Skip to content

Fenomeno sharing, dagli U.S.A. all'Italia. La condivisione di oggetti e servizi nell'era digitale.

Da file sharing a sharing economy

È in tempi di crisi che nascono le rivoluzioni, ed anche questa pare non sfuggire alla regola. E se nel dubbio è forse troppo presto chiamarla rivoluzione, è certamente possibile qualificarla come nuovo fenomeno, in quanto evento osservabile e oggetto di studio della scienza.
È per questo, con la crisi dei mercati occidentali, che si individua nel 2008 la scoperta di un nuovo movimento che alcuni chiamano sharing economy, altri collaborative consumption; una trasformazione, un modello economico, fatto di persone che condividono l’accesso a prodotti e servizi, anziché possederli individualmente.
Se, come abbiamo visto prima, è da anni che si parla di condivisone, e lo stesso termine "consumo collaborativo" è datato 1978, è solo con l’avvento di Internet che si è avuto un vero e proprio boom, permettendo a milioni di persone di entrare in contatto tra di loro e di poter scambiarsi risorse, servizi e prodotti, intangibili e tangibili, come vedremo successivamente.
Connettere e condividere, due parole chiave della nostra società.
È sbagliato dire che Internet porta all’isolamento, che i giovani preferiscono Facebook alle conversazioni reali, che i bambini sono sempre chiusi in casa a giocare ai videogame e sono quindi destinati a essere isolati socialmente.
Questa, secondo molti, sarebbe dovuta essere una generazione scollegata, «ma se la rete rende possibile scegliere di interagire tramite un sistema elettronico lontano dal "mondo reale", offre altresì la possibilità di abitare il "mondo reale"» (Harris, Gorenflo, 2013 pp. 5).
In principio fu la condivisione di dati attraverso la rete1, poi i servizi ed ora cose e persone sono connesse all'unisono grazie al web.
Consumo collaborativo indica infatti un nuovo modello economico che sempre più si muove dalla proprietà alla condivisione, senza dover per forza rinunciare ai vantaggi di possedere un bene. È un’alternativa alle forme tradizionali d’acquisto che viene «alimentata dalla potenza del web sociale e mobile; la sharing economy sta cambiando il modo in cui le persone interagiscono tra loro, frantumando vincoli e divisioni e aumentando la nostra capacità di collaborare» (Deularenti, 2012).
Il tutto ad appannaggio dei costi che si vedono sensibilmente ridotti, ma soprattutto dell’ambiente che di queste condivisioni ne trae quasi sempre beneficio, anche quando l’intento principale delle persone è quello del contenimento delle proprie spese e non della salvaguardia dell’ecosistema.
Le aziende incominciano a comprendere che il mercato sta cambiando, e difatti molte grandi realtà si muovono per trasformarsi da aziende venditrici di prodotti ad aziende di servizi. Basti pensare ad IBM e Xerox che cavalcano il trend già da molti anni: "esperienze" piuttosto che "cose". Non si tratta quindi di una minaccia per le grandi realtà, ma soprattutto di un cambiamento di prospettiva. Oltretutto i margini di guadagno sui servizi sono considerevolmente maggiori distribuendo / noleggiando servizi, che vendendo unicamente oggetti tangibili.
Basti pensare al mercato dei videogiochi: non è vendendo una singola console che Microsoft, Sony e Nintendo ricercano profitti, tutt’altro. Vendono anzi le loro ultime novità anche in negativo, rimettendoci, sapendo però che si rifaranno vendendo i giochi, che se vogliamo semplificare sono dei software, dei servizi ludici.
È per questo che c’è un grande interesse intorno a questo nuovo tipo di business. I grandi professionisti sono alla ricerca di nuovi stili di consumo collaborativo, pronti a scommettere in nuove start-up, sperando sia un grande successo, sull’onda di siti web come Airbnb, forse il caso più esemplare, e di tanti altri esempi che vedremo nel corso del testo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Fenomeno sharing, dagli U.S.A. all'Italia. La condivisione di oggetti e servizi nell'era digitale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea D'Alessandro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Corso di Laurea in Comunicazione per l'Impresa, i Media e le Organizzazioni Complesse
  Relatore: Mariagrazia Fanchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiducia
sharing
sharing economy
swapping
carsharing
car2go
couchsurfing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi