Skip to content

Traduzione e graphic novel

Fumetto tradizionale e graphic novel

A questo punto verrebbe da chiedersi, allora, cosa il graphic novel abbia conservato delle caratteristiche del fumetto. Ciò che infatti non dev'essere sottovalutato è il rapporto capitale tra testo e immagine, fondamentale dell'essenza stessa del fumetto. L'aspetto grafico, nel senso stretto dell'immagine disegnata, è lo strumento chiave di cui si serve l"autore per esprimere e trasmettere in maniera diretta le sensazioni provate dal personaggio quindi è incisivo, per esempio, il tipo di uso che si fa del colore (ad ogni tonalità corrisponde infatti una precisa emozione) o del tratto, che può essere fluido o più studiato, a seconda anche dello stile proprio dell'autore. Tuttavia, il graphic novel spesso si allontana dalle forme tradizionali, quali la rappresentazione in vignette e l'espressione attraverso i balloon: in Ethel and Ernest, per esempio, molte sono le scene in cui alle vignette che costituiscono una tavola si sostituisce un unico disegno, e i personaggi non di rado si esprimono senza il "palloncino" del testo. Un cambiamento avviene anche per quanto riguarda l'estetica: se il fumetto tradizionale, infatti, tende ad una rappresentazione, generalmente di tipo realistica, che sia anche gradevole, "nel graphic novel assume minore importanza la bellezza estetica della parte grafica del fumetto, a vantaggio della componente verbale". Qui si riflette la sostanziale differenza tra fumetto e graphic novel. Mentre il primo ha una funzione d'intrattenimento, il secondo s'inserisce direttamente nel dibattito culturale in quanto lo scopo non si limita più al divertissement ma converge l'esigenza di trasmettere un'idea, di diffondere una notizia oppure di denunciare una particolare situazione.

Infine, la nascita del graphic novel ha avuto effetti benefici sul fumetto tradizionale stesso. Come si è visto, è da quell' "arte di massa" che è il fumetto tradizionale che è nato il graphic novel, genere decisamente più elitario. Una precisazione apparentemente ovvia è che si definisce elitario o di massa un romanzo, un film in base al riscontro che esso ha con il pubblico. Il pubblico del fumetto tradizionale è un pubblico estremamente eterogeneo, e di solito si tratta di adolescenti o di individui non particolarmente istruiti; al contrario, come si è detto, il graphic novel è destinato ad un lettore dotato, generalmente, di una buona cultura. Paradossalmente, però, è quest'ultima categoria di lettori a presentare le maggiori resistenze alla forma del graphic novel (essendo un pubblico acculturato si rapporta al fumetto con diffidenza se non addirittura con disprezzo). Ancora una volta, è dalla "massa", che si è via via "acculturata", che nasce "il desiderio e la capacità di accedere anche a livelli culturalmente più alti."

Di conseguenza, a livello pratico, la domanda del prodotto cresce, e gli organi dell'offerta (vale a dire editori) cominciano a guardare con maggiore interesse a questo specifico prodotto, ed è grazie a quest'ultimi che il graphic novel è riuscito a "sopravvivere" e a diffondersi: presentato sotto forma di volume, e posto quindi sullo stesso piano dei normali libri, il graphic novel si è così imposto all'attenzione e all'interesse dei critici, che, entrando in contatto con esso, hanno reso possibile un avvicinamento tra lettori istruiti e questa forma non tradizionale del graphic novel, fino a far sì che anche il fumetto di carattere più popolare sia, gradualmente, guardato con maggiore tolleranza e sia pure, talvolta, apprezzato dagli "intellettuali": a indicare il favore che questo nuovo genere ha suscitato anche nelle "classi alte", cito l'articolo del 30 agosto 2007 sul Messaggero di Goffredo Fofi, in cui il giornalista sostiene addirittura che il graphic novel abbia soppiantato tutti gli altri mezzi di comunicazione e intrattenimento. Egli motiva la sua affermazione dichiarando che la letteratura stessa, oggi, si è sottoposta alle leggi del mercato, con la conseguenza che alla qualità si preferisca la quantità, e i romanzi che vengono "sfornati" a grande velocità sono per lo più banali e destinati a un breve successo. Nella sua critica, Fofi include anche la televisione e il cinema, accusandoli di non essere più in grado di stimolare l'interesse del grande pubblico: di fatto, ci sono numerosi autori e registi di riconosciuto valore, eppure sono sempre più lontani dalla massa. In parallelo al cinema documentario, secondo Fofi, il graphic novel può, invece, "sperimentare in tutte le direzioni", in grado dunque di interpretare la molteplicità di forme e temi grazie alla sua essenziale duttilità (ogni autore, infatti, scrive e interpreta secondo un proprio modo originale).

Inoltre, sempre in contrasto alla facilità di scrittura dei moderni scrittori, il giornalista si sofferma su una riflessione apparentemente banale, ma in realtà indicativa anche del valore che andrebbe riconosciuto al graphic novel. Esso non è il prodotto di un'équipe di tecnici, è infatti uno solo l'autore che scrive i testi e che disegna la vera e propria storia: "Ci vuole un soggetto, poi una sceneggiatura con relativa divisione per immagini e testo che le accompagni, e disegnare ogni pagina vuol dire pensarla all'interno di un insieme, sequenza per sequenza e inquadratura per inquadratura, pagina per pagina, attraverso singoli accadimenti, particolari, segni. Grafica e disegno devono per forza allearsi alla sceneggiatura e tener conto della "continuità" narrativa; ma ogni autore può seguire un suo metodo, avere una sua cifra: un suo stile, una sua vocazione, una sua morale."
Diversa è l'interpretazione del graphic novel di Antonio Serra, autore di Nathan Never, il quale, nella trasmissione Glob di Rai Tre del dicembre 2008, sostiene addirittura che, in particolar modo in Italia (il Paese dal più alto numero di lettori di fumetti) il graphic novel sia nato per una questione anagrafica del pubblico di questo settore: poiché i lettori dei fumetto sono cresciuti di età, hanno cominciato ad avere esigenze diverse, a desiderare un fumetto non più solo fantastico o d'azione ma di carattere più maturo e introspettivo, ed è per soddisfare questa richiesta, sentita anche dagli autori, che nasce il romanzo grafico. Inoltre, questa è una tesi condivisa anche dalla rivista internazionale di studi americani Ácoma 38: "Graphic novel": un'etichetta che, segnalando la maturazione del genere (attraverso l'abbandono dell'antico "comics", col suo suggerimento di disimpegnata levità), esprime l'impegno e al tempo stesso torna a legittimare l'interesse di una generazione anch'essa matura, cresciuta sui fumetti e nel frattempo transitata ad altre "più serie" attività (fra cui la creazione di graphic novels).
Naturalmente con questo non si vuole intendere una sorta di estinzione del fumetto tradizionale, anche se bisogna riconoscere che, in effetti, tra i ragazzi e gli altri che potrebbero essere un potenziale pubblico del fumetto tradizionale, i lettori di questo genere siano oggi in numero notevolmente inferiore rispetto, per esempio, ai lettori di comics del XX secolo. Tuttavia questo discorso non tiene conto del fenomeno nipponico, il cosiddetto manga, un tipo di fumetto che, a partire dagli anni Ottanta, ha riscosso e sta riscuotendo un grande successo tra i più e meno giovani, in Europa e nel mondo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Traduzione e graphic novel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Venti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Barbara Antonucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 253

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

traduzione
graphic novel
raimond briggs
fumetto
romanzo grafico
strategie di traduzione
traduzione obliqua
ethel&ernest

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi