Skip to content

Camminare, passeggiare, perdersi. Tre modalità di fruizione estetica per esplorare lo spazio.

Camminare come arte

E’ indispensabile aprire una parentesi su quei movimenti artistici che hanno innalzato la tradizione del camminare e del passeggiare urbano al piano della pratica estetica. Il valore del camminare come atto culturale e momento creativo, inteso da filosofi come Rousseau e Kierkegaard e da scrittori come Thoreau, è stato accolto da una parte dell’arte del ‘900 che ha rielaborato la figura del flâneur per dare risposta alla condizione dell’essere umano nella metropoli contemporanea.

Il movimento Dada colse per primo la tradizione del camminare urbano del flâneur innalzandola ad azione artistico-estetica. È interessante notare come la prima azione estetica dei dadaisti abbia avuto luogo proprio a Parigi, la città dove già alla fine dell’Ottocento si aggirava il flâneur. I dadaisti elevano la tradizione della flânerie a operazione estetica. Il 14 aprile 1921 a Parigi, alle tre del pomeriggio e sotto un diluvio torrenziale, si danno appuntamento di fronte alla chiesa di Saint Julien le Pauvre e con quella visita inaugurano una serie di escursioni urbane nei luoghi "banali" della città. Un'operazione estetica con tanto di comunicato stampa, volantini e fotografie. Così si legge nel volantino:

I dadaisti di passaggio a Parigi, volendo rimediare all'incompetenza delle guide e di sospetti ciceroni, hanno deciso di intraprendere una serie di visite in alcuni luoghi scelti, in particolare quelli che non hanno nessuna ragione di esistere.

I dadaisti non intervengono sui luoghi lasciandovi oggetti né prelevandone altri. L’opera sta nell’aver concepito l’azione da compiere, ovvero la visita, il passeggiare per raggiungere quel luogo a caso. Le passeggiate in città organizzate dal gruppo divengono la prima forma di ready-made urbano, dove l’oggetto è sostituito dallo spazio percorso. Con questo gesto rivoluzionario si volevano contestare le tradizionali modalità di intervento urbano, aprendo all’arte discorsi normalmente riservati ad architetti ed urbanisti.

Sulla scia di questo movimento, la ricerca artistica comincia ad interessarsi non solo allo spazio urbano vissuto ma anche al rapporto che lo spazio ha con la psiche dell’individuo, concetti che verranno ripresi prima dal Surrealismo e poi dal Situazionismo.

Tre anni dopo la prima visita, il gruppo dadaista parigino organizza un altro intervento nello spazio reale. Stavolta non si tratta di compiere un percorso erratico in un vasto territorio naturale. Il viaggio è concepito come percorso iniziatico che segna il passaggio dal Dadaismo al Surrealismo. Nel Maggio del 1924 Breton, Aragon, Morise e Vitrac organizzarono una prima deambulazione in aperta campagna. Scelsero a caso sulla mappa un punto di partenza, ovvero la città di Blois, nel centro della Francia che raggiunsero in treno da Parigi e da cui poi continuarono a piedi fino a Romorantin. Dopo questa prima esperienza, definita da Breton come "un’esplorazione dei limiti tra la vita cosciente e la vita sognata", si potè notare il distacco avvenuto dal dadaismo. Scrive Breton negli Entretiens del 1952: "Il principio delle manifestazioni Dada non è abbandonato. Si decide che il loro svolgimento sarà diverso". Così dal dadaismo nasce un nuovo movimento artistico e sarà Breton, un dadaista quindi, a stilare il primo manifesto del Surrealismo, definito come "un puro automatismo psichico con il quale esprimere, verbalmente, scrivendo o attraverso qualsiasi altro mezzo, il vero funzionamento del pensiero".

Anche all’interno del nuovo movimento il passeggiare, insieme al racconto dei sogni, la scrittura automatica, la ricerca di coincidenze e casualità misteriose divennero le attività preferite del gruppo raccolto attorno a Breton. Il primo viaggio, effettuato senza uno scopo, venne paragonato ad una forma di scrittura automatica nello spazio reale, un girovagare letterario impresso nella mappa di un territorio mentale.
Se il dadaismo aveva quindi intuito che la città è uno spazio estetico in cui operare attraverso azioni quotidiane e simboliche, il surrealismo utilizza il camminare come mezzo attraverso cui indagare e svelare le zone inconsce della città. Sarà poi la "deriva urbana" teorizzata da Guy Debord all’interno dell’Internazionale Situazionista a costituire, come vedremo nel III capitolo, un tentativo di evoluzione rispetto alle idee surrealiste. È a partire dagli anni Sessanta che l’arte comincia a trasformarsi da disciplina che produce oggetti ad indagine più concettuale e smaterializzata ed è in quello stesso periodo che l’arte si trasforma in una ricerca sullo studio dello spazio che lega il corpo alla quotidianità. Il corpo diventa elemento centrale nella produzione artistica e il camminare viene rivisitato da artisti come una delle forme più semplici e naturali da scoprire.
L’artista contemporaneo le cui opere sono maggiormente legate al camminare è Richard Long, artista che opera nella corrente della land art. Ciò che egli trova veritiero è il suo continuo riconoscere la necessità di un rapporto peripatetico con la natura. I "viaggi-opera" da lui intrapresi hanno come obiettivo principale "il piacere, un piacere intellettuale".

Gran parte del suo lavoro consiste infatti nell'azione del camminare. Queste camminate spesso durano diversi giorni e lo spingono verso parti remote della terra, di solito luoghi inesplorati e privi di presenze umane. Long entra in contatto armonico col paesaggio, lo modifica con la discrezione di chi sa che comunque la natura procederà secondo le proprie regole, lo fotografa, lo classifica, ne raccoglie le tracce proprio grazie alla fotografia, strumento "freddo" di registrazione che rimane, come per molte opere della land art, unica testimonianza del lavoro dell'artista, mappatura e diario di viaggio. In A line made by walking, del 1967, l’artista rappresenta in una fotografia un sentiero erboso da lui stesso tracciato camminando attraverso un prato.

L’intenzione era di lasciare un’impronta sulla terra attraverso un gesto qualsiasi. Spesso le opere di Richard Long consistono in opere su carta e in sculture che documentano le sue camminate; a volte, in casi di lunghi percorsi, vengono utilizzate cartine geografiche su cui vengono tracciate linee che rappresentano gli spostamenti, realizzati a volte camminando in linea retta, altre volte disegnando una spirale o un quadrato. In una delle sue opere intitolata A line the lenght of a straight Walk from the Bottom to the Top of Silbury Hill, Long riporta in un interno di una galleria camminando con gli scarponi sporchi di fango il percorso realizzato all’esterno per raggiungere la cima di una collina dalla sua base. L’esperienza non rimane, dunque, tradotta in una semplice linea su di una cartina ma viene ricreata rappresentando a sua volta un nuovo spazio. Il cammino si trasforma da esperienza diretta dell’autore a immagine fortemente evocativa per lo spettatore. Le ambientazioni che Richard Long utilizza per i suoi lavori raramente contemplano un ambiente urbano. Egli predilige luoghi nei quali non compaiono persone, ma nemmeno tracce del presente o del passato recente. Australia, Himalaya e Ande Boliviane sono i luoghi da lui preferiti per attuare le proprie performance.
Invece, Hamish Fulton, contemporaneo di Richard Long, pone maggiore attenzione all’aspetto spirituale ed emotivo del camminare. Predilige percorsi "sacri" e non lascia nessuna scultura lungo il percorso ma ne ricrea l’idea attraverso opere realizzate in spazi chiusi.
La parte consistente dell’opera sta nel camminare, atto che è considerato origine e completamento della sua poetica. Il materiale fotografico che produce o i piccoli appunti che vengono ingranditi ed incorniciati sono gli unici prodotti che mettono in contatto l’artista con il pubblico che non ha partecipato alla performance. Le rappresentazioni che l’artista decide di utilizzare, piuttosto che opere d’arte, sono da considerarsi come un invito a vivere di persona simili esperienze. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Camminare, passeggiare, perdersi. Tre modalità di fruizione estetica per esplorare lo spazio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alida Fragale
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'Arte
  Relatore: Elisabetta Di Stefano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
roma
benjamin
passages
camminare
stalker
perdersi
passeggiare
la cecla

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi