Skip to content

Investimenti in agricoltura in Tanzania tra land grabbing e tentativi di best practices. I casi Sun Biofuels ed Ecoenergy nei distretti di Kisarawe e Bagamoyo

Land grabbion e recenti interventi del Governo

Il settore agricolo è cresciuto negli ultimi 10 anni ad un ritmo del 4% annuo (URT, 2012; Faostat), un tasso di crescita nettamente inferiore agli altri settori dell'economia. Questo lascia intendere che i nuovi investimenti registrati nell'ultimo decennio hanno inciso solo modestamente sullo sviluppo del settore agricolo.
L'ondata di investimenti in agricoltura degli ultimi anni, secondo numerose organizzazioni della società civile, non ha generato i benefici auspicati e ha portato invece ad un peggioramento delle condizioni delle popolazioni più vulnerabili come i piccoli contadini, le donne e le comunità di pastori (Hakiardhi, 2010; Sulle 2009) Inoltre, le condizioni lavorative nelle grandi coltivazioni industriali e i salari percepiti dai lavoratori vengono considerati inadeguati per garantire uno stile di vita dignitoso. Il salario minimo mensile in agricoltura, ovvero quello che percepisce la maggioranza degli impiegati nelle grandi coltivazioni, è di 70,000 TShs, circa 35 Euro (URT, 2012 c).

Le recenti acquisizioni di vaste aree di terra hanno messo inoltre a dura prova il sistema di governante della terra. Nonostante la legislazione riconosca i diritti consuetudinari, preveda un coinvolgimento delle comunità locali e venga considerata da alcuni come una delle più avanzate dell'Africa sub sahariana (Oakland Institute, 2012), diverse organizzazioni della società civile hanno chiesto al governo una sospensione delle concessioni di terra e una revisione del corpus normativo.

Al momento della ricerca due dei più grandi investitori in agricoltura degli ultimi 10 anni sono falliti e hanno cessato le attività, altri da tempo sono in fase di implementazione o non partono con la produzione. Allo stesso tempo le acquisizioni hanno provocato l'esproprio delle terre, spesso con l'impegno da parte degli investitori di fornire servizi sociali e occupazione, e l'inasprirsi dei conflitti per l'accesso alle risorse.

Bioshape Ltd, un azienda olandese, dopo aver ricevuto in concessione e disboscato 34 mila ettari nella regione di Lindi nel 2005, ha abbandonato il progetto senza neanche iniziare la produzione, mantenendo però ancora la proprietà della terra. SunBiofuel Ltd, inglese, ha ottenuto circa 8200 ettari da 9 villaggi nel distretto di Kisarawe per la produzione di jatropha. Dopo poco più di un anno di attività, l'azienda nell'Agosto 2011 ha licenziato gli oltre 700 lavoratori che aveva assunto e cessato le operazioni. Sekab-Ecoenergy, di proprietà svedese e in Tanzania dal 2007, ha ricevuto 22 mila ettari per la produzione di canna da zucchero ma non ha ancora iniziato le attività. Nella regione Liolondo, nord del Paese, le acquisizioni dei terreni hanno messo in grave difficoltà le
comunità di pastori Masai e Barbaig, che hanno denunciato l'impossibilità di percorrere le tradizionali rotte della transumanza.

Le tensioni crescenti e le denunce delle organizzazioni della società civile hanno richiamato l'attenzione dell'opinione pubblica e, più di recente, anche del Parlamento. Nel 2009, dopo il fallimento di numerosi progetti, il governo ha interrotto per un anno le concessioni di terra per la produzione di biocarburanti. Nel 2010, con l'aiuto della cooperazione svedese, sono state pubblicate le Guidelines for Sustainable Liquid Biofuels Development in Tanzania ed è stato istituito il Biofuel One Stop Center presso il TIC. Le linee guida hanno fissato un tetto per le concessioni finalizzate alla produzione di biocarburanti di 20 mila ettari e posto un limite temporale di 25 anni, rinnovabili a seconda della performance dell'investimento. Inoltre, per prevenire i conflitti per l'accesso alle risorse e per mitigare gli impatti negativi sulla sicurezza alimentare, ogni investimento nella produzione di biocarburanti deve seguire i seguenti principi:

1. There is abidance to land use plan in order to avoid threatening potential land for food crop production/farming/livestock and other human needs. Areas of high biodiversity and of cultural value, protected forests, game reserve, Ramsar sites and National Parks are not for biofuels investments.
2. Biofuel production activities contribute positively to local economy
3. Biofuel production activities contribute positively to social well-being of employees and the local population
4. Priority on employment is given to the community in the locality


Le linee guida incentivano inoltre il coinvolgimento delle popolazioni locali attraverso il contract farming e invitano gli investitori a contribuire allo sviluppo locale attraverso la fornitura di servizi sociali e infrastrutture.

Nel Novembre del 2012, un membro del Parlamento ha formalmente richiesto al governo di interrompere le grandi concessioni, a prescindere dallo scopo dell'investimento. La discussione generata ha portato alla proposta di introdurre un tetto alle dimensioni e alla durata delle concessioni. Il Tanzania Investment Center ha annunciato la pubblicazione, entro la fine del 2013, delle Guidelines for land allocation to investors. Il progetto prevede un limite nelle dimensioni delle concessioni che varia a seconda della tipologia dell'investimento. Ad esempio per la produzione dello zucchero e del riso sono previsti limiti rispettivamente di 10 mila e 5 mila ettari. Inoltre, secondo quanto annunciato, un investitore estero potrà ottenere solo un Derivative Right of Occupancy e le acquisizioni di terra saranno possibili solo attraverso il Tanzania Investment Center.

Il governo sta adottando un approccio pragmatico alle concessioni di terra e più in generale allo sviluppo agricolo. La politica di attrazione degli investimenti in agricoltura e la politica di sostegno al passaggio da un'agricoltura di sussistenza a una commerciale e orientata al mercato, sono affiancate, fin dalla riforma del 1999, da un tentativo di edificare un framework legale e un sistema di governante della terra in grado di prevenire fenomeni di and grabbing. Il contesto Tanzaniano potrebbe così essere considerato come un esperimento nazionale del tentativo di regolamentazione del fenomeno del and grabbing promosso in ambito internazionale.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Investimenti in agricoltura in Tanzania tra land grabbing e tentativi di best practices. I casi Sun Biofuels ed Ecoenergy nei distretti di Kisarawe e Bagamoyo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio De Blasis
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Cooperazione Internazionale, Sviluppo e Diritti Umani
  Relatore: Mario Zamponi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo rurale
land grabbing
accaparramento della terra
land use change
land deal
investimenti agricoli
investimenti in agricoltura

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi