Skip to content

L'industria di superficie del Paleolitico medio di Moroni Vigna Giulia (Colline delle Cerbaie, PISA)

Il Paleolitico Medio in Toscana

Il quadro complessivo della Preistoria toscana appare ben articolato e abbastanza chiaro nelle sue linee principali. Nella nostra regione, infatti, è rappresentata l’intera sequenza dei periodi culturali legati all’Homo erectus, all’Homo sapiens neandertalensis e all’Homo sapiens sapiens. La Toscana risulta inserita a pieno titolo negli itinerari di diffusione dei primi abitanti della nostra Penisola dalla fase arcaica del Paleolitico Inferiore fino oltre, con stanziamenti Mesolitici.
Le testimonianze archeologiche sono numerose, tanto da porre il territorio toscano fra le zone dell’Italia a maggiore concentrazione di siti. Solo raramente, tuttavia, i siti individuati hanno restituito materiale in loco: gli insediamenti stratificati, all’aperto o in grotta, sono scarsi e non sempre hanno fornito informazioni di tipo paleoecologico utili a fini cronologici e di ricostruzione ambientale. Da ciò consegue una forte limitazione a tracciare un quadro cronologico-culturale attendibile dei vari periodi del Paleolitico, nonostante l’intera sequenza culturale sia pressoché completa nelle sue linee generali e per alcune sia ben documentata.
Il Paleolitico Medio è presente in Toscana con numerosi siti sia lungo la costa (Isola d’Elba compresa) sia nella valle dell’Arno e nell’interno. Nella maggior parte dei casi, purtroppo, si tratta di siti di superficie (basti pensare al sito analizzato in questa sede), molti dei quali non omogenei per la presenza di altri orizzonti culturali o ancora da studiare o studiati superficialmente. Solo parzialmente si hanno giacimenti stratificati in grotta o all’aperto in grado di fornire, oltre ai dati tipologici sulla litica, anche informazioni di tipo paleoecologico e cronologico. Fra questi ne possiamo citare alcuni, tanto a titolo informativo: a nord le grotte delle Apuane (Iena, Capriolo, Tasso e Onda) e più a sud sulla costa Castel Sonnino (all'aperto senza fauna), Botro ai Marmi (all'aperto), La Fabbrica (in grotta) e nell’interno le grotte di Gosto e di S.Francesco.
Finora in Toscana sono presenti fondamentalmente tre diverse facies musteriane distinte al loro interno in sottofacies sulla base del modo di débitage (Levallois e non-Levallois): Musteriano tipico, Musteriano Charentiano e Musteriano a Denticolati. È presente, inoltre, un altro aspetto del musteriano, ancora da definire sul piano tipologico, forse collegato con quello denticolato, che contiene elementi del Paleolitico Superiore arcaico (dorsi). Per ora il più diffuso geograficamente sembra essere il Musteriano tipico a débitage non-Levallois, presente sia sulla costa sia all’interno (Botro ai Marmi, grotta S.Francesco); al Musteriano tipico a débitage Levallois vengono riferiti i siti di grotta del Capriolo e del Tasso. Un Musteriano Charentiano tipo Quina è stato scoperto nella zona interna lungo la valle dell’Arno presso Arezzo e sono complessi a débitage non-Levallois. Non manca, sempre all’interno, in particolare alla grotta di Gosto e alla confluenza della Val di Chiana con il Valdarno aretino, un Musteriano Charentiano a débitage Levallois. Lungo la costa, sia nelle grotte Apuane sia più a sud in superficie è inoltre documentato un Musteriano a Denticolati: si tratta di un fenomeno che sembra iniziare forse all’interno del Musteriano tipico a débitage Levallois in via di trasformazione, nelle grotte del Capriolo, del Tasso, della Iena e all’Onda, in associazione ad una forte attenuazione del débitage Levallois. A quest’ultimo Musteriano a Denticolati non più Levallois potrebbero essere collegate le industrie del livornese. In Val di Farma e nel Valdarno sembrano emergere tracce di un Musteriano ad elementi leptolitici arcaici (dorsi), non ancora ben identificato, ma ricco di Denticolati, probabilmente ascrivibile ad un filone che porta al Paleolitico Superiore.
Fortemente lacunosi sono per ora i dati sui rapporti fra le varie facies e sottofacies del Musteriano toscano, soprattutto per la mancanza di serie stratigrafiche con alternanza di facies e sottofacies diverse e per la penuria di datazioni radiometriche, ma anche per l’insufficienza di studi approfonditi sui complessi di superficie che sono sempre più numerosi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'industria di superficie del Paleolitico medio di Moroni Vigna Giulia (Colline delle Cerbaie, PISA)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Iliana Casini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Carlo Tozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paleolitico medio
levallois
moroni vigna giulia
colline delle cerbaie
orentano
industria litica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi