Skip to content

I reati culturalmente orientati nel dibattito contemporano

Tutela dello straniero nel processo penale

Il problema della difesa dell’imputato straniero assume sempre più rilevanza proprio perché l’incremento dell’immigrazione aumenta il numero dei casi in cui i giudici sono chiamati a giudicare persone immigrate che parlano poco o che non parlano affatto la lingua italiana.
Indubbiamente la barriera linguistica è un ostacolo cruciale giacché l’accusato deve essere in grado di comprendere le accuse che gli vengono mosse e, soprattutto, deve essere posto nella condizione di riuscire a spiegare le sue ragioni in virtù del diritto alla difesa.
Gli stranieri sottoposti ad un processo penale hanno la necessità di usufruire di un interprete linguistico: nella maggior parte dei casi si tratta però non di una persona scelta dall’imputato, ma bensì di un interprete nominato d’ufficio. In tale modo si impedisce sia quella instaurazione di un corretto rapporto fiduciario che si potrebbe creare attraverso un rapporto diretto tra l’accusato e il suo interprete; sia una effettiva difesa dello straniero.
La questione della giusta difesa dell’imputato straniero trova riscontri sia a livello nazionale (artt. 10, 24, 33, 110 Cost.) sia in diverse convenzioni internazionali. Però, nonostante il recepimento di tali accordi nel nostro ordinamento, non solo non vi è alcuna normativa che regoli l’esercizio dell’attività di interprete avanti agli uffici giudiziari, ma non vi è ancora una specifica normativa che regoli la professione dell’interprete in generale.
Sulla questione si è recentemente pronunciata la Corte Costituzionale (sentenza n. 254/2007) la quale, rifacendosi all’art. 14 del Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, ha stabilito che: «la retribuzione dell’interprete è ope legis a carico dello Stato, ed ancor più lo è in caso di ammissione al gratuito patrocinio, com’è nella fattispecie; che l’interprete deve essere interprete professionale e quindi deve avere una preventiva abilitazione all’esercizio della professione di interprete giudiziario; che il diritto ad avere un interprete è dell’accusato e non dell’A.G., che nominerà altro interprete per l’Ufficio con la conseguenza che è in primis l’accusato che ha diritto a nominare un interprete quale ausiliario della sua difesa; che l’interprete dell’imputato e/o indagato è parte attiva del processo quale ausiliario del difensore e quindi non può essere considerata una presenza semplicemente tollerata nel procedimento».
Allo scopo di assicurare un effettivo giusto processo per le persone straniere, si è pronunciata anche la Corte di Cassazione con la sentenza n. 4929 del 7 febbraio 2008. In sostanza essa prevede l'estensione dell'obbligo di tradurre, nella lingua dell'imputato, tutti gli atti scritti del procedimento penale, al fine di consentire la più ampia comprensione possibile dell'accusa formulata all'imputato ed una consapevole conoscenza del compimento degli atti a cui partecipa.
Oltre all’aspetto meramente linguistico, indubbiamente importante per giudicare equamente la condotta dello straniero, sarebbe auspicabile l’utilizzo di esperti culturali affinché gli organi chiamati a decidere possano effettivamente comprendere le motivazioni dell’agire degli imputati immigrati nonché il loro effettivo significato. Si tratterebbe,cioè, di esplicare maggiormente il principio dell’uguaglianza giacché tale concetto si riferisce anche all’eguaglianza procedurale in relazione ad una ricostruzione e ad un accertamento veritiero e pertinente dei fatti. A tale scopo si potrebbero consentire delle “perizie culturali” redatte da esperti della cultura a cui appartiene l’imputato. Attraverso tali persone qualificate sarebbe possibile comprendere il punto di vista dell’imputato straniero, evidenziando gli usi, i costumi ed i valori a cui tale soggetto fa riferimento.
Attraverso consulenze culturali sarebbe possibile ovviare a due tipi di problemi. In primo luogo, si agevolerebbe una veritiera ricostruzione dei fatti attraverso l’analisi dell’elemento psicologico il quale è in molti reati un elemento strutturale della fattispecie criminosa. Ad esempio nel caso delle già citate MGF, l’art. 583 bis c.p. richiede, per la sussistenza del reato, il dolo specifico di menomare le funzioni sessuali: per valutare l’elemento psicologico nel caso di specie è molto importante comprendere le ragioni della condotta tenuta dall’agente le cui motivazioni sono strettamente legate dalla cultura di appartenenza nonché dal background culturale.
In secondo luogo, ricorrendo alla competenza di esperti culturali si ovvierebbe il rischio che l’imputato sostenga a sua difesa una cultural defence basata su una pratica in disuso o mai esistita, ovvero che l’imputato si professi appartenente ad una determinata cultura solo per poter usufruire di un trattamento di favore.
Nel caso in cui si ammettesse l’utilizzo di esperti culturali all’interno dei procedimenti giudiziari sarebbe necessario provvedere a creare una disciplina apposita sulla scia di quanto affermato dalla Costituzione all’art. 33. Si potrebbe inoltre creare un elenco simile a quello per C.T.U. contenente le varie competenze dei soggetti abilitati a fornire una consulenza in ambito culturale, in modo tale che la difesa possa agevolmente avvalersi di tali professionisti. Ovviamente prima di tutto sarebbe necessario istituire degli appositi corsi atti a formare la figura dell’esperto culturale; peraltro si potrebbero utilizzare tali insegnamenti didattici anche per ampliare le competenze delle altri parti del processo quali i giudici e gli avvocati. Facendo ciò si consentirebbe una maggior cognizione di causa qualora ci si trovasse ad affrontare i sempre più frequenti casi di reati culturali.
Con questa breve trattazione si è cercato di evidenziare, da un lato, la straordinaria e crescente mole nonché peculiarità dei processi riguardanti gli stranieri, dall'altro, l'urgenza di una maggiore attenzione da parte del legislatore all'adeguamento della prassi giudiziaria ad alcuni degli standard fondamentali che caratterizzano lo svolgimento di un giusto processo, ovvero, la giusta considerazione della tutela dei diritti fondamentali dell'imputato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I reati culturalmente orientati nel dibattito contemporano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Egle Boato
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Baldassarre Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

multiculturalismo
reati culturali
cultural offences
reati culturalmente orientati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi