, che potrebbe essere applicata alle materie prime usate per l'imballaggio dei prodotti. In questo caso l'ammontare del prelievo deve essere stabilito tenendo conto del danno ambientale causato dalla produzione e dal consumo dell'imballaggio.

• un'imposta sulla produzione, ovvero un'imposta sul prodotto finale di imballaggio, e che dovrebbe prendere in considerazione l'impatto potenziale dello smaltimento dei rifiuti e dell'inquinamento.

Gli strumenti economici potrebbero essere applicati al sistema di gestione dei rifiuti in modo tale da raccogliere gettito e stimolare l'adozione di un comportamento corretto da parte degli individui. In particolare le imposte sugli imballaggi e sullo smaltimento, i crediti al riciclaggio e i sistemi di rimborso offrono molti vantaggi rispetto all'alternativa inefficiente rappresentata dall'approccio normativo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La gestione dei rifiuti: il caso siciliano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Galipò
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia curriculum economico-ambientale
  Relatore: Carlo Zappia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
rifiuti
gestione rifiuti
sicilia
emergenza rifiuti
raccolta rifiuti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi