Skip to content

L'internazionalizzazione nel distretto industriale della Brianza. Il caso Poliform

Il distretto del mobile in Brianza

La Brianza è il più antico distretto italiano del mobile, le cui origini risalgono al 1800 con la nascita delle prime botteghe artigiane, coordinate dalle Scuola d’Arte e Mestieri oltre che dalle Esposizioni Permanenti.
La Brianza ha mantenuto questa struttura fino a metà del 1900 ed si presentava come ambiente in cui primeggiavano le abilità tecniche piuttosto che quelle imprenditoriali. Solamente nel secondo dopoguerra la produzione ha subito un processo di industrializzarsi anche in questo settore, nonostante si mantenesse lo stampo artigianale. L’industrializzazione dei processi produttivi servì a soddisfare le richieste del mercato interno, quello di un Paese che aveva necessità di recuperare la propria identità in seguito alla Guerra. L’andamento del mercato del mobile interno soffrì di un andamento negativo solo negli anni ’90 a causa della contrazione della domanda interna e dell’inasprimento della concorrenza ma le perdite vennero parzialmente ricompensate dai buoni risultati registrati nelle esportazioni. Nella seconda metà di quegli stessi anni si passò da produzione in serie ad una produzione su disegno, con sempre maggiore attenzione alla componente design.
Negli anni seguenti il settore del mobile ha vissuto un periodo di crisi e ha visto molte aziende fallire o venir acquisite da imprese che hanno saputo reagire bene al cattivo andamento del mercato.
In questo periodo si è verificata l’adozione di forme organizzative più complesse, quali la formazione di gruppi e reti d’impresa oltre che l’aumento dimensionale mediante acquisizioni, come prima sottolineato.
Questi fenomeni trovano spiegazione in motivi quali il progressivo inasprimento delle pressioni della concorrenza in un contesto in un cui è già possibile parlare di internazionalizzazione e ciò ha reso necessario che le aziende fossero in grado di offrire una gamma di prodotti completa per mantenere la propria presenza nei punti vendita. Ulteriore ragione del verificarsi di questi fenomeni, è la realizzazione di importanti sinergie in diverse funzioni aziendali tra le aziende che sono state oggetto di acquisizioni ed infine la possibilità di sfruttare economie di scala per far fronte a investimenti e ai maggiori costi di trasporto e legati alla logistica.
Il distretto legno-arredo negli anni 2000 risultava composto da due tipologie di aziende: quelle
medio-grandi in numero ristretto e di fascia alta circondate da una miriade di piccole imprese di tipo artigianale operanti in diversi segmenti di mercato.
Le imprese leader di mercato sono nate a carattere familiare per poi crescere e, grazie alle buone intuizioni imprenditoriali e alla capacità di offrire prodotti di qualità e di design hanno fin da subito avuto successo anche nei mercati esteri. Alcune di esse hanno mantenuto la maggior parte delle lavorazioni a livello locale, altre hanno scelto di decentrare alcune funzioni all’estero.
La presenza di numerose realtà artigianali di piccole dimensioni caratterizza la produzione nel distretto della Brianza rendendola piuttosto polverizzata poiché sono poche le imprese che realizzano mobili seguendo personalmente tutte le fasi della produzione.
Le relazioni che legano questa varietà di aziende hanno dato vita ad aggregati formali di impresa, tipici dei distretti.
Gli aggregati che sono nati nel territorio della Brianza sono molteplici ed hanno finalità diverse e dimensioni altrettanto varie.
Tra i più significativi e ancora attivi non si può non citare l’associazione Federlegno Arredo, il cui ruolo all’interno del distretto del mobile verrà approfondito nella presentazione del caso Poliform.
A livello numerico il distretto legno-arredo della Brianza comprende 36 comuni ed impiega complessivamente 35 000 unità locali con 130 000 addetti (dati Censimento 2001). Di queste unità l’80% opera nella produzione di mobili mentre il restante 20% è impegnata nella fabbricazione di prodotti di carpenteria e lavorazione del legno oltre che nella fabbricazione di altri prodotti in legno.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'internazionalizzazione nel distretto industriale della Brianza. Il caso Poliform

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Parisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Esperto Linguistico d'Impresa
  Relatore: Giacomo Scazzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internazionalizzazione
brianza
distretto industriale
distretto del mobile
poliform

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi