Skip to content

Analisi delle relazioni fra percezione di mente, disturbi alimentari e ruolo dei mass-media

Percezione di mente e psicopatologia

Gray et al. (2011) realizzarono uno studio sperimentale nel quale ipotizzarono che alcuni disordini mentali fossero caratterizzati da un unico pattern di percezione di mente distorta, ossia l’atipica ascrizione di capacità mentali verso le altre entità. In particolare, tenendo presente la struttura 2D della percezione di mente, venne ipotizzato che alcune psicopatologie esaminate potessero essere caratterizzate da sottoattribuzione o da sovrattribuzione di experience ed agency o entrambe. Gli approcci tradizionali alla psicopatologia spesso trattano i disordini degli individui come entità separate, ciascuno coi propri segni, sintomi ed eziologia. Nonostante tale approccio abbia portato notevoli progressi per definire e trattare la psicopatologia, questa compartimentazione smentisce la natura integrata della mente (Gray et al., 2011). Molte ricerche recenti utilizzano un approccio transdiagnostico, caratterizzato dalla gestione dei diversi disordini come danni differenti di un sistema cognitivo sottostante (Harvey, Watkins, Mansell & Shafran., 2004). Proprio in tale maniera si mossero i ricercatori in questo studio. La ricerca venne condotta su tre sindromi differenti, tutte associale con difficoltà interpersonali: disturbo dello spettro autistico, disturbo schizotipico di personalità e disturbo di personalità antisociale. I disturbi dello spettro autistico vengono descritti come quell’insieme di condizioni classificate come disturbi pervasivi dello sviluppo nel manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (American Psychiatric Association DSM-IV, 2000), includono: autismo, sindrome di Asperger, disturbi pervasivi dello sviluppo non altrimenti specificati (PDD-NOS), disturbo disintegrativo dell’infanzia e sindrome di Rett; anche se solitamente solo le prime tre condizioni sono considerate tipiche dello spettro autistico. Questi disordini sono tipicamente caratterizzati da deficit sociali, difficoltà di comunicazione, comportamenti e interessi ripetitivi o stereotipati, e in alcuni casi, ritardi cognitivi. Gli individui con tali disordini sono considerati “nello spettro” con differente gravità, essi hanno difficoltà nel rappresentarsi gli stati mentali altrui (Baron-Cohen, Wheelwright, Skinner, Martin, & Clubley, 2001) e ciò è legato in maniera consistente ai fallimenti nel comprendere gli obiettivi degli altri. Al contrario, il disturbo schizotipico di personalità può essere considerato all’opposto dell’autismo nell’ambito delle cognizioni sociali, poiché riguarda un’iperattribuzione di stati mentali (Waytz et al., 2010), questa particolare capacità di attribuzione di mente comprende il pensiero magico, le credenze errate e i pensieri paranoidi (Gray et al., 2011). Tale disturbo mentale è un concetto psicologico che descrive un continuum di caratteristiche di personalità ed esperienze che vanno da dissociazioni, stati immaginari fino a livelli molto estremi legati a psicosi e in particolare schizofrenia. Infine il disturbo di personalità antisociale è stato descritto come caratterizzato da emozioni poco intense in particolare ridotto senso della paura, bassa tolleranza allo stress, mancanza di empatia, egocentrismo, tendenza alla manipolazione, irresponsabilità, impulsività, tendenza a comportamenti criminali, tendenza a comportamenti antisociali e mancanza di senso di colpa. Esiste una prominente teoria che suggerisce che questo disordine mentale sia caratterizzato dalla mancanza di abilità nel provare empatia verso gli altri (Blair, 2007; Mash & Blair, 2008), tale soggetto fallirebbe nella percezione dell’experience e ciò spiega perché esso abbia spesso un comportamento crudele. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi delle relazioni fra percezione di mente, disturbi alimentari e ruolo dei mass-media

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Uccelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Giulio  Boccato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mass-media
anoressia
bulimia
disturbi alimentari
teoria della mente
teoria attaccamento
binge eating
percezione di mente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi